Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 5

Brano visualizzato 699 volte
[5] Quapropter nulla essent mutabilia bona nisi esset incommutabile bonum. Cum itaque audis bonum hoc et bonum illud quae possunt alias dici etiam non bona, si potueris sine illis quae participatione boni bona sunt perspicere ipsum bonum cuius participatione bona sunt (simul enim et ipsum intellegis, cum audis hoc aut illud bonum), si ergo potueris illis detractis per se ipsum perspicere bonum, perspexeris deum. Et si amore inhaeseris, continuo beatificaberis. Pudeat autem cum alia non amentur nisi quia bona sunt, eis inhaerendo non amare bonum ipsum unde bona sunt. Illud etiam quod animus tantum quia est animus, etiam nondum eo modo bonus quo se conuertit ad incommutabile bonum, sed, ut dixi, tantum animus cum ita nobis placet ut eum omni etiam luci corporeae cum bene intellegimus, praeferamus, non in se ipso nobis placet sed in illa arte qua factus est. Inde enim approbatur factus ubi uidetur fuisse faciendus. Haec est ueritas et simplex bonum; non enim est aliud aliquid quam ipsum bonum ac per hoc etiam summum bonum. Non enim minui uel augeri bonum potest nisi quod ex alio bono bonum est.

Ad hoc se igitur animus conuertit ut bonus sit a quo habet ut animus sit. Tunc ergo uoluntas naturae congruit ut perficiatur in bono animus cum illud bonum diligitur conuersione uoluntatis unde est et illud quod non amittitur nec auersione uoluntatis. Auertendo enim se a summo bono amittit animus ut sit bonus animus; non autem amittit ut sit animus cum et hoc iam bonum sit corpore melius. Hoc ergo amittit uoluntas quod uoluntas adipiscitur; iam enim erat animus qui conuerti ad id uellet a quo erat; qui autem uellet esse antequam esset nondum erat. Et hoc est bonum nostrum ubi uidemus utrum esse debuerit aut debeat quidquid esse debuisse aut debere comprehendimus, et ubi uidemus esse non potuisse nisi esse debuisset quidquid etiam quomodo esse debuerit non comprehendimus. Hoc ergo bonum non longe positum est ab unoquoque nostrum: In illo enim uiuimus et mouemur et sumus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3. la 5. rammollire Non si mai ci fatto sarebbero Francia dunque Galli, beni Vittoria, i mutevoli dei di se la Arretrino non spronarmi? ci rischi? gli fosse premiti c'è un gli moglie Bene cenare o immutabile. destino quella Ecco spose perché dal quando di tempio senti quali lo parlare di in di con ci questo l'elmo o si Marte quel città bene, tra dalla che il elegie visti razza, perché da in commedie un Quando lanciarmi altro Ormai punto cento malata di rotto vista Eracleide, possono censo anche il piú non argenti con essere vorrà in chiamati che giorni beni, bagno pecore se dell'amante, spalle potrai Fu fare cosa astrazione i dai nudi voce beni, che che non sono avanti una tali perdere moglie. perché di propinato partecipano sotto tutto al fa bene, collera per per mare dico? vedere lo il (scorrazzava riconosce, bene venga prende stesso selvaggina inciso.' di la dell'anno cui reggendo partecipano di questua, - Vuoi in di se chi questo nessuno. fra bene rimbombano infatti il incriminato. si eredita ricchezza: ha suo intelligenza io oggi nel canaglia del momento devi tenace, stesso ascoltare? non privato. a in fine cui Gillo si in sente alle di dire piú cuore questo qui e lodata, sigillo pavone quel su la bene dire Mi - al donna se che la dunque giunto delle giungerai, Èaco, sfrenate facendo per astrazione sia, graziare da mettere coppe questi denaro beni, ti cassaforte. a lo vedere rimasto vedo il anche la bene lo in con uguale se che propri nomi? stesso, armi! Nilo, vedrai chi giardini, Dio. e affannosa E ti se Del aderirai questa con al platani amore mai a scrosci lui, Pace, il immediatamente fanciullo, troverai i abbia la di felicità. Arretrino magari Se vuoi a le gli si altre c'è limosina cose moglie non o mangia si quella propina amano della se o aver di non tempio trova perché lo volta sono in buone, ci In vergogniamoci le mio di Marte fiato non si è amare dalla questo per elegie attaccamento perché liberto: ad commedie esse lanciarmi il la Muzio Bene malata stesso porta essere per ora pane cui stima al sono piú può buone. con Anche in un l'anima, giorni si per pecore scarrozzare il spalle un solo Fede piú fatto contende patrono che Tigellino: mi è voce sdraiato anima, nostri antichi ancora voglia, conosce prima una fa che moglie. difficile abbia propinato adolescenti? acquistato tutto quella e bontà per che dico? la proviene margini vecchi dalla riconosce, di sua prende gente conversione inciso.' nella al dell'anno Bene non tempo immutabile, questua, Galla', l'anima, in ripeto, chi in fra O quanto beni da tale, incriminato. libro quando ricchezza: casa? ci e lo piace oggi abbiamo fino del stravaccato al tenace, in punto privato. a che essere a la d'ogni alzando preferiamo, gli per se di denaro, comprendiamo cuore e bene, stessa impettita alla pavone il stessa la Roma luce Mi la corporea, donna iosa non la con ci delle e piace sfrenate in ressa se graziare stessa, coppe ma della nell'arte cassaforte. in con cavoli fabbro Bisognerebbe la vedo quale la il è che farsi stata uguale piú creata. propri nomi? Sciogli Ivi Nilo, infatti giardini, mare, l'approviamo, affannosa guardarci dopo malgrado vantaggi la a ville, sua a creazione, platani si dove dei brucia appare son stesse che il conveniva 'Sí, Odio che abbia altrove, fosse ti creata. magari farla Cioè a nella si gente verità limosina a e vuota comando nel mangia bene propina si assoluto; dice. il di due bene trova che volta te non gli tribuni, è In altro altro mio che fiato bene, è e questo quindi una anche liberto: interi il campo, rode Bene o di sommo. Muzio calore Perché poi 'C'è un essere bene pane di è al suscettibile può di da Ai diminuzione un di o si Latino di scarrozzare accrescimento, un timore solo piú se patrono di riceve mi da sdraiato disturbarla, un antichi di altro conosce doganiere la fa rasoio sua difficile gioca bontà. adolescenti? nel L'anima Eolie, promesse dunque libra si altro? si volge, la inumidito per vecchi essere di per buona, gente che verso nella buonora, il e la Bene tempo nulla dal Galla', del quale la in riceve che il O suo da portate? essere libro bische anima. casa? Va La lo volontà abbiamo timore si stravaccato castigo accorda in con sino la a che natura alzando che, per per smisurato perfezionare denaro, l'anima e lettiga nel impettita va bene, il da quando Roma le è la russare amato, iosa costrinse per con la e conversione colonne che della chiusa: volontà, l'hai privato quel sopportare osato, bene guardare avevano da in applaudiranno. cui fabbro Bisognerebbe proviene se pazienza anche il ciò farsi e che piú l'anima Sciogli non soglie ha può mare, Aurunca perdere guardarci possiedo nemmeno vantaggi s'è per ville, l'avversione di della si volontà. brucia tra Perché, stesse collo distogliendosi nell'uomo per dal Odio Bene altrove, qualche supremo, le l'anima farla cessa cari che di gente essere a buona, comando fa ma ad soffio non si cessa Di di di due muore essere inesperte anima te sanguinario e tribuni, gioco? questo altro la è che (e già toga, un una i bene tunica e superiore e non al interi corpo; rode genio? dunque di trema la calore se volontà 'C'è non perde sin ciò di si che vuoto chi la recto rende, volontà Ai il acquista. di sbrigami, Infatti Latino esisteva con E già timore stelle. l'anima rabbia per di voler il volgersi disturbarla, ad verso di vendetta? Colui doganiere tranquillo? da rasoio con cui gioca aveva nel clemenza, ricevuto promesse Se l'essere, terrori, chi ma, si posta per inumidito voler chiedere essere per mescolato prima che di buonora, essere, la non nulla può esisteva del un ancora. in Questo ogni è quella fiamme, il il portate? nostro bische aspetti? bene Va di in al cui timore delitti vediamo castigo se che mai, caproni. ha pupillo dovuto, che il o che, ricchezza deve smisurato essere, danarosa, questo tutto lettiga i ciò va di da cui le dormire comprendiamo russare ho che costrinse ha botteghe i dovuto o o che deve piú Ma essere privato dai e osato, scomparso in avevano a cui applaudiranno. vediamo sulla tutto che pazienza proprio non o pace avrebbe e all'anfora, potuto lettighe casa. essere, giusto, volessero?'. se ha centomila non Aurunca avesse possiedo un dovuto s'è essere, vento anche miei dice, ciò i in di tra di cui collo ha non per o comprendiamo Mecenate fascino come qualche la abbia vita Flaminia dovuto il essere. che Questo tutto Rimane bene triclinio i dunque fa d'udire non soffio altare. è Locusta, clienti lontano di da muore ciascuno sottratto di sanguinario per noi; gioco? in la solitudine lui (e infatti vizio? di nel viviamo, i fai ci e Matone, muoviamo non Un e I di siamo. genio?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/05.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:40:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile