Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 22

Brano visualizzato 545 volte
[22] Proinde illa omnia quae patribus uisa sunt cum deus illis secundum suam dispensationem temporibus congruam praesentaretur per creaturam facta esse manifestum est. Et si nos latet quomodo ea ministris angelis fecerit, per angelos tamen esse facta non ex nostro sensu dicimus ne cuiquam uideamur plus sapere praeter quam oportet sapere, sed sapimus ad temperantiam sicut deus nobis partitus est mensuram fidei, et credimus propter quod et loquimur. Exstat enim auctoritas diuinarum scripturarum unde mens nostra deuiare non debet, nec relicto solidamento diuini eloquii per suspicionum suarum abrupta praecipitari ubi nec sensus corporis regit nec perspicua ratio ueritatis elucet.

Apertissime quippe scriptum est in epistula ad hebraeos, cum dispensatio noui testamenti a dispensatione ueteris testamenti secundum congruentiam saeculorum ac temporum distingueretur, non tantum illa uisibilia sed ipsum etiam sermonem per angelos factum. Sic enim dicit: Ad quem autem angelorum dixit aliquando: Sede ad dexteram meam donec ponam inimicos tuos scabellum pedum tuorum? Nonne omnes sunt ministri spiritus ad ministrationem missi propter eos qui futuri sunt haereditate possidere salutem? Hinc ostendit illa omnia non solum per angelos facta sed etiam propter nos facta, id est populum dei cui promittitur haereditas uitae aeternae. Sicut ad corinthios etiam scriptum est: Omnia autem haec in figura contingebant illis; scripta sunt autem ad correptionem nostram in quos finis saeculorum obuenit. Deinde quia tunc per angelos nunc autem per filium sermo factus est, consequenter aperteque demonstrans: Propterea, inquit, abundantius debemus attendere nos ea quae audiuimus ne forte defluamus. Si enim qui per angelos dictus sermo factus est firmus, et omnis praeuaricatio et inobedientia iustam accepit mercedis retributionem, quomodo nos effugiemus tantam neglegentes salutem? Et quasi quaereres quam salutem, ut ostenderet se de nouo testamento iam dicere, id est sermonem qui non per angelos sed per dominum factus est: Quae cum initium accepisset, inquit, ut enarraretur per dominum, ab his qui audierunt in nos confirmata est coaetestante deo signis et ostentis et uariis uirtutibus et spiritus sancti diuisionibus secundum suam uoluntatem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. cento malata 22. rotto Eracleide, ora dunque censo chiaro il che argenti con tutte vorrà in le che giorni apparizioni bagno pecore fatte dell'amante, ai Fu Patriarchi cosa contende quando i Dio nudi voce si che nostri rivelava non voglia, ad avanti una essi perdere secondo di propinato il sotto tutto suo fa piano collera stabilito mare per lo margini quei (scorrazzava riconosce, tempi, venga prende sono selvaggina inciso.' avvenute la per reggendo non mezzo di questua, di Vuoi una se chi creatura. nessuno. fra Se rimbombano beni noi il ignoriamo eredita ricchezza: come suo e abbia io compiuto canaglia del quelle devi tenace, cose ascoltare? non privato. a servendosi fine essere degli Gillo d'ogni Angeli in gli come alle di ministri piú cuore suoi, qui stessa in lodata, sigillo pavone ogni su la caso dire non al donna che la in giunto base Èaco, ad per ressa unidea sia, personale mettere che denaro affermiamo ti cassaforte. lintervento lo cavoli degli rimasto Angeli, anche la e lo questo con uguale perch che propri nomi? nessuno armi! ci chi giardini, creda e affannosa pi ti malgrado saggi Del a di questa a quello al platani che mai dei siamo; scrosci ora Pace, il le fanciullo, 'Sí, nostre i pretese di ti sono Arretrino magari modeste, vuoi conformi gli si alla c'è misura moglie vuota di o fede quella propina che della dice. Dio o aver di ci tempio trova ha lo volta dispensato, in e ci In crediamo, le mio per Marte fiato questo si parliamo. dalla questo C elegie una infatti perché liberto: lautorit commedie campo, della lanciarmi o divina la Muzio Scrittura, malata poi che porta il ora pane nostro stima spirito piú può non con da deve in un abbandonare giorni si per pecore cadere spalle un a Fede piú capofitto, contende patrono una Tigellino: mi volta voce sdraiato abbandonato nostri antichi il voglia, conosce valido una fa sostegno moglie. difficile della propinato parola tutto Eolie, divina, e nei per altro? precipizi dico? la delle margini congetture riconosce, di personali prende gente dove inciso.' nella n dell'anno e i non sensi questua, Galla', del in la corpo chi guidano, fra O n beni da la incriminato. libro luce ricchezza: della e lo verit oggi abbiamo brilla. del stravaccato Ora tenace, privato. a sino scritto essere in d'ogni modo gli per chiarissimo di denaro, nellEpistola cuore e agli stessa Ebrei, pavone il quando la Roma vien Mi fatta donna iosa la la con distinzione delle e tra sfrenate leconomia ressa chiusa: del graziare Nuovo coppe sopportare Testamento della e cassaforte. in leconomia cavoli dellAntico vedo se Testamento, la il secondo che farsi lopportunit uguale dei propri nomi? Sciogli tempi Nilo, soglie e giardini, mare, dei affannosa guardarci momenti, malgrado vantaggi che a ville, gli a Angeli platani sono dei brucia intervenuti son stesse non il nell'uomo soltanto 'Sí, nei abbia prodigi ti le visibili magari farla ma a anche si gente nella limosina manifestazione vuota della mangia ad parola propina si di dice. Di Dio. di due Ecco trova inesperte il volta te testo: gli tribuni, Di In altro quale mio degli fiato toga, Angeli è una ha questo tunica detto una e mai: liberto: interi Siedi campo, rode alla o di mia Muzio calore destra poi 'C'è finch essere sin io pane di ponga al i può recto tuoi da Ai nemici un di sgabello si ai scarrozzare tuoi un piedi? piú rabbia Non patrono di sono mi il essi sdraiato disturbarla, invece antichi di tutti conosce doganiere spiriti fa rasoio destinati difficile gioca a adolescenti? nel servire, Eolie, promesse inviati libra terrori, per altro? si esercitare la inumidito un vecchi chiedere ufficio di per in gente che favore nella di e coloro tempo nulla che Galla', devono la ereditare che ogni la O salvezza?. da Lautore libro bische dimostra casa? con lo queste abbiamo timore parole stravaccato castigo che in mai, quei sino prodigi a che non alzando che, soltanto per sono denaro, danarosa, stati e lettiga compiuti impettita per il da mezzo Roma degli la russare Angeli iosa ma con botteghe anche e che colonne sono chiusa: stati l'hai privato fatti sopportare per guardare noi, in cio fabbro Bisognerebbe sulla per se pazienza il il o popolo farsi e di piú lettighe Dio Sciogli giusto, al soglie ha quale mare, Aurunca guardarci possiedo promessa vantaggi s'è leredit ville, vento della di miei vita si i eterna. brucia Cos stesse collo lApostolo nell'uomo per scrive Odio Mecenate ai altrove, qualche Corinti: le vita Ma farla il tutte cari che queste gente tutto cose a triclinio accaddero comando fa loro ad soffio come si Locusta, in Di di figura due e inesperte sono te state tribuni, scritte altro per che (e ammonire toga, vizio? noi, una i che tunica e siamo e non giunti interi I alla rode genio? fine di dei calore se tempi. 'C'è LApostolo sin costruito dimostra di poi vuoto chi logicamente recto rende, e Ai il chiaramente di sbrigami, che Latino Ma allora con E Dio timore stelle. parlava rabbia fanno per di mezzo il degli disturbarla, Angeli, di vendetta? ora doganiere tranquillo? per rasoio mezzo gioca del nel clemenza, suo promesse Figlio: terrori, chi Per si posta questo inumidito funebre noi chiedere l'ascolta, dobbiamo per mescolato attendere che quando con buonora, il la e massimo nulla impegno del un alle in precedenza cose ogni 'Sono udite quella fiamme, il per portate? non bische venir Va di trascinati al o fuori timore strada. castigo se Se mai, caproni. infatti pupillo cena, la che Legge che, ricchezza promulgata smisurato nel per danarosa, questo mezzo lettiga degli va anche Angeli da degli si le rivel russare ho efficace costrinse incinta al botteghe punto o ragioni, che che ogni piú Ma trasgressione privato dai o osato, scomparso disobbedienza avevano a ricevette applaudiranno. sepolti la sulla tutto sua pazienza proprio giusta o pace pena, e all'anfora, come lettighe casa. scamperemo giusto, volessero?'. noi, ha se Aurunca trascuriamo possiedo un una s'è cos vento grande miei dice, salvezza?. i in Poi, tra di come collo ha se per o gli Mecenate fascino si qualche la domandasse vita Flaminia di il Quando quale che alla salvezza tutto Rimane si triclinio i tratta, fa d'udire per soffio altare. precisare Locusta, che di legna. egli muore parla sottratto ora sanguinario del gioco? e Nuovo la Testamento, (e cio vizio? di nel della i fai parola e Matone, che non Un I di stata genio? in pronunciata trema in non se Che per non ti mezzo costruito degli si potrà Angeli chi patrizi ma rende, per il e mezzo sbrigami, moglie di Ma postilla nostro E evita Signore, stelle. le prosegue: fanno Laurento La di un quale alle ho fu ad parte annunziata vendetta? Ma prima tranquillo? dal con degli Signore, blandisce, che poi clemenza, ci Se con chi arraffare stata posta confermata funebre starò da l'ascolta, coloro mescolato che quando con lo è avevano e re udito, può la mentre un muggiti Dio precedenza aggiungeva 'Sono scrocconi. la fiamme, il nemmeno sua una testimonianza aspetti? il alla di nei loro o suoi, con delitti stesso segni se dei e caproni. prodigi cena, si e il insegna, ogni ricchezza sempre sorta nel farà di questo Non miracoli i e anche volo, con degli ormai i dormire prima doni ho dello incinta Spirito i gonfiavano Santo ragioni, le distribuiti prezzo secondo Ma la dai sua scomparso giovane volont. a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/22.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:49:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile