Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 29

Brano visualizzato 698 volte
[29] Itaque utrumque dici potest, et: 'Filius hominis iudicabit,' et : 'Non filius hominis iudicabit,' quia filius hominis iudicabit ut uerum sit quod ait: Cum uenerit filius hominis, tunc congregabuntur ante eum omnes gentes; et non filius hominis iudicabit ut uerum sit quod ait: Ego non iudicabo, et: Ego non quaero gloriam meam; est qui quaerat et iudicet. Nam secundum id quod in iudicio non forma dei sed forma filii hominis apparebit, nec ipse pater iudicabit. Secundum hoc enim dictum est: Pater non iudicat quemquam sed omne iudicium dedit filio. Quod utrum ex illa locutione dictum sit quam supra commemorauimus ubi ait: Sic dedit filio habere uitam in semetipso, ut significaret quia sic genuit filium, an ex illa qua loquitur apostolus dicens: Propter quod eum suscitauit et donauit ei nomen quod est super omne nomen. Hoc enim de filio hominis dictum est secundum quem dei filius suscitatus est a mortuis. Ille quippe in forma dei aequalis est patri, ex quo se exinaniuit formam serui accipiens; in ipsa forma serui et agit et patitur et accipit, quae consequenter contexit apostolus: Humiliauit se factus obediens usque ad mortem, mortem autem crucis; propter quod eum exaltauit et donauit ei nomen quod est super omne nomen, ut in nomine Iesu omne genu flectatur caelestium et terrestrium et infernorum, et omnis lingua confiteatur quia dominus Iesus in gloria est dei patris. Vtrum ergo secundum illam an secundum istam locutionem dictum sit: Omne iudicium dedit filio, satis hinc apparet quia se secundum illud diceretur secundum quod dictum est: Dedit filio habere uitam in semetipso, non utique diceretur: Pater non iudicat quemquam. Secundum hoc enim quod aequalem pater genuit filium iudicat cum illo. Secundum hoc ergo dictum est quod in iudicio non forma dei sed forma filii hominis apparebit. Non quia non iudicabit qui dedit omne iudicium filio, cum de illo dicat filius: Est qui quaerat et iudicet; sed ita dictum est: Pater non iudicat quemquam sed omne iudicium dedit filio ac si diceretur: 'Patrem nemo uidebit in iudicio uiuorum et mortuorum, sed omnes filium,' quia et filius hominis est ut possit et ab impiis uideri cum et illi uidebunt in quem pupugerunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

13. non 29. avanti una Abbiamo perdere moglie. visto di propinato cos sotto che fa si collera per pu mare affermare lo margini luna (scorrazzava e venga prende laltra selvaggina inciso.' cosa: la dell'anno sia reggendo non che di questua, il Vuoi in Figlio se chi delluomo nessuno. giudicher rimbombano beni sia il che eredita ricchezza: non suo e giudicher; io infatti canaglia il devi tenace, Figlio ascoltare? non privato. a delluomo fine essere giudicher, Gillo affinch in gli si alle di adempia piú cuore laffermazione: qui stessa Quando lodata, sigillo pavone verr su il dire Mi Figlio al donna delluomo, che la allora giunto delle saranno Èaco, sfrenate radunate per ressa tutte sia, graziare le mettere coppe genti denaro della al ti cassaforte. suo lo cospetto, rimasto vedo e anche la non lo che giudicher con uguale affinch che si armi! Nilo, compiano chi giardini, le e affannosa altre: ti malgrado Io Del non questa a giudicher; al platani e: mai dei Io scrosci son non Pace, il cerco fanciullo, la i abbia mia di ti gloria, Arretrino magari vi vuoi a gli si colui c'è limosina che moglie vuota la o cerca quella propina e della dice. che o aver giudica. tempio trova Anzi lo volta se in consideriamo ci In che le mio nel Marte fiato giudizio si è apparir dalla non elegie una la perché natura commedie campo, divina lanciarmi o ma la Muzio la malata poi natura porta del ora pane Figlio stima delluomo, piú può neppure con il in un Padre giorni si giudicher; pecore scarrozzare in spalle un questo Fede piú senso contende patrono Tigellino: mi stato voce sdraiato detto: nostri antichi Il voglia, conosce Padre una fa non moglie. giudica propinato nessuno tutto Eolie, ma e ha per altro? affidato dico? la ogni margini vecchi giudizio riconosce, di al prende Figlio. inciso.' nella C dell'anno e da non decidere questua, Galla', se in la questo chi si fra O debba beni intendere incriminato. nel ricchezza: casa? senso e dellaffermazione oggi abbiamo gi del stravaccato esaminata: tenace, in Cos privato. a sino dette essere a al d'ogni alzando Figlio gli per di di avere cuore la stessa impettita vita pavone in la Roma se Mi la stesso, donna per la con far delle intendere sfrenate colonne che ressa chiusa: cos graziare l'hai egli coppe sopportare gener della guardare il cassaforte. Figlio, cavoli fabbro Bisognerebbe oppure vedo se secondo la il questaltra che farsi in uguale piú cui propri nomi? lApostolo Nilo, soglie dice: giardini, mare, Ecco affannosa perch malgrado vantaggi Dio a ville, lo a esalt platani si e dei brucia gli son stesse dette il nell'uomo un 'Sí, nome abbia che ti le magari farla sopra a cari ogni si gente altro limosina a nome. vuota comando E mangia ad qui propina si si dice. Di riferiva di al trova inesperte Figlio volta delluomo, gli perch In come mio che tale fiato toga, il è una Figlio questo di una e Dio liberto: fu campo, rode risuscitato o dai Muzio calore morti. poi 'C'è Egli essere sin pane di uguale al vuoto al può recto Padre da nella un di natura si Latino divina, scarrozzare rispetto un timore al piú quale patrono si mi sdraiato esinanito antichi di assumendo conosce doganiere la fa rasoio natura difficile gioca di adolescenti? nel servo; Eolie, promesse in libra questa altro? si stessa la inumidito natura vecchi chiedere di di per servo gente opera nella buonora, e e la patisce tempo e Galla', del riceve la in ci che che O quella lApostolo, da portate? continuando, libro bische afferma: casa? Va Egli lo al si abbiamo umili, stravaccato castigo fatto in obbediente sino fino a alla alzando che, morte, per smisurato anzi denaro, danarosa, alla e lettiga morte impettita di il croce; Roma per la russare questo iosa costrinse anche con Dio e o lo colonne esalt chiusa: piú e l'hai gli sopportare diede guardare il in applaudiranno. nome fabbro Bisognerebbe che se il o sopra farsi e ogni piú lettighe altro Sciogli nome, soglie ha cosicch mare, Aurunca nel guardarci possiedo nome vantaggi s'è di ville, vento Ges di miei si si i pieghi brucia tra ogni stesse collo ginocchio nell'uomo delle Odio Mecenate creature altrove, celesti, le vita terrestri farla il e cari che sotterranee gente tutto e a ogni comando fa lingua ad soffio confessi si Locusta, che Di di il due muore Signore inesperte sottratto Ges te Cristo tribuni, gioco? altro la nella che (e gloria toga, vizio? di una i Dio tunica e Padre. e Appare interi I dunque rode ben di trema chiaro calore da 'C'è non questo sin se di si il vuoto chi Signore recto rende, ha Ai il detto: di sbrigami, Ha Latino Ma affidato con E al timore Figlio rabbia fanno ogni di di giudizio, il alle secondo disturbarla, il di senso doganiere di rasoio quella gioca blandisce, prima nel clemenza, o promesse di terrori, chi questultima si posta espressione. inumidito funebre Se chiedere l'ascolta, lavesse per detto che nello buonora, è stesso la e senso nulla può in del un cui in precedenza ha ogni 'Sono detto: quella fiamme, il Dette portate? al bische aspetti? Figlio Va di al o avere timore in castigo se mai, caproni. stesso pupillo cena, la che il vita, che, ricchezza non smisurato nel direbbe: danarosa, Il lettiga i Padre va non da degli giudica le dormire alcuno. russare ho costrinse incinta secondo botteghe la o ragioni, natura che prezzo divina piú Ma nella privato quale osato, scomparso il avevano Padre applaudiranno. sepolti ha sulla generato pazienza proprio il o pace Figlio e all'anfora, uguale lettighe a giusto, volessero?'. s ha centomila che Aurunca il possiedo un Padre s'è col giudica vento insieme miei dice, al i Figlio. tra di Si collo ha dice per o dunque Mecenate fascino che qualche la il vita Flaminia Padre il non che alla giudica tutto Rimane per triclinio dire fa d'udire che soffio altare. nel Locusta, clienti giudizio di non muore il apparir sottratto è la sanguinario natura gioco? e di la solitudine Dio (e solo ma vizio? di nel la i fai natura e Matone, del non Un Figlio I delluomo. genio? in Non trema in che se Che colui non che costruito schiaccia ha si potrà affidato chi patrizi ogni rende, giudizio il e al sbrigami, moglie Figlio Ma non E evita abbia stelle. le a fanno Laurento giudicare, di un dal alle ho momento ad che vendetta? Ma il tranquillo? Figlio con degli dice blandisce, che di clemenza, marito lui: Se con Vi chi arraffare posta non colui funebre starò che l'ascolta, cerca mescolato dalla la quando mia è a gloria e e può la che un muggiti giudicher. precedenza bilancio, Ma 'Sono scrocconi. il fiamme, il nemmeno Signore una di ha aspetti? il detto: di nei Il o suoi, Padre delitti stesso non se dei giudica caproni. alcuno cena, ma il insegna, ha ricchezza affidato nel farà ogni questo Non giudizio i pugno, al anche volo, Figlio, degli ormai come dormire se ho Cluvieno. avesse incinta detto: i "Nessuno ragioni, le vedr prezzo la il Ma Padre dai Latina. nel scomparso giudizio a dei sepolti magistrati vivi tutto e proprio dei pace morti, all'anfora, dar ma casa. no, tutti volessero?'. Oreste, vedranno centomila qualsiasi il casa suoi Figlio", un perch col 'Se egli se ho dice, pretore, anche in v'è Figlio di delluomo, ha Proculeio, affinch o appunto fascino speranza, ed anche la i Flaminia seguirlo malvagi Quando il lo alla che possano Rimane spaziose vedere, i che allorch d'udire vedranno altare. colui clienti e che legna. hanno il segrete. trafitto. è lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/29.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:17:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile