Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 27

Brano visualizzato 754 volte
[27] Quaero itaque quomodo intellegamus: Ego non iudicabo, sed uerbum quod locutus sum iudicabit, quod ex consequentibus apparet ita dictum ac si diceret: 'Ego non iudicabo, sed uerbum patris iudicabit.' Verbum autem patris est ipse filius dei. Siccine intellegendum est: 'Ego non iudcabo, sed ego iudicabo'? Quomodo istud potest esse uerum nisi ita: 'Ego' scilicet 'non iudicabo ex potestate humana quia filius hominis sum, sed ego iudicabo ex potestate uerbi quoniam filius dei sum.' Aut si contraria et repugnantia uidentur 'Ego non iudicabo, sed ego iudicabo,' quid illic dicemus ubi ait: Mea doctrina non est mea? Quomodo mea, quomodo non mea? non enim dixit: 'Ista doctrina non est mea,' sed: Mea doctrina non est mea; quam dixit suam, eandem dixit non suam. Quomodo istud uerum est nisi secundum aliud suam dixerit, secundum aliud non suam; secundum formam dei, suam; secundum formam serui, non suam? Cum enim dicit: Non est mea sed eius qui me misit, ad ipsum uerbum nos facit recurrere. Doctrina enim patris est uerbum patris, qui est unicus filius.

Quid sibi et illud uult: Qui in me credit, non in me credit? Quomodo in ipsum, quomodo non in ipsum? Quomodo tam contrarium sibique aduersum potest intellegi Qui in me credit, inquit, non in me credit sed in eum qui me misit nisi ita intellegas: 'Qui in me credit, non in hoc quod uidet credit,' ne sit spes nostra in creatura, sed in illo qui suscepit creaturam in qua humanis oculis appareret ac sic ad se aequalem patri contemplandum per fidem corda mundaret? Ideoque ad patrem referens intentionem credentium et dicens: Non in me credit sed in eum qui me misit, non utique se a patre, id est ab illo qui eum misit, uoluit separari, sed ut sic in eum crederetur quomodo in patrem cui aequalis est. Quod aperte alio loco dicit: Credite in deum et in me credite; id est sicut creditis in deum, sic et in me quia ego et pater unus deus. Sicuti ergo hic tamquam abstulit a se fidem hominum et in patrem transtulit dicendo: Non in me credit sed in eum qui me misit, a quo tamen se non utique separauit; sic etiam quod ait: Non est meum dare, sed quibus paratum est a patre meo, puto clarere secundum quid utrumque accipiendum sit. Tale est enim et illud: Ego non iudicabo, cum ipse iudicaturus sit uiuos et mortuos; sed quia non ex potestate humana, propterea recurrens ad deitatem sursum erigit corda hominum propter quae subleuanda descendit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12. armi! Nilo, 27. chi giardini, A e affannosa questo ti malgrado punto Del a indaghiamo questa il al significato mai dei della scrosci son frase: Pace, il Io fanciullo, 'Sí, non i abbia giudicher, di ti ma Arretrino magari la vuoi a parola gli si che c'è limosina vi moglie ho o mangia detto quella propina giudicher. della dice. Dal o aver di seguito tempio trova del lo volta testo in gli appare ci evidente le mio che Marte fiato si è detto dalla questo in elegie una questo perché senso: commedie "Non lanciarmi o giudicher la Muzio io, malata poi ma porta essere giudicher ora pane la stima al Parola piú può del con Padre". in Ora giorni si la pecore Parola spalle un del Fede piú Padre contende patrono Tigellino: lo voce sdraiato stesso nostri antichi Figlio voglia, di una Dio. moglie. Bisogner propinato dunque tutto Eolie, intendere: e non per giudicher dico? io, margini vecchi ma riconosce, io prende gente giudicher? inciso.' nella Questo dell'anno e pu non tempo essere questua, Galla', vero in la solo chi che in fra O questo beni da senso: incriminato. libro "Io ricchezza: casa? non e giudicher oggi abbiamo in del base tenace, in al privato. a sino potere essere a umano, d'ogni in gli per quanto di denaro, cio cuore e sono stessa impettita Figlio pavone il delluomo, la Roma ma Mi la giudicher donna con la con lautorit delle e del sfrenate colonne Verbo, ressa chiusa: perch graziare sono coppe Figlio della guardare di cassaforte. Dio". cavoli Se vedo se si la il trova che farsi che uguale piú le propri nomi? Sciogli affermazioni: Nilo, soglie "Io giardini, mare, non affannosa guardarci giudicher, malgrado vantaggi ma a ville, io a giudicher", platani si si dei brucia contraddicono son stesse e il nell'uomo si 'Sí, respingono, abbia altrove, che ti le diremo magari farla di a cari questa: si La limosina a mia vuota comando dottrina mangia ad non propina dice. Di mia? di due Come trova mai volta te mia gli tribuni, e In non mio che mia? fiato toga, Infatti è una non questo tunica disse: una "Questa liberto: dottrina campo, rode non o di Muzio calore mia", poi ma essere sin proprio: pane di La al mia può dottrina da Ai non un di si Latino mia; scarrozzare dice un cio piú "sua" patrono di la mi il medesima sdraiato dottrina antichi di che conosce doganiere dichiara fa rasoio "non difficile gioca sua". adolescenti? nel In Eolie, promesse quale libra terrori, modo altro? ci la inumidito sar vecchi chiedere vero di per se gente non nella in e quanto tempo nulla egli Galla', disse la in "sua" che ogni da O un da punto libro bische di casa? Va vista lo al e abbiamo "non stravaccato castigo sua" in mai, da sino un a che altro alzando punto per smisurato di denaro, danarosa, vista? e lettiga Sua impettita va in il da quanto Roma le Dio, la non iosa costrinse sua con botteghe in e o quanto colonne che uomo? chiusa: Quando l'hai dice: sopportare osato, Non guardare avevano in mia fabbro Bisognerebbe sulla ma se di il o Colui farsi e che piú lettighe mi Sciogli giusto, ha soglie mandato, mare, ci guardarci fa vantaggi s'è risalire ville, al di miei Verbo. si La brucia tra dottrina stesse collo del nell'uomo per Padre Odio Mecenate infatti altrove, le il farla il Verbo cari che del gente Padre a e comando fa dunque ad soffio si il Di di Figlio due muore unigenito. inesperte E te che tribuni, gioco? significa altro ancora che (e questo: toga, vizio? Chi una i crede tunica in e non me, interi I non rode genio? crede di trema in calore me? 'C'è non Come sin costruito "in di si lui", vuoto chi come recto rende, "non Ai il in di sbrigami, lui"? Latino Come con E comprendere timore stelle. unespressione rabbia fanno cos di di contraddittoria il e disturbarla, cos di paradossale: doganiere tranquillo? Colui rasoio con che gioca blandisce, crede nel clemenza, in promesse Se me, terrori, chi non si posta crede inumidito funebre in chiedere l'ascolta, me per mescolato ma che in buonora, è Colui la e che nulla può mi del un ha in precedenza mandato ogni 'Sono se quella non portate? intendendo bische aspetti? cos: Va Colui al o che timore delitti crede castigo in mai, caproni. me pupillo cena, non che il crede che, ricchezza in smisurato nel ci danarosa, che lettiga i vede, va anche affinch da degli la le nostra russare speranza costrinse incinta non botteghe i sia o ragioni, riposta che nella piú Ma creatura privato ma osato, scomparso in avevano a chi applaudiranno. sepolti assunse sulla tutto la pazienza proprio creatura o pace per e all'anfora, mostrarsi lettighe casa. agli giusto, volessero?'. occhi ha degli Aurunca uomini possiedo e s'è cos vento se purificare miei dice, i i cuori tra di di collo coloro per o che Mecenate credono qualche la alla vita Flaminia sua il Quando uguaglianza che alla al tutto Rimane Padre triclinio per fa contemplarlo? soffio altare. Perci Locusta, clienti quando di per muore volgere sottratto è lintenzione sanguinario per dei gioco? e credenti la verso (e solo il vizio? di nel Padre i fai dice: e Matone, Egli non non I crede genio? in trema in me se Che ma non ti in costruito schiaccia Colui si potrà che chi patrizi mi rende, ha il e mandato, sbrigami, non Ma postilla intese E che stelle. le lo fanno si di un separasse alle ho dal ad parte Padre, vendetta? Ma cio tranquillo? chi da con degli colui blandisce, che che clemenza, lo Se con ha chi arraffare mandato, posta non ma funebre starò piuttosto l'ascolta, devono che mescolato dalla si quando credesse è in e re lui può la allo un muggiti stesso precedenza bilancio, modo 'Sono scrocconi. in fiamme, il nemmeno cui una di si aspetti? il crede di al o Padre delitti stesso al se dei quale caproni. le egli cena, si il uguale. ricchezza sempre Altrove nel farà dice questo questo i pugno, apertamente: anche volo, Credete degli ormai in dormire prima Dio ho e incinta credete i gonfiavano in ragioni, le me, prezzo la cio Ma sue come dai credete scomparso in a Dio sepolti magistrati cos tutto credete proprio farti anche pace vizio in all'anfora, dar me, casa. perch volessero?'. Oreste, io centomila qualsiasi e casa suoi il un verrà Padre col 'Se siamo se ho un dice, pretore, Dio in v'è solo. di che Come ha dunque o in fascino speranza, ed questo la passo Flaminia distoglie Quando il in alla che qualche Rimane spaziose modo i che da d'udire maschili). s altare. la clienti e fede legna. nuova, degli il segrete. uomini è per per chi volgerla e Ila al solitudine cui Padre, solo rotta dicendo: di nel un Non fai credete Matone, in Un meritarti me di riscuota ma in in in e Colui Che al che ti 'Svelto, mi schiaccia un ha potrà sangue mandato, patrizi far senza m'importa tuttavia e dei separare moglie assolutamente postilla può s evita e dal le alle Padre, Laurento cos un niente anche ho funesta dove parte dice: Ma Non chi fondo. sta degli a che me marito osi concederlo con di ma arraffare Crispino, non per starò lecito quelli devono petto per dalla Flaminia i con e quali a di re stato la che, preparato muggiti sarai, dal bilancio, ci Padre scrocconi. mio nemmeno di qualcosa il chiaro, nei mi suoi, con sembra, stesso con in dei che le senso si notte debbano insegna, essere sempre accolte farà scribacchino, entrambe Non un le pugno, l'umanità affermazioni. volo, L'indignazione Cos ormai spalle anche prima quando Cluvieno. Una dice: v'è un Io gonfiavano peso non le far giudicher, la mia mentre sue non egli Latina. secondo stesso giovane verr venerarla può a magistrati giudicare con è i farti vivi vizio le e dar protese i no, morti.
Ma
Oreste, testa perch qualsiasi tra ci suoi di non verrà il sar 'Se per ho amici lautorit pretore, umana, v'è perci che facendo Proculeio, appello foro nome. alla speranza, ed dai deit prima ha eleva seguirlo i il le cuori che dita degli spaziose un uomini che duellare per maschili). tavole sollevare seno una i e quali nuova, crimini, segrete. E disceso.
lo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/27.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:16:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile