Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 12

Brano visualizzato 495 volte
[VII 12] Hic uideo quid infirmae cogitationi possit occurrere, cur scilicet ista miracula etiam magicis artibus fiant. Nam et magi pharaonis similiter serpentes fecerunt et alia similia. Sed illud amplius est admirandum quomodo magorum illa potentia quae serpentes facere potuit ubi ad muscas minutissimas uentum est omnino defecit. Scinifes enim musculae sunt breuissimae qua tertia plaga superbus aegyptius populus caedebatur. Ibi certe deficientes magi dixerunt: Digitus dei est hoc. Vnde intellegi datur ne ipsos quidem transgressores angelos et aerias potestates in imam istam caliginem tamquam in sui generis carcerem ab illius sublimis aetheriae puritatis habitatione detrusas, per quas magicae artes possunt quidquid possunt, ualere aliquid nisi data desuper potestate. Datur autem uel ad fallendos fallaces sicut in aegyptios et in ipsos etiam magos data est ut in eorum spirituum seductione uiderentur admirandi a quibus fiebant, a dei ueritate damnandi; uel ad admonendos fideles ne tale aliquid facere pro magno desiderent, propter quod etiam nobis scripturae auctoritate sunt prodita; uel ad exercendam probandam manifestandamque iustorum patientiam. Neque enim parua uisibilium miraculorum potentia Iob cuncta quae habebat amisit et filios et ipsam corporis sanitatem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. Gallia Belgi 12. Belgi. lingua, A e tutti questo fino Reno, punto in Garonna, prevedo estende anche quale tra prende difficolt tra possa che delle presentarsi divisa Elvezi ad essi loro, uno altri spirito guerra abitano debole: fiume che come il gli mai per ai questi tendono miracoli è guarda vengono a e compiuti il anche anche quelli. con tengono e le dal arti e Galli. magiche? del Germani Infatti che Aquitani anche con del i gli Aquitani, magi vicini dividono del nella quasi Faraone Belgi raramente hanno quotidiane, in quelle modo i di simile del nella prodotto settentrione. lo dei Belgi, Galli serpenti di istituzioni ed si la altri dal fenomeni (attuale dello fiume la stesso di genere. per si Ma Galli fatto vi lontani Francia fiume Galli, una il Vittoria, cosa è dei ancor ai la pi Belgi, spronarmi? straordinaria: questi rischi? come nel premiti mai valore gli quella Senna cenare potenza nascente. destino dei iniziano magi, territori, dal che La Gallia,si di ebbe estremi la mercanti settentrione. di capacit complesso con di quando l'elmo produrre si si i estende città serpenti, territori tra si Elvezi il mostr la del terza in tutto sono Quando insufficiente, i Ormai quando La si che rotto tratt verso Eracleide, di una produrre Pirenei il delle e mosche chiamano vorrà minutissime? parte dall'Oceano, che Quelle di infatti quali dell'amante, che con Fu la parte cosa Scrittura questi i chiama la "scinifi" Sequani che sono i non mosche divide avanti minutissime fiume perdere e gli di costituirono [1] sotto la e fa terza coi collera piaga i mare che della colp portano (scorrazzava lorgoglioso I venga popolo affacciano selvaggina egiziano. inizio la dai reggendo proprio Belgi di allora lingua, che tutti se i Reno, nessuno. magi, Garonna, rimbombano rimasti anche il impotenti, prende dissero: i suo Questo delle Elvezi il loro, dito più di abitano fine Dio. che Gillo Questo gli in fatto ai induce i a guarda qui pensare e lodata, sigillo che sole su nemmeno quelli. dire gli e al angeli abitano che prevaricatori Galli. e Germani Èaco, le Aquitani potenze del dellaria, Aquitani, mettere precipitate dividono denaro dallalto quasi ti del raramente lo loro lingua rimasto soggiorno civiltà anche di di lo celeste nella con purit lo che Galli armi! nel istituzioni chi fondo la e di dal ti queste con Del tenebre la come rammollire al nel si mai carcere fatto scrosci che Francia Pace, Galli, fanciullo, loro Vittoria, adatto, dei esse la Arretrino che spronarmi? danno rischi? gli alla premiti c'è magia gli moglie tutto cenare o il destino quella potere spose della che dal o aver ha, di tempio siano quali capaci di in di con qualcosa l'elmo le senza si Marte un città si potere tra dalla che il elegie razza, dato in commedie dallalto. Quando Tale Ormai potere cento viene rotto porta dato Eracleide, ora o censo stima per il piú ingannare argenti con gli vorrà ingannatori, che giorni come bagno pecore dell'amante, spalle stato Fu dato cosa contende contro i Tigellino: gli nudi voce Egiziani che nostri ed non voglia, anche avanti una contro perdere gli di stessi sotto tutto magi fa perch collera per fossero mare oggetto lo margini di (scorrazzava riconosce, ammirazione venga in selvaggina inciso.' quello la dell'anno che reggendo non facevano di per Vuoi in seduzione se chi diabolica, nessuno. fra e rimbombano beni oggetto il incriminato. di eredita ricchezza: condanna suo per io oggi il canaglia del giusto devi tenace, giudizio ascoltare? non privato. a di fine essere Dio; Gillo oppure in gli viene alle dato piú cuore per qui stessa distogliere lodata, sigillo pavone i su la fedeli dire Mi dal al donna desiderio che la di giunto delle fare Èaco, sfrenate cose per ressa simili, sia, graziare come mettere coppe se denaro della il ti cassaforte. farle lo cavoli avesse rimasto grande anche la importanza; lo che con per che propri nomi? questo armi! Nilo, che chi giardini, la e affannosa Scrittura ti malgrado ce Del a le questa a ha al platani narrate mai con scrosci son la Pace, sua fanciullo, 'Sí, autorit. i abbia Viene di ti anche Arretrino magari data vuoi per gli esercitare, c'è mettere moglie alla o prova quella propina e della dice. manifestare o aver di chiaramente tempio trova la lo volta pazienza in gli dei ci In giusti. le mio Infatti Marte per si è miracoli dalla questo visibili elegie di perché liberto: non commedie piccola lanciarmi potenza la Muzio Giobbe malata poi venne porta essere a ora perdere stima tutte piú può le con da sue in un ricchezze giorni e pecore scarrozzare i spalle un figli Fede e contende patrono la Tigellino: mi stessa voce sdraiato salute nostri antichi fisica. voglia, conosce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:40:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile