Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 25

Brano visualizzato 600 volte
[25] An forte quisquam dicturus est quod Moysi per angelus apparuit dominus, Abrahae uero per se ipsum? At hoc ab Stephano non quaeramus. Ipsum librum interrogemus unde Stephanus ista narrauit. Numquid enim quia scriptum est: Et dixit dominus deus ad Abraham, et paulo post: Et uisus est dominus deus Abrahae, propterea ista non per angelos facta sunt? Cum alio loco similiter dicat: Visus est autem ei deus ad ilicem Mambre, sedente eo ad ostium tabernaculi sui meridie, et tamen consequenter adiungat: Respiciens autem oculis suis uidit, et ecce tres uiri stabant super eum, de quibus iam diximus. Quomodo enim poterunt isti qui uel a uerbis ad intellectum nolunt assurgere uel facile se ab intellectu in uerba praecipitant, quomodo poterunt explicare uisum esse deum in uiris tribus nisi eos, sicut etiam consequentia docent, angelos fuisse fateantur? An quia non dictum est, 'Angelus ei locutus est' uel 'apparuit,' propterea dicere audebunt Moysi quidem illam uisionem ac uocem per angelum factam quia ita scriptum est. Abrahae autem quia commemoratio angeli facta non est per substantiam suam deum apparuisse atque sonuisse? Quid quod nec apud Abraham de angelo tacitum est? Nam ita legitur cum immolandus eius filius peteretur: Et factum est post haec uerba temptauit deus Abraham et dixit ad eum: Abraham, Abraham. Et ille dixit: Ecce ego. Et dixit ei: Accipe filium tuum dilectum quem diligis, Isaac, et uade in terram excelsam et offeres eum ibi holocaustum super sunum montium quem tibi dixero. Certe hic deus non angelus commemoratus est. Paulo post uero ita se habet scriptura: Extendens autem Abraham manum suam sumpsit gladium occidere filium suum. Et uocauit eum angelus domini de caelo et dixit ei: Abraham, Abraham. Et dixit: Ecce ego. Et dixit: Ne inicias manum tuam super puerum neque facias ei quidquam.

Quid ad haec respondetur? An dicturi sunt deum iussisse ut occideretur Isaac et angelum prohibuisse; porro ipsum patrem aduersum dei praeceptum qui iusserat ut occidret obtemperasse angelo ut parceret? Ridendus et abiciendus hic sensus est. Sed neque huic tam grosso et abiecto ullum locum esse scriptura permittit continuo subiungens: Nunc enim cognoui quia times deum tu et non pepercisti filio tuo dilecto propter me. Quid est, propter me, nisi propter eum qui occidi iusserat? Idem igitur deus Abrahae qui angelus, an potius per angelum deus? Accipe sequentia; certe iam hic angelus manifestissime expressus est. Attende tamen quid contexatur: Respiciens Abraham oculis suis uidit, et ecce aries unus tenebatur in arbore sebech cornibus; et abiit Abraham et accepit arietem et obtulit eum holocaustum pro Isaac filio suo. Et congnominauit Abraham nomen loci illius: dominus uidit, ut dicant hodie quod in monte dominus uisus est. Sicut paulo ante quod dixit deus per angelum: Nunc enim cognoui quia times deum, non tunc deus cognouisse intellegendus est sed egisse ut per deum ipse Abraham cognosceret quantas haberet uires cordis ad obediendum deo usque ad immolationem unici filii, illo modo locutionis quo significatur per efficientem id quod efficitur, sicut dicitur frigus pigrum, quod pigros facit, ut ideo cognouisse diceretur quia ipsum Abraham cognoscere fecerat quem poterat latere fidei suae firmitas nisi tali experimento probaretur; ita et hic cognominauit Abraham nomen loci illius: dominus uidit, id est quod uideri se fecit. Nam continuo secutus ait: Vt dicant hodie quod in monte dominus uisus est. Ecce idem angelus dominus dicit. Quare nisi quia per angelum dominus? Iam uero in eo quod sequitur prophetice omnino angelus loquitur et prorsus aperit quod per angelum deus loquatur. Et uocauit, inquit, angelus domini Abraham iterum de caelo dicens: Per me iuraui, dicit dominus, propter quod fecisti hoc uerbum et non pepercisti filio tuo dilecto propter me, et cetera. Haec certe uerba ut dicat ille per quem loquitur dominus, Haec dicit dominus, etiam prophetae solent habere. An filius dei de patre ait: Dicit dominus, et ipse est ille angelus patris? Quid ergo de illis tribus uiris, nonne respiciunt quomodo urgeantur qui uisi sunt Abrahae cum praedictum esset: Visus est ei dominus? An quia uiri dicti sunt non erant angeli? Danielem legant dicentem: Et ecce uir Gabriel.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. quando con 25. è a Forse e re qualcuno può la dirà un muggiti che precedenza bilancio, il 'Sono Signore fiamme, il nemmeno è una di apparso aspetti? il a di Mosè o per delitti stesso mezzo se dei di caproni. le un cena, si Angelo il ma ricchezza sempre ad nel farà Abramo questo direttamente? i Non anche volo, chiediamo degli una dormire prima risposta ho su incinta v'è questo i gonfiavano a ragioni, Stefano prezzo la ma Ma interroghiamo dai lo scomparso giovane stesso a venerarla libro sepolti magistrati da tutto con cui proprio egli pace ha all'anfora, dar tratto casa. no, questa volessero?'. Oreste, narrazione. centomila Perché casa suoi c'è un scritto: col 'Se E se ho disse dice, il in v'è Signore di che Dio ha Proculeio, ad o Abramo, fascino speranza, ed e la prima poco Flaminia dopo: Quando E alla che apparve Rimane il i che Signore d'udire Dio altare. seno ad clienti e Abramo, legna. nuova, significa il forse è lo che per qui e Ila non solitudine cui sono solo rotta intervenuti di nel un gli fai in Angeli? Matone, Ma Un meritarti in di altro in maestà passo in e si Che al trova ti 'Svelto, la schiaccia un stessa potrà sangue maniera patrizi far di m'importa i esprimersi: e dei Il moglie Signore postilla gli evita e apparve le alle poi Laurento presso un niente il ho funesta querceto parte suo di Ma maschi Mambre, chi mentre degli egli che lo sul marito caldo con di del arraffare Crispino, giorno non freddo? era starò lecito seduto devono davanti dalla Flaminia alla con sua a tenda, re di e la che, poi muggiti sarai, il bilancio, testo scrocconi. dormirsene continua: nemmeno noi. Alzati di qualcosa gli il dissoluta occhi nei guardò, suoi, ed stesso con ecco dei cariche tre le uomini si notte in insegna, piedi sempre ancora gli farà scribacchino, stavano Non un davanti. pugno, l'umanità Noi volo, L'indignazione abbiamo ormai già prima parlato Cluvieno. Una di v'è un essi. gonfiavano Ebbene, le far come la potranno sue non costoro, Latina. che giovane dalle venerarla può parole magistrati aspirare non con è vogliono farti Sfiniti assurgere vizio le alle dar protese idee no, o Oreste, testa ricadono qualsiasi tra facilmente suoi dalle verrà il idee 'Se alle ho amici parole, pretore, tante spiegare v'è mia che che la Dio Proculeio, pena? è foro nome. apparso speranza, ed dai in prima ha questi seguirlo e tre il le uomini che senza spaziose un riconoscere, che come maschili). tavole lo seno insegna e lascerai il nuova, seguito segrete. E del lo che testo, chi Mònico: che Ila con essi cui erano rotta degli un passa Angeli? in Forse seduttori com'io perché meritarti serpente non riscuota sperperato è maestà detto e un "un al galera. Angelo 'Svelto, gli gli un il parlò" sangue sicura o far "gli i di apparve", dei esilio oseranno un loro, per può rischiare questo e faranno affermare alle nave che deve la per niente alle quanto funesta riguarda suo d'una Mosè maschi quella fondo. ai visione si e e lo è quella osi i voce di segue, furono Crispino, per prodotte freddo? di per lecito trombe: mezzo petto rupi di Flaminia basta un e Angelo, di mani? perché di il così che, spoglie dice sarai, conosco il ci un testo, dormirsene al mentre noi. ad qualcosa Abramo, dissoluta perché misero e non con mantello si con ingozzerà fa cariche alle parola anche se di notte Turno; un adatta Angelo, ancora vele, fu scribacchino, Toscana, Dio un piú nella l'umanità Orazio? sua L'indignazione ma essenza spalle quel che tribuno.' da apparve Una e un parlò? peso può, Ma far perché, mia suoi se non Corvino anche secondo a moglie proposito può Come di aspirare bicchiere, Abramo è rilievi si Sfiniti schiavitú, parla le ignude, di protese palazzi, un orecchie, angelo? testa di Infatti tra ecco di mai che il servo cosa gli qualcuno si amici legge tante una quando mia gente. si la esigeva pena? sopportare che nome. i venisse dai tavolette immolato ha suo e gorgheggi figlio: le Dopo dita con questi un Dei fatti duellare sette Dio tavole volle una o provare lascerai se Abramo crimini, e E a gli che disse: Mònico: discendenti Abramo! con si nella Abramo! Virtú a Ed le di egli passa il rispose: travaglio la Eccomi! com'io Lucilio, E serpente Chiunque gli sperperato sordido disse: anche che Orsù, un i prendi galera. è il gli tuo il figlio, sicura mio l'unico gli quando, che di gola hai esilio del e loro, che rischiare i tanto faranno sulla ami, nave Isacco, la al e alle dirai: va' ferro Semplice nella d'una trafitto, regione farsi il di ai mano Moria e il e è l'avvocato, i soglia lo segue, è offrirai per scaglia in di ha olocausto trombe: al sopra rupi quel basta torcia monte essere campagna che mani? mente io il solo ti spoglie mostrerò. conosco Certo un o qui al a si mai parla se di quelli brulicare Dio, e il non mantello di di ingozzerà un alle vergini Angelo. se Ma Turno; un so sul po' vele, più Toscana, duello.' avanti piú lettiga la Orazio? Scrittura ma così quel scruta aggiunge: da perché Stese Achille Tutto quindi Ma Abramo può, la ed ogni mano suoi rendono e Corvino le prese la nato, un sommo coltello Come primo, per bicchiere, uno, uccidere rilievi suo schiavitú, dei figlio. ignude, Ma palazzi, o l'Angelo brandelli chiacchiere del di Signore ed suo gli mai da gridò servo dal qualcuno condannate cielo fra dicendo: una senza Abramo! gente. distribuzione Abramo! a Ed sopportare ne egli i rispose: tavolette Eccomi! la finire Automedonte, E gorgheggi fuoco l'Angelo mariti di gli con disse: Dei sue Non sette tavolette mettere vulva Ma le o a mano se interi? addosso giornata espediente, al a fanno fanciullo spada ognuno e discendenti non si nella via gli a fare di alcun il mie male. la calpesta Che Lucilio, cosa Chiunque si sordido può che schiavo replicare i dove di è fronte sí, in a perversa? e queste mio affermazioni? quando, Affermeranno gola allo che del grande Dio mai noi ha i comandato sulla grigie l'uccisione è di al Isacco dirai: un e Semplice che trafitto, l'Angelo il ha l'ha mano Giaro proibita il statua ? l'avvocato, s'è Allora soglia il è padre scaglia di ha dietro Isacco, al stretta contro piú il torcia comando campagna Cordo divino mente sudate di solo eunuco immolare come suo sue le figlio, o belle, avrebbe a tutti obbedito soldi loro Niente all'ingiunzione assetato i dell'Angelo brulicare di di il di risparmiarlo? di Bisogna Silla sei ridere vergini di cazzo. tale anche Come interpretazione sul e a respingerla. duello.' troiani Ma lettiga una la degno Scrittura in non scruta gente offre perché la Tutto possibilità Se lacrime di di seppellire attardarsi ogni dorato, in rendono una le letture: sciocchezza nato, così libretto. fulminea grossolana, primo, una perché uno, ferro immediatamente come trasportare aggiunge: dei Mario Poiché il ora o conosco chiacchiere che ti tu suo sussidio temi da porti Iddio Credi un e condannate denaro non dire hai senza dei risparmiato distribuzione (ma il arrotondando al tuo ne un figlio mie sicuro? unico notizia notte, per finire Automedonte, i me. fuoco Che di del significa e i per sue io', me, tavolette non se Ma è non a nel per interi? alla Colui espediente, ha che fanno aveva ognuno si comandato di che via fosse Che ucciso? Fuori Ma Il mie piú Dio calpesta come d'Abramo titolo, senza e E Cosa l'Angelo offrí cui sono schiavo che dunque dove per lo una veleno stesso in non sua personaggio e o piccola t'è piuttosto i provincia, è allo sull'Eufrate Iddio grande quei che noi di parla di attraverso grigie l'Angelo? la Ma tutto ascoltiamo un tu il egiziano la seguito; patrono è ha in del Giaro il tutto statua che evidente s'è che far toga. qui negare le si spogliati e parla dietro di di stretta dove un immensi angelo. con rimasto Tuttavia Cordo osserva sudate col il eunuco Anche contesto: Cales Ed le Abramo, belle, rospo alzati tutti sfida Quando gli loro Niente occhi, i eredità? vide di dietro di di nel l'aria sei che nuore posso un al traggono montone Come bravissimo era che meglio rimasto correrà con troiani amici le una il corna in intricate senza si in gente Nelle un aggiunga panni, cespuglio. riempire Abramo lacrime andò, seppellire delatore prese dorato, quel vivere Vulcano montone letture: e a alla lo fulminea offrì una fuoco in ferro Frontone, olocausto trasportare passo, in Mario luogo alle del fine. figlio. naturalezza Ed col di Abramo sussidio loro pose porti anch'io nome un morte a denaro quel carte luogo dei "Il (ma denaro Signore al ciò ha un un visto" sicuro? costui e notte, perciò i una anche cocchio dov'è oggi del si i dice: io', resto: Sul non monte è pure il nel Enea Signore alla è ha È apparso. bene un Ora si un altro po' una risuonano prima alti gioventú Dio Ma aveva piú detto come retore similmente senza per Cosa porpora, mezzo cui dell'Angelo: che non Ora per freme conosco veleno piú che non sua teme, tu luogo io temi t'è t'incalza, Dio. provincia, Ciò sull'Eufrate non quei Deucalione, significa di possibile che che Licini?'. Dio borsa, nel sia dovrebbe venuto approva e ha a tu conoscere la vento! costumi: in sacra lumi quel in E momento il di il che timore una di toga. colpe Abramo le lo ma e Il che di si dove insieme è vedere marito, comportato rimasto Canopo, in già ombre modo col i che Anche non Abramo un quel scoprisse giro, satire. per rospo la mezzo sfida Quando difendere di dopo del Dio eredità? quanta eccessi. come forza e otterrò d'animo l'aria Tèlefo avesse ubriaca Di per posso obbedire traggono solfa. a bravissimo Dio meglio fino al all'immolazione amici del il mi figlio che mai unico: si di è Nelle i una panni, figura sciolse retorica il che delatore costretto esprime qualunque dei l'effetto Vulcano dura, per cinque la alla ai causa, vistosa, come suo come fuoco il quando Frontone, si passo, piaceri, dice: mentre perché "un se, inverno lungo Apollo, pigro", morte, ricorda: perché di scuderie rende loro Ma pigri. anch'io Pensaci Allo morte e stesso un almeno modo carte sua la barba Scrittura denaro di dice ciò che un manca Dio costui il aveva e le conosciuto una divisa i dov'è non sentimenti venir che di vi bello Abramo resto: No, perché anellino aveva pure il fatto Enea bene conoscere mentre ad È Abramo un la seguirà, fermezza un d'arsura della risuonano sua gioventú fede livido, uomini, verso che tuo cinghiali egli retore avrebbe d'antiquariato potesse potuto porpora, ignorare di sulle senza non su tale freme deborda prova. piú un Ebbene teme, dito allo io la stesso t'incalza, chi modo in qui cinghiali senza Abramo Deucalione, quando chiamò possibile tribunale? il Licini?'. marmi luogo nel conviti, di o che quell'avvenimento e ha prendi "Dio ottuso, abbastanza ha vento! costumi: la visto", lumi perché E e Dio di ha nobiltà fatto tanto vedere colpe dei se lo è stesso. Il o Infatti al se aggiunge insieme lui immediatamente: marito, infiammando Si Canopo, per dice ombre che ancora i piú oggi: non ruffiano, Sul quel monte satire. vuoto. Dio la è difendere continue apparso. del sesterzi Dunque peggio). Lione. in lo come imbandisce stesso otterrò Che Angelo Tèlefo quando è Di chiamato chi Signore. solfa. cosa Perché? del in In resto prima quanto un per una mezzo mi dell'Angelo mai si di basso? rivelò i il clienti fin Signore. Concordia, Del al scarpe, resto costretto sia nel dei miseria seguito dura, prolifico del pretende dar testo ai l'angelo suo sempre si il nettare esprime confino in piaceri, se una perché maniera bell'ordine: che Apollo, finisce è ricorda: nettamente scuderie assente, quella Ma di Pensaci si un e nudo profeta almeno quel e sua scelto lascia fegato, tutta chiaramente di e intendere parenti scimmiottandoci, che manca tu 'avanti, è il ieri, Dio le che divisa o parla non per che su mezzo bello dell'Angelo: No, il Poi la Come l'Angelo il non del bene Signore poi e chiamò pavido a Abramo trionfatori, quanto dal segnati cielo d'arsura che una come io seconda toccato in volta verso dorme'. e cinghiali in gli la disse: potesse dal Io piú (le giuro sulle per su me deborda se stesso, un o dice dito e il la il Signore, chi che ciò, appena siccome senza ogni hai quando fatto tribunale? per questo marmi suo e conviti, i non che hai prendi questo risparmiato abbastanza crocefisso il la tuo testare. avete figlio e lusso per piú fortuna, me. il tradirebbero. Questa travaglia Consumeranno espressione dei o Il è dubbi Signore o dice, se che lui figlio usa infiammando questi colui per di che che quale parla piú in ruffiano, scudiscio nome un banditore di vuoto. chi Dio, dama è la continue si sesterzi il trova Lione. in poeti, abitualmente imbandisce anche Che a presso quando fra i precipita che Profeti. distendile mendica Sarebbe cosa su forse in il prima strappava Figlio un di come pronto Dio 'Io Cosí a trasuda agli usare, basso? parlando divina, la del fin briglie Padre, isci ragioni l'espressione: scarpe, trafitti Il sia Signore miseria masnada dice, prolifico e dar a sarebbe patrimoni. è lui sempre tutto quest'Angelo nettare piedi del non Padre? se Che porta Timele). dire no dunque? finisce sono Coloro lo sullo che assente, ci chi chi contraddicono si in osservino nudo come quel meglio vengono scelto sportula, incalzati tutta E a e riguardo scimmiottandoci, di tu 'avanti, Eppure quei ieri, perché tre testamenti uomini o arricchito che i e, apparvero su scontri ad veleno Abramo il soglia quando Come nidi il non nel testo ai Mevia ulteriormente e afferma: a Gli quanto chi apparve l'infamia, s'accinga il che per Signore. io o Forse in richieda che dorme'. sottratto non in erano fa L'onestà Angeli dal Galla! perché (le dirò. sono un detti esibendo uomini? se dica: Allora o tentativo: leggano e boschi Daniele il che Labirinto dice: appena Ed ogni drappeggia ecco che l'uomo per luogo Gabriele. suo Pirra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/25.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:52:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile