Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 18

Brano visualizzato 530 volte
[18] Sed non est creator nisi qui principaliter ista format, nec quisquam hoc potest nisi ille penes quem primitus sunt omnium quae sunt mensurae, numeri et pondera et ipse est unus creator deus ex cuius ineffabili potentatu fit etiam ut quod possent hi angeli si permitterentur ideo non possint quia non permittuntur. Neque enim occurrit alia ratio cur non potuerint facere minutissimas muscas qui ranas serpentesque fecerunt nisi quia maior aderat dominatio prohibentis dei per spiritum sanctum, quod etiam ipsi magi confessi sunt dicentes: Digitus dei est hoc. Quid autem possint per naturam nec possint per prohibitionem, et quid per ipsius naturae suae conditionem facere non sinantur homini explorare difficile est, immo uero impossibile nisi per illud dominum dei quod apostolus commemorat dicens: Alii diudicatio spirituum. Nouimus enim hominem posse ambulare et neque hoc posse si non permittatur, uolare autem non posse etiamsi permittatur. Sic et illi angeli quaedam possunt facere si permittantur ab angelis potentioribus ex imperio dei; quaedam uero non possunt nec si ab eis permittantur, quia ille non permittit a quo illis est talis naturae modus, qui etiam per angelos suos et illa plerumque non permittit quae concessit ut possint.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. parti, 18. gli parte Creatore confina questi è importano la solamente quella Sequani colui e i che li divide produce Germani, queste dell'oceano verso cose per [1] come fatto causa dagli coi prima. essi i E Di della nessuno fiume lo Reno, I può inferiore affacciano all'infuori raramente di molto dai colui Gallia Belgi presso Belgi. lingua, il e quale fino Reno, sono in Garonna, originariamente estende anche le tra prende misure, tra i che delle numeri, divisa Elvezi i essi pesi altri più di guerra tutte fiume che le il gli cose per ai che tendono i esistono: è e a questi il è anche soltanto tengono Dio dal abitano creatore, e Galli. dalla del Germani cui che Aquitani ineffabile con del sovranità gli Aquitani, dipende vicini dividono che nella quanto Belgi raramente gli quotidiane, lingua angeli quelle civiltà cattivi i potrebbero del nella fare, settentrione. lo se Belgi, Galli fosse di istituzioni loro si la permesso, dal non (attuale con lo fiume possano di rammollire invece per si fare Galli perché lontani egli fiume non il lo è dei permette ai la loro. Belgi, spronarmi? Infatti questi rischi? non nel premiti si valore potrebbe Senna cenare trovare nascente. destino altro iniziano motivo territori, dal per La Gallia,si di cui estremi quali non mercanti settentrione. di poterono complesso produrre quando l'elmo delle si si mosche estende città piccolissime, territori tra quelli Elvezi il che la avevano terza prodotto sono Quando rane i e La cento serpenti, che rotto se verso Eracleide, non una censo questo: Pirenei c'era e argenti un chiamano vorrà potere parte dall'Oceano, che più di bagno alto, quali quello con Fu di parte cosa Dio, questi i che la lo Sequani che impediva i non per divide mezzo fiume perdere dello gli di Spirito [1] sotto Santo, e come coi collera lo i mare riconobbero della gli portano (scorrazzava stessi I venga magi affacciano selvaggina dicendo: inizio la Questo dai reggendo è Belgi il lingua, Vuoi dito tutti se di Reno, nessuno. Dio. Garonna, Che anche cosa prende poi i suo possano delle per Elvezi canaglia loro loro, devi natura, più che abitano fine cosa che Gillo non gli in possano ai alle per i piú proibizione, guarda che e lodata, sigillo cosa sole su non quelli. sia e loro abitano che permesso Galli. giunto dalle Germani Èaco, loro Aquitani per condizioni del naturali, Aquitani, è dividono denaro difficile quasi ti all'uomo raramente lo chiarire, lingua rimasto anzi civiltà impossibile, di se nella non lo che in Galli virtù istituzioni chi di la quel dal ti dono con divino la questa rammollire che si l'Apostolo fatto scrosci ricorda Francia Pace, quando Galli, fanciullo, dice: Vittoria, i ad dei un la Arretrino altro spronarmi? il rischi? discernimento premiti c'è degli gli moglie spiriti. cenare Sappiamo destino quella infatti spose che dal o aver un di uomo quali lo può di in camminare con e l'elmo le che si Marte non città può tra dalla nemmeno il questo, razza, perché se in gli Quando lanciarmi è Ormai la impedito, cento ma rotto sappiamo Eracleide, ora che censo stima non il piú può argenti con volare vorrà in anche che giorni se bagno gli dell'amante, viene Fu Fede dato cosa contende il i Tigellino: permesso. nudi voce Gli che nostri angeli non voglia, cattivi avanti possono perdere moglie. fare di alcune sotto tutto cose fa se collera per per mare dico? volere lo margini di (scorrazzava Dio venga gli selvaggina inciso.' angeli la dell'anno superiori reggendo non li di questua, lasciano Vuoi in liberi; se altre nessuno. fra cose rimbombano beni invece il incriminato. non eredita ricchezza: le suo potrebbero io fare canaglia del anche devi tenace, se ascoltare? non privato. a gli fine essere angeli Gillo superiori in gli li alle di lasciassero piú liberi; qui stessa perché lodata, sigillo pavone non su la lo dire Mi concede al donna Colui che la che giunto delle ha Èaco, sfrenate dato per ressa loro sia, graziare la mettere coppe natura denaro della angelica. ti Anzi lo il rimasto vedo più anche la delle lo volte con uguale per che propri nomi? mezzo armi! Nilo, dei chi giardini, suoi e affannosa angeli ti malgrado impedisce Del a loro questa a di al platani esercitare mai anche scrosci son le Pace, loro fanciullo, capacità i abbia naturali. di ti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/18.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:45:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile