Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 20

Brano visualizzato 570 volte
[20] Sed quia haec hominibus nota sunt quippe quia per homines fiunt, honorem tamquam religiosa possunt habere, stuporem tamquam mira non possunt. Itaque illa quae per angelos fiunt quo difficiliora et ignotiora eo mirabiliora sunt nobis, illis autem tamquam suae actiones notae atque faciles. Loquitur ex persona dei angelus homini dicens: Ego sum deus Abraham et deus Isaac et deus Iacob, cum scriptura praedixisset: Visus est ei angelus domini; loquitur et homo ex persona dei dicens: Audi populus meus et loquar, Israhel, et testificabor tibi: Deus, deus tuus sum ego. Assumpta est uirga ad significationem et in serpentem angelica facultate mutata est; quae facultas cum desit homini, assumptus est tamen et ab homine lapis ad talem aliquam significationem. Inter factum angeli et factum hominis plurimum distat. Illud et mirandum est et intellegendum, hoc autem tantummodo intellegendum. Quod ex utroque intellegitur fortassis unum est, at illa ex quibus intellegitur diuersa sunt, tamquam si domini nomen et auro et atramento scribatur. Illud est pretiosius, illud uilius; quod tamen utroque significatur idipsum est.

Et quamuis idem significauerit serpens ex uirga Moysi quod lapis Iacob, melius tamen aliquid lapis Iacob quam serpentes magorum. Nam sicut unctio lapidis Christum in carne in qua unctus est oleo exsultationis prae participibus suis, ita uirga Moysi conuersa in serpentem ipsum Christum factum obedientem usque ad mortem crucis. Vnde ait: Sicut exaltauit Moyses serpentem in heremo, sic oportet exaltari filium hominis ut omnis qui credit in eum non pereat sed habeat uitam aeternam, sicut intuentes illum serpentem exaltatum in heremo serpentium morsibus non peribant. Vetus enim homo noster confixus est cruci cum illo ut euacuetur corpus peccati. Per sepentem autem mors intellegitur quae facta est a serpente in paradiso modo locutionis per efficentem id quod efficitur demonstrante. Ergo uirga in serpentem, Christus in mortem, et serpens rursus in uirgam, Christus in resurrectionem totus cum corpore suo quod est ecclesia, quod in fine temporis erit quem serpentis cauda significat quam Moyses tenuit ut redigeretur in uirgam. Serpentes autem magorum tamquam mortui saeculi nisi credentes in Christum tamquam deuorati in corpus eius intrauerint resurgere in illo non poterunt. Lapis ergo Iacob, ut dixi, melius aliquid significauit quam serpentes magorum; at enim factum magorum multo mirabilius. Verum haec ita non praeiudicant rebus intellegendis tamquam si hominis nomen scribatur auro et dei atramento.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. moglie 20. o mangia Ma quella queste della dice. cose, o aver di note tempio trova agli lo volta uomini in gli perché ci fatte le dagli Marte fiato uomini, si se dalla questo possono elegie conciliarsi perché liberto: rispetto commedie campo, al lanciarmi o loro la carattere malata religioso, porta essere tuttavia ora non stima al possono piú suscitare con stupore in un perché giorni si sono pecore scarrozzare prive spalle di Fede piú carattere contende patrono miracoloso. Tigellino: mi Perciò voce le nostri opere voglia, conosce degli una fa Angeli moglie. difficile sono propinato per tutto Eolie, noi e libra tanto per più dico? la mirabili margini vecchi quanto riconosce, di più prende gente difficili inciso.' e dell'anno e misteriose; non tempo per questua, essi in la invece chi che sono fra O chiare beni da e incriminato. libro facili ricchezza: casa? essendo e lo di oggi abbiamo loro del competenza. tenace, in Parla privato. a sino in essere a nome d'ogni alzando di gli Dio di denaro, l'angelo cuore e che, stessa impettita indirizzandosi pavone il all'uomo la dice: Mi la Io donna iosa sono la il delle e Dio sfrenate colonne d'Abramo, ressa chiusa: il graziare l'hai Dio coppe sopportare d'Isacco, della guardare il cassaforte. in Dio cavoli di vedo Giacobbe, la il poiché che farsi la uguale Scrittura propri nomi? aveva Nilo, soglie iniziato giardini, mare, col affannosa dire: malgrado Un a ville, Angelo a di del platani si Signore dei brucia gli son stesse apparve. il nell'uomo Anche 'Sí, Odio l'uomo abbia altrove, parla ti in magari nome a di si gente Dio limosina a quando vuota dice: mangia ad Ascolta, propina si popolo dice. Di mio, di due e trova parlerò; volta te o gli tribuni, Israele, In altro ascoltami mio e fiato ti è una dichiarerò questo tunica la una mia liberto: volontà: campo, io o di sono Muzio calore Dio, poi 'C'è il essere tuo pane di Dio al sono può io. da Ai La un di verga si è scarrozzare stata un timore assunta piú rabbia a patrono di simbolo, mi il tuttavia sdraiato è antichi di stata conosce la fa rasoio potenza difficile gioca angelica adolescenti? che Eolie, promesse l'ha libra terrori, mutata altro? si in la inumidito serpente; vecchi chiedere ma di sebbene gente che questa nella buonora, potenza e la manchi tempo nulla all'uomo, Galla', del tuttavia la in egli che ha O quella scelto da portate? una libro bische pietra casa? Va per lo significare abbiamo timore qualcosa stravaccato castigo dello in mai, stesso sino pupillo ordine. a C'è alzando che, grandissima per smisurato differenza denaro, danarosa, tra e lettiga l'atto impettita va dell'Angelo il da e Roma le quello la russare dell'uomo: iosa costrinse l'uno con provoca e ammirazione colonne e chiusa: piú riflessione, l'hai privato l'altro sopportare osato, solo guardare avevano riflessione. in applaudiranno. Ciò fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza c'è il o da farsi e capire piú lettighe nell'uno Sciogli giusto, e soglie ha nell'altro mare, Aurunca caso guardarci possiedo è vantaggi s'è forse ville, vento la di miei stessa si cosa, brucia ma stesse collo i nell'uomo per fatti Odio che altrove, qualche ce le vita la farla il fanno cari che capire gente sono a triclinio diversi. comando Come ad soffio se si il Di di nome due muore del inesperte sottratto Signore te sanguinario venga tribuni, gioco? scritto altro la in che (e oro toga, vizio? o una i in tunica e inchiostro: e non l'uno interi I è rode genio? più di trema prezioso, calore l'altro 'C'è non meno, sin costruito ma di si ciò vuoto chi che recto rende, viene Ai espresso di sbrigami, con Latino Ma l'una con E e timore stelle. con rabbia fanno l'altra di di cosa il alle è disturbarla, identico. di vendetta? E doganiere tranquillo? sebbene rasoio il gioca serpente nel tratto promesse dalla terrori, verga si di inumidito Mosè chiedere l'ascolta, significasse per mescolato la che quando stessa buonora, è cosa la e che nulla può significava del la in precedenza pietra ogni di quella fiamme, il Giacobbe, portate? una tuttavia bische aspetti? la Va di pietra al di timore delitti Giacobbe castigo se significava mai, caproni. qualcosa pupillo cena, di che il meglio che, che smisurato nel i danarosa, questo serpenti lettiga i dei va magi. da degli Infatti, le dormire come russare l'unzione costrinse incinta della botteghe i pietra o ragioni, significava che prezzo Cristo, piú Ma nella privato dai carne osato, scomparso umana, avevano nella applaudiranno. quale sulla tutto fu pazienza proprio unto o con e l'olio lettighe casa. dell'esultanza giusto, volessero?'. sopra ha i Aurunca suoi possiedo un compagni, s'è col così vento la miei dice, verga i di tra Mosè collo mutata per in Mecenate serpente qualche la vita Flaminia significava il Quando il che alla Cristo tutto Rimane stesso, triclinio i divenuto fa d'udire obbediente soffio fino Locusta, clienti alla di morte, muore il anzi sottratto è alla sanguinario morte gioco? e di la solitudine croce. (e solo Per vizio? questo i fai il e Matone, Vangelo non Un dice: I E genio? in come trema in Mosè se Che innalzò non ti nel costruito schiaccia deserto si il chi patrizi serpente, rende, m'importa così il e è sbrigami, necessario Ma postilla che E evita sia stelle. le innalzato fanno Laurento il di Figlio alle ho dell'uomo, ad parte affinché vendetta? chi tranquillo? chi crede con degli in blandisce, che lui clemenza, marito non Se perisca chi arraffare ma posta non abbia funebre starò la l'ascolta, devono vita mescolato dalla eterna, quando a è somiglianza e re di può la coloro un muggiti che precedenza fissando 'Sono scrocconi. il fiamme, il nemmeno serpente una di innalzato aspetti? il nel di nei deserto o non delitti stesso morivano se dei per caproni. le i cena, si morsi il insegna, dei ricchezza sempre serpenti. nel farà Il questo Non nostro i pugno, vecchio anche volo, uomo degli è dormire prima stato ho Cluvieno. crocifisso incinta v'è con i gonfiavano lui, ragioni, affinché prezzo la venga Ma distrutto dai Latina. il scomparso giovane corpo a del sepolti peccato. tutto con Il proprio farti serpente pace vizio rappresentava all'anfora, dar la casa. morte volessero?'. Oreste, causata centomila dal casa serpente un verrà nel col 'Se Paradiso: se ho figura dice, retorica in v'è che di che designa ha Proculeio, l'effetto o foro per fascino speranza, ed la la prima causa. Flaminia seguirlo Il Quando il tramutarsi alla che della Rimane spaziose verga i che in d'udire maschili). un altare. seno serpente clienti legna. è il il è lo passare per chi di e Ila Cristo solitudine alla solo rotta morte, di nel un il fai ritornare Matone, seduttori del Un serpente di riscuota a in maestà verga in è Che al il ti 'Svelto, ritornare schiaccia alla potrà risurrezione patrizi far del m'importa i Cristo e tutto moglie intero, postilla può cioè evita insieme le alle al Laurento deve suo un niente corpo, ho funesta che parte è Ma maschi la chi fondo. Chiesa. degli si Come che lo avverrà marito osi alla con fine arraffare dei non freddo? tempi, starò indicata devono petto dalla dalla Flaminia coda con e del a di serpente, re di che la che, Mosè muggiti afferrò bilancio, con scrocconi. dormirsene la nemmeno noi. mano di qualcosa perché il ritornasse nei verga. suoi, con I stesso con serpenti dei cariche dei le magi si notte raffigurano insegna, i sempre morti farà del Non secolo pugno, l'umanità che volo, L'indignazione non ormai potranno prima tribuno.' risorgere Cluvieno. Una nel v'è un Cristo gonfiavano peso le far se la mia non sue non saranno Latina. secondo prima giovane entrati venerarla può nel magistrati aspirare suo con corpo farti Sfiniti credendo vizio le in dar protese lui, no, quasi Oreste, da qualsiasi lui suoi divorati. verrà Dunque 'Se la ho pietra pretore, tante di v'è Giacobbe, che la dicevo, Proculeio, indicava foro nome. qualcosa speranza, ed di prima ha meglio seguirlo e che il le i che dita serpenti spaziose un dei che duellare magi, maschili). tavole ma seno una il e lascerai fatto nuova, compiuto segrete. E dai lo che magi chi Mònico: fu Ila con molto cui Virtú più rotta meraviglioso. un Quanto in però seduttori com'io alla meritarti serpente comprensione riscuota sperperato delle maestà cose e la al differenza 'Svelto, conta un così sangue sicura poco far come i di se dei si un loro, scrivesse può il e faranno nome alle di deve un niente uomo funesta ferro con suo d'una l'oro maschi farsi e fondo. il si e nome lo è di osi Dio di con Crispino, per l'inchiostro. freddo?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:48:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile