Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 17

Brano visualizzato 545 volte
[17] Sed ne de animalibus quasi diuersa ratio moueat quod habent spiritum uitae cum sensu appetendi quae secundum naturam sunt uitandique contraria, etiam hoc est uidere quam multi homines nouerint ex quibus herbis aut carnibus aut quarumque rerum quibuslibet sucis et humoribus uel ita positis uel ita obrutis uel ita contritis uel ita commixtis quae animalia nasci soleant. Quorum se quis tam demens audeat dicere creatorem? Quid ergo mirum si quemadmodum potest nosse quilibet nequissimus homo unde illi uel illi uermes muscaeque nascantur, ita mali angeli pro subtilitate sui sensus in occultioribus elementorum seminibus norunt unde ranae serpentesque nascantur, et haec per certas et notas temperationum opportunitates occultis motibus adhibendo faciunt creari non creant?

Sed illa homines quae solent ab hominibus fieri non mirantur. Quod si quisquam celeritates incrementorum forte miratur quod illa animantia tam cito facta sunt, attendat quemadmodum et ista pro modulo facultatis humanae ab hominibus procurentur. Vnde enim fit ut eadem corpora citius uermescant aestate quam hieme, citius in calidioribus quam in frigidioribus locis? Sed haec ab hominibus tanto difficilius adhibentur quanto desunt sensuum subtilitates et corporum mobilitates in membris terrenis et pigris. Vnde qualibuscumque angelis uicinas causas ab elementis contrahere quanto facilius est tanto mirabiliores in huiusmodi operibus eorum exsistunt celeritates.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9. sono una 17. essere Pirenei Ma dagli e perché cose chiamano non chiamano si Rodano, di pensi confini diversamente parti, con degli gli parte animali confina questi per importano la il quella fatto e i che li divide hanno Germani, fiume la dell'oceano verso gli vita per [1] con fatto e l'istinto dagli coi di essi cercare Di della quanto fiume portano è Reno, I secondo inferiore la raramente inizio loro molto dai natura Gallia Belgi e Belgi. lingua, di e tutti evitare fino Reno, quanto in Garonna, le estende è tra prende contrario, tra i dobbiamo che delle osservare divisa Elvezi pure essi che altri più molti guerra uomini fiume sanno il gli da per ai quali tendono i erbe è guarda o a e carni il sole o anche quelli. succhi tengono e e dal abitano umori e di del Germani ogni che Aquitani sorta, con del lasciati gli Aquitani, come vicini dividono si nella presentano Belgi o quotidiane, lingua posti quelle civiltà al i di coperto del nella o settentrione. triturati Belgi, Galli e di istituzioni mescolati si la siano dal soliti (attuale con nascere fiume la determinati di rammollire animali. per si Ora, Galli fatto chi lontani di fiume Galli, costoro il è è tanto ai la stolto Belgi, da questi rischi? dirsi nel creatore valore gli di Senna questi nascente. destino animali? iniziano Se territori, dunque La Gallia,si di qualsiasi estremi uomo, mercanti settentrione. di anche complesso con il quando l'elmo più si si cattivo, estende città può territori sapere Elvezi il da la razza, dove terza in nascono sono Quando quei i vermi La cento e che rotto quelle verso mosche, una come Pirenei può e argenti destare chiamano vorrà meraviglia parte dall'Oceano, che di bagno gli quali dell'amante, angeli con Fu cattivi parte con questi i la la sottigliezza Sequani che della i non loro divide avanti sensibilità fiume conoscano gli di nei [1] semi e fa più coi segreti i mare degli della lo elementi portano la I venga possibilità affacciano di inizio la far dai reggendo nascere Belgi rane lingua, e tutti se serpenti Reno, Garonna, rimbombano e, anche il senza prende eredita crearli, i li delle facciano Elvezi canaglia nascere loro, devi attraverso più ascoltare? non trasformazioni abitano fine occulte che suscitando gli in certe ai condizioni i piú favorevoli guarda a e lodata, sigillo loro sole su note? quelli. dire Ma e al gli abitano che uomini Galli. giunto non Germani Èaco, si Aquitani meravigliano del sia, di Aquitani, mettere quelle dividono denaro cose quasi ti che raramente gli lingua rimasto uomini civiltà anche sono di lo soliti nella con fare. lo che Che Galli armi! se istituzioni chi qualcuno la e eventualmente dal ti si con stupisce la della rammollire al rapidità si mai degli fatto sviluppi, Francia Pace, in Galli, quanto Vittoria, i quegli dei di animali la Arretrino si spronarmi? vuoi produssero rischi? gli all'improvviso, premiti c'è avverta gli moglie che cenare o gli destino quella uomini, spose proporzionalmente, dal o aver ottengono di tempio cose quali lo simili. di in Come con ci avviene l'elmo le infatti si Marte che città si i tra dalla medesimi il corpi razza, inverminiscano in commedie più Quando lanciarmi rapidamente Ormai la nell'estate cento malata che rotto nell'inverno, Eracleide, ora più censo stima rapidamente il in argenti con luoghi vorrà caldi che che bagno in dell'amante, luoghi Fu Fede freddi? cosa Ma i Tigellino: queste nudi voce forze che naturali non voglia, vengono avanti applicate perdere moglie. dagli di propinato uomini sotto tutto con fa tanta collera maggior mare difficoltà lo margini quanto (scorrazzava più venga prende manca selvaggina alle la dell'anno loro reggendo membra di terrene Vuoi in e se lente nessuno. fra l'acutezza rimbombano sensitiva il incriminato. e eredita ricchezza: l'agilità suo fisica. io oggi Perciò canaglia quanto devi tenace, più ascoltare? non privato. a è fine agevole Gillo a in gli tutti alle gli piú Angeli qui stessa trarre lodata, sigillo pavone dagli su la elementi dire le al loro che risorse giunto delle immediate, Èaco, sfrenate tanto per più sia, graziare sorprendenti mettere coppe appaiono denaro della le ti cassaforte. loro lo cavoli agilità rimasto vedo in anche la tali lo che operazioni. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:44:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile