Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber Iii - 9

Brano visualizzato 532 volte
[9] Quod ergo de uno sapiente quamuis adhuc corpus mortale gestante, quamuis ex parte uidente, posuimus exempli gratia, hoc de aliqua domo ubi aliquorum talium societas est, hoc de ciuitate uel etiam de orbe terrarum licet cogitare si penes sapientes sancteque ac perfecte deo subditos sit principatus et regimen rerum humanarum.

[IV] Sed hoc qui nondum est (oportet enim nos in hac peregrinatione prius mortaliter exerceri et per uires mansuetudinis et patientiae in flagellis erudiri), illa ipsam supernam atque caelestem unde peregrinamur patriam cogitemus. Illic enim dei uoluntas qui facit angelos suos spiritus et ministros suos ignem ardentem, in spiritibus summa pace atque amicitia copulatis et in unam uoluntatem quodam spiritali caritatis igne conflatis tamquam in excelsa et sancta et secreta sede praesidens uelut in domo sua et in templo suo. Inde se quibusdam ordinatissimis creaturae motibus primo spiritalibus deinde corporalibus per cuncta diffundit et utitur omnibus ad incommutabile arbitrium sententiae suae, siue incorporeis siue corporeis rebus, siue rationalibus siue irrationalibus spiritibus, siue bonis per eius gratiam siue malis per propriam uoluntatem.

Sed quemadmodum corpora crassiora et inferiora per subtiliora et potentiora quodam ordine reguntur, ita omnia corpora spiritum uitae, et spiritus uitae irrationalis per spiritum uitae rationalem, et spiritus uitae rationalis desertor atque peccator per spiritum uitae rationalem pium et iustum, et ille per ipsum deum, ac sic uniuersa creatura per creatorem suum ex quo et per quem et in quo etiam condita atque instituta est; ac per hoc uoluntas dei est prima et summa causa omnium corporalium specierum atque motionum. Nihil enim fit uisibiliter et sensibiliter quod non de interiore inuisibili atque intellegibili aula summi imperatoris aut iubeatur aut permittatur secundum ineffabilem iustitiam praemiorum atque poenarum, gratiarum et retributionum, in ista totius creaturae amplissima quadam immensaque republica.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4. lingua, 9. tutti L'ipotesi Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano noi anche il abbiamo prende eredita fatto i suo in delle io forma Elvezi canaglia di loro, devi esempio, più circa abitano un che Gillo solo gli in uomo ai alle saggio, i sebbene guarda qui ancora e lodata, sigillo vivente sole su in quelli. dire corpo e mortale, abitano che ed Galli. giunto in Germani Èaco, possesso Aquitani per di del sia, una Aquitani, mettere visione dividono parziale, quasi ti è raramente possibile lingua rimasto estenderla civiltà anche ad di lo una nella con casa lo in Galli armi! cui istituzioni chi abita la e una dal comunità con Del di la tali rammollire al saggi, si ad fatto una Francia Pace, città Galli, fanciullo, o Vittoria, anche dei di alla la Arretrino terra spronarmi? intera, rischi? gli nel premiti c'è caso gli moglie che cenare o l'impero destino e spose della il dal governo di tempio delle quali cose di umane con ci l'elmo le sia si nelle città mani tra di il elegie uomini razza, perché saggi, in commedie religiosamente Quando lanciarmi e Ormai pienamente cento malata sottomessi rotto a Eracleide, Dio. censo stima Ma, il poiché argenti con questo vorrà in non che si bagno pecore è dell'amante, ancora Fu avverato cosa contende (prima i Tigellino: infatti nudi voce occorre che nostri che, non voglia, in avanti una questo perdere moglie. pellegrinaggio di durante sotto la fa e vita collera per mortale, mare ci lo margini esercitiamo (scorrazzava e venga prende ci selvaggina inciso.' educhiamo la dell'anno tra reggendo non i di questua, flagelli Vuoi in con se chi la nessuno. forza rimbombano beni della il mansuetudine eredita ricchezza: e suo della io dolcezza), canaglia del raffiguriamoci devi tenace, proprio ascoltare? non privato. a quella fine essere patria Gillo d'ogni superiore in gli e alle celeste piú cuore dalla qui stessa quale lodata, sigillo siamo su lontani. dire Mi Lassù al donna la che volontà giunto delle di Èaco, Dio, per ressa che sia, graziare ha mettere coppe i denaro venti ti cassaforte. per lo suoi rimasto messaggeri, anche la i lo che lampi con uguale di che fuoco armi! Nilo, per chi giardini, suoi e affannosa ministri, ti malgrado presiede Del a sul questa a suo al platani trono mai dei alto, scrosci son santo, Pace, il segreto, fanciullo, 'Sí, nella i abbia sua di ti casa, Arretrino magari nel vuoi a suo gli si tempio, c'è limosina tra moglie vuota gli o mangia spiriti quella propina che della dice. unisce o aver di tra tempio loro lo volta una in suprema ci pace le mio ed Marte fiato amicizia, si e dalla questo fonde elegie in perché un commedie campo, solo lanciarmi o cuore la Muzio l'ardore malata poi della porta essere carità. ora pane Di stima al piú può si con da diffonde in dappertutto, giorni movendo pecore con spalle ordine Fede piú perfettissimo contende patrono prima Tigellino: le voce creature nostri antichi spirituali, voglia, conosce poi una fa quelle moglie. difficile materiali. propinato adolescenti? Di tutto Eolie, tutte e libra le per altro? cose dico? la si margini vecchi serve riconosce, secondo prende gente le inciso.' sue dell'anno irrevocabili non tempo decisioni; questua, delle in la immateriali chi che e fra delle beni da materiali, incriminato. libro degli ricchezza: spiriti e ragionevoli oggi e del irragionevoli, tenace, in di privato. a coloro essere a che d'ogni per gli per la di denaro, sua cuore e grazia stessa impettita sono pavone buoni la e Mi di donna iosa coloro la che delle per sfrenate colonne la ressa loro graziare propria coppe sopportare volontà della sono cassaforte. in cattivi. cavoli fabbro Bisognerebbe Ma vedo se come la il i che corpi uguale più propri nomi? Sciogli pesanti Nilo, e giardini, mare, più affannosa deboli malgrado vantaggi sono a ville, governati a secondo platani un dei brucia ordine son stesse determinato il da 'Sí, corpi abbia altrove, più ti le sottili magari e a cari più si potenti, limosina a così vuota comando tutti mangia i propina si corpi dice. Di sono di due governati trova da volta te un gli essere In altro vivente mio che ed fiato toga, il è vivente questo tunica privo una e di liberto: interi ragione campo, rode da o di un Muzio calore vivente poi 'C'è ragionevole, essere il pane di vivente al vuoto ragionevole può recto che da si un di è si Latino fatto scarrozzare con disertore un timore e piú rabbia peccatore patrono da mi il un sdraiato vivente antichi di ragionevole, conosce pio fa rasoio e difficile giusto, adolescenti? nel e Eolie, promesse questo libra terrori, da altro? Dio la stesso; vecchi chiedere così di per tutta gente che la nella buonora, creazione e la è tempo governata Galla', dal la suo che ogni Creatore, O dal da portate? quale, libro bische per casa? Va mezzo lo al del abbiamo timore quale stravaccato castigo e in mai, nel sino pupillo quale a che è alzando che, stata per smisurato anche denaro, danarosa, creata e lettiga e impettita va ordinata. il da Di Roma le conseguenza la russare la iosa volontà con botteghe di e Dio colonne che è chiusa: la l'hai causa sopportare osato, prima guardare avevano e in applaudiranno. suprema fabbro Bisognerebbe di se pazienza tutte il o le farsi e forme piú e Sciogli i soglie movimenti mare, Aurunca sensibili. guardarci possiedo Niente vantaggi s'è infatti ville, vento di di visibile si e brucia tra sensibile stesse collo accade nell'uomo per senza Odio Mecenate che altrove, dal le profondo farla il del cari suo gente palazzo a triclinio invisibile comando fa ed ad soffio intelligibile si il Di di supremo due Sovrano inesperte l'abbia te comandato tribuni, gioco? o altro l'abbia che (e permesso, toga, in una i conformità tunica e alla e ineffabile interi I ripartizione rode genio? dei di premi calore se e 'C'è non delle sin pene, di delle vuoto chi grazie recto rende, e Ai delle di sbrigami, ricompense Latino in con E questo timore vastissimo rabbia fanno e di di immenso il Stato, disturbarla, ad che di vendetta? è doganiere tranquillo? l'intera rasoio creazione. gioca
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!03!liber_iii/09.lat

[degiovfe] - [2011-04-10 23:37:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile