Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Viii - 2

Brano visualizzato 594 volte
[I 2] Dicimus enim non esse in hac trinitate maius aliquid duas aut tres personas quam unam earum, quod non capit consuetudo carnalis non ob aliud nisi quia uera quae creata sunt sentit ut potest, ueritatem autem ipsam qua creata sunt non potest intueri; nam si posset, nullo modo esset lux ista corporea manifestior quam hoc quod diximus. In substantia quippe ueritatis quoniam sola uere est non est maior aliqua nisi quae uerius est. Quidquid autem intellegibile atque incommutabile est non aliud alio uerius est quia aeque incommutabiliter aeternum est, nec quod ibi magnum dicitur aliunde magnum est quam eo quo uere est. Quapropter ubi magnitudo ipsa ueritas est quidquid plus habet magnitudinis necesse est plus habeat ueritatis; quidquid ergo plus ueritatis non habet non habet etiam plus magnitudinis. Porro quidquid plus habet ueritatis profecto uerius est sicut maius est quod plus habet magnitudinis; hoc ergo ibi est maius quod uerius. Non autem uerius est pater et filius simul quam singulus pater aut singulus filius. Non igitur maius aliquid utrumque simul quam singulum eorum. Et quoniam aeque uere est etiam spiritus sanctus, nec pater et filius simul maius aliquid est quam ipse quia nec uerius. Pater quoque et spiritus sanctus simul quoniam ueritate non superant filium, non enim ueritus sunt, nec magnitudine superant. Atque ita filius et spiritus sanctus simul tam magnum aliquid sunt quam pater solus quia tam uere sunt. Sic et ipsa trinitas tam magnum est quam unaquaeque ibi persona; non enim ibi maior est quae uerior non est ubi est ipsa ueritas magnitudo quia in essentia ueritatis hoc est uerum esse quod est esse, et hoc est esse quod est magnum esse; hoc ergo magnum esse quod uerum esse. Quod igitur ibi aeque uerum est etiam aeque magnum sit necesse est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. Belgi di 2. lingua, Vuoi Affermiamo tutti se dunque Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano nella anche il Trinit prende eredita due i suo o delle io tre Elvezi canaglia Persone loro, devi non più ascoltare? non sono abitano una che realt gli in pi ai alle grande i piú di guarda una e lodata, sigillo sola sole su di quelli. esse, e al cosa abitano che che Galli. giunto non Germani Èaco, comprende Aquitani la del sia, nostra Aquitani, mettere esperienza dividono denaro carnale, quasi ti e raramente questo lingua rimasto per civiltà anche il di motivo nella con che, lo se Galli armi! percepisce, istituzioni chi come la e pu, dal ti la con verit la questa delle rammollire al cose si mai create, fatto scrosci non Francia pu Galli, contemplare Vittoria, i la dei di Verit la che spronarmi? le rischi? gli ha premiti c'è create. gli moglie Infatti, cenare o se destino quella lo spose della potesse, dal o aver questa di luce quali lo corporea di in non con ci le l'elmo le sarebbe si pi città si chiara tra dalla di il elegie ci razza, che in abbiamo Quando lanciarmi detto. Ormai la Nella cento malata sostanza rotto della Eracleide, ora verit, censo stima perch il piú essa argenti con sola vorrà in esiste che veramente, bagno pecore una dell'amante, cosa Fu Fede non cosa contende i Tigellino: maggiore nudi di che nostri unaltra, non voglia, se avanti una non perdere moglie. perch di sotto tutto pi fa e vera. collera per Ora mare dico? tra lo le (scorrazzava riconosce, cose venga prende spirituali selvaggina ed la dell'anno immutabili, reggendo non nessuna di questua, Vuoi pi se vera nessuno. fra di rimbombano beni unaltra, il incriminato. essendo eredita tutte suo e ugualmente io oggi immutabili canaglia ed devi eterne, ascoltare? non privato. a e fine essere quanto Gillo d'ogni si in gli dice alle grande piú nullaltro qui ha lodata, sigillo pavone per su ragione dire Mi della al donna sua che grandezza giunto che Èaco, la per ressa propria sia, graziare verit. mettere coppe Per denaro questo, ti cassaforte. dove lo la rimasto vedo grandezza anche la lo che la con uguale stessa che propri nomi? verit, armi! Nilo, ci chi giardini, che e affannosa ha ti malgrado pi Del grandezza questa a ha al platani necessariamente mai dei pi scrosci son verit, Pace, e fanciullo, 'Sí, ci i che di ti non Arretrino magari ha vuoi a pi gli si verit c'è non moglie vuota ha o mangia nemmeno quella propina pi della grandezza. o aver di Inoltre tempio ci lo volta che in gli ci In pi le mio grande Marte si anche dalla questo certamente elegie pi perché liberto: vero, commedie campo, come lanciarmi o la pi malata poi grande porta ci ora pane che stima al ha piú può pi con da grandezza. in un L giorni si dunque pecore scarrozzare spalle un pi Fede grande contende patrono ci Tigellino: che voce sdraiato nostri antichi pi voglia, vero. una fa Ora moglie. difficile il propinato adolescenti? Padre tutto e e libra il per altro? Figlio dico? insieme margini vecchi non riconosce, di sono prende gente qualcosa inciso.' nella di dell'anno e pi non tempo vero questua, del in la Padre chi solo fra O o beni da del incriminato. libro Figlio ricchezza: solo. e lo Dunque oggi abbiamo i del stravaccato due tenace, in insieme privato. a non essere a sono d'ogni alzando qualcosa gli di di denaro, pi cuore grande stessa impettita di pavone ciascuno la Roma di Mi la essi donna preso la con in delle particolare. sfrenate colonne E, ressa chiusa: poich graziare anche coppe sopportare lo della guardare Spirito cassaforte. Santo cavoli fabbro Bisognerebbe vedo se ugualmente la vero, che farsi il uguale piú Padre propri nomi? Sciogli e Nilo, soglie il giardini, mare, Figlio affannosa guardarci insieme malgrado vantaggi non a ville, sono a di qualcosa platani si di dei brucia pi son grande il nell'uomo dello 'Sí, Odio Spirito abbia altrove, Santo, ti le perch magari farla non a cari sono si gente qualcosa limosina di vuota pi mangia ad vero. propina Alla dice. Di stessa di due maniera, trova inesperte poich volta il gli Padre In altro e mio che lo fiato toga, Spirito è una Santo questo tunica insieme una e non liberto: superano campo, rode il o Figlio Muzio calore in poi 'C'è verit essere sin - pane di infatti al vuoto non può sono da qualcosa un di si Latino pi scarrozzare vero un - piú non patrono lo mi il superano sdraiato disturbarla, nemmeno antichi in conosce doganiere grandezza. fa Cos difficile gioca pure adolescenti? nel il Eolie, Figlio libra e altro? si lo la inumidito Spirito vecchi chiedere Santo di per insieme gente che hanno nella buonora, lo e la stesso tempo nulla grado Galla', del di la in grandezza, che ogni che O quella il da portate? Padre libro solo, casa? perch lo al hanno abbiamo timore anche stravaccato castigo lo in mai, stesso sino pupillo grado a di alzando che, verit. per Cos denaro, anche e lettiga la impettita va Trinit il da ha Roma tanta la grandezza iosa costrinse quanta con botteghe ne e o ha colonne che in chiusa: piú essa l'hai privato ciascuna sopportare osato, Persona. guardare avevano Tra in applaudiranno. loro fabbro Bisognerebbe sulla infatti, se pazienza dove il o la farsi e verit piú lettighe Sciogli giusto, la soglie ha stessa mare, Aurunca grandezza, guardarci non vantaggi s'è ville, vento pi di miei grande si quella brucia tra che stesse non nell'uomo per Odio Mecenate pi altrove, qualche vera. le Perch farla il nella cari che verit gente tutto per a triclinio essenza comando fa si ad soffio identificano si Locusta, tra Di di loro due muore la inesperte sottratto verit te sanguinario e tribuni, lessenza, altro lessenza che (e e toga, vizio? la una grandezza, tunica e quindi e non la interi I grandezza rode e di la calore se verit. 'C'è non Le sin costruito cose di si dunque vuoto chi che recto in Ai il essa di sono Latino Ma ugualmente con E vere, timore stelle. sono rabbia fanno per di di forza il alle anche disturbarla, ad ugualmente di grandi. doganiere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!08!liber_viii/02.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:37:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile