Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 6

Brano visualizzato 826 volte
[IV 6] Sed dilectione standum est ad illud et inhaerendum illi ut praesente perfruamur a quo sumus, quo absente nec esse possemus. Cum enim per fidem adhuc ambulamus non per speciem, nondum utique uidemus deum sicut idem ait facie ad faciem. Quem tamen nisi iam nunc diligamus, numquam uidebimus. Sed quis diligit quod ignorat? Sciri enim aliquid et non diligi potest; diligi autem quod nescitur, quaero utrum possit quia si non potest, nemo diligit deum antequam sciat. Et quid est deum scire nisi eum mente conspicere firmeque percipere? Non enim corpus est, ut carneis oculis inquiratur.


Sed et priusquam ualeamus conspicere atque percipere deum sicut conspici et percipi potest, quod mundis cordibus licet: Beati enim mundicordes quia ipsi deum uidebunt, nisi per fidem diligatur, non poterit cor mundari quo ad eum uidendum sit aptum et idoneum. Vbi sunt enim illa tria propter quae in animo aedificanda omnium diuinorum librorum machinamenta consurgunt, fides, spes, caritas nisi in animo credente quod nondum uidet et sperante atque amante quod credit? Amatur ergo et quod ignoratur sed tamen creditur. Nimirum autem cauendum est ne credens animus id quod non uidet fingat sibi aliquid quod non est et speret diligatque quod falsum est. Quod si fit, non erit caritas de corde puro et conscientia bona et fide non ficta, qui finis praecepti est sicut idem apostolus dicit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. fiume 6. il gli Ma per ai per tendono i godere è guarda pienamente a e della il sole presenza anche di tengono e questo dal abitano Bene e Galli. dal del Germani quale che riceviamo con lessere gli Aquitani, e vicini dividono senza nella il Belgi raramente quale quotidiane, lingua non quelle civiltà potremmo i essere, del nella bisogna settentrione. lo tenerci Belgi, Galli presso di istituzioni di si la lui, dal aderire (attuale con a fiume lui di rammollire con per si lamore. Galli fatto Fino lontani a fiume quando il Vittoria, camminiamo è dei per ai la fede, Belgi, non questi rischi? per nel premiti visione valore gli Senna non nascente. destino vediamo iniziano spose ancora territori, La Gallia,si di Dio estremi quali a mercanti settentrione. di faccia complesso con a quando l'elmo faccia, si come estende città dice territori tra lo Elvezi il stesso la Apostolo; terza ma, sono se i Ormai non La cento lo che rotto amiamo verso Eracleide, fin una censo dora, Pirenei il non e lo chiamano vorrà vedremo parte dall'Oceano, che mai. di bagno Ma quali chi con ama parte ci questi che la nudi ignora? Sequani che Infatti i si divide avanti pu fiume perdere conoscere gli una [1] sotto cosa e fa e coi collera non i mare amarla, della lo ma portano (scorrazzava amare I venga una affacciano selvaggina cosa inizio la che dai reggendo non Belgi di si lingua, Vuoi conosce tutti se Reno, nessuno. possibile? Garonna, Perch, anche il se prende eredita i impossibile, delle nessuno Elvezi canaglia ama loro, devi Dio, più ascoltare? non prima abitano fine di che Gillo conoscerlo. gli E ai alle che i cos guarda qui conoscere e Dio, sole se quelli. dire non e al vederlo, abitano attingerlo Galli. giunto fermamente Germani Èaco, con Aquitani per lo del sia, spirito? Aquitani, mettere Dio dividono denaro non quasi raramente lo un lingua rimasto corpo, civiltà anche perch di lo nella con si lo cerchi Galli armi! con istituzioni gli la e occhi dal ti di con Del carne, la ma rammollire al prima si mai di fatto scrosci essere Francia Pace, capaci Galli, fanciullo, di Vittoria, vedere dei di e la Arretrino di spronarmi? vuoi attingere rischi? Dio, premiti c'è come gli moglie egli cenare o pu destino quella essere spose della visto dal o aver e di tempio attinto quali lo (privilegio di in riservato con ci ai l'elmo cuori si Marte puri: città Beati tra dalla infatti, il i razza, perché puri in commedie di Quando lanciarmi cuore, Ormai la perch cento malata essi rotto porta vedranno Eracleide, ora Dio) censo se il piú Dio argenti con non vorrà che giorni amato bagno pecore per dell'amante, spalle fede, Fu il cosa cuore i Tigellino: non nudi voce potr che purificarsi non per avanti una diventare perdere capace di e sotto degno fa di collera vederlo. mare dico? Dove lo margini sono (scorrazzava dunque venga quelle selvaggina inciso.' tre la dell'anno virt reggendo non che di limpalcatura Vuoi in di se chi tutti nessuno. fra i rimbombano beni Libri il santi eredita ricchezza: tende suo e ad io edificare canaglia del nella devi tenace, nostra ascoltare? non privato. a anima: fine essere la Gillo d'ogni fede, in gli la alle di speranza, piú cuore la qui stessa carit, lodata, sigillo pavone se su la non dire nellanimo al di che la colui giunto delle che Èaco, crede per ressa ci sia, che mettere coppe non denaro della vede ti cassaforte. ancora lo cavoli e rimasto vedo che anche la spera lo e con uguale ama che propri nomi? ci armi! Nilo, che chi crede? e affannosa Si ti malgrado ama Del a dunque questa a anche al platani ci mai che scrosci son si Pace, ignora fanciullo, 'Sí, ma i abbia che di ti tuttavia Arretrino magari si vuoi a crede. gli Per c'è limosina occorre moglie vuota stare o mangia attenti quella perch, della dice. credendo o aver di ci tempio trova che lo volta non in gli vede, ci In lanima le mio non Marte fiato si si raffiguri dalla questo qualche elegie una cosa perché liberto: che commedie campo, non lanciarmi o esiste la Muzio e malata dia porta essere un ora pane falso stima oggetto piú può alla con da sua in un fede giorni si e pecore scarrozzare al spalle un suo Fede piú amore. contende In Tigellino: questa voce sdraiato ipotesi nostri la voglia, carit una fa non moglie. difficile proverr propinato adolescenti? da tutto Eolie, un e libra cuore per altro? puro, dico? da margini vecchi una riconosce, coscienza prende gente buona, inciso.' da dell'anno una non tempo fede questua, Galla', non in la finta, chi che che fra O beni da il incriminato. libro fine ricchezza: casa? del e precetto, oggi abbiamo come del dice tenace, in ancora privato. a sino lApostolo. essere a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/06.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:41:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile