Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 26

Brano visualizzato 695 volte
[26] Nam et illud quaero quomodo dictum sit: Si quis non audit uerba mea, ego non iudicabo illum. Fortassis enim ita hoc dixit, ego non iudicabo illum, quemadmodum ibi, non est meum dare. Sed quid hic sequitur? Non enim ueni, inquit, ut iudicem mundum, sed ut saluum faciam mundum. Deinde adiungit et dicit: Qui me spernit et non accipit uerba mea, habet qui se iudicet. Hic iam intellegeremus patrem nisi adiungeret et diceret: Verbum quod locutus sum, ipsum iudicabit illum in nouissima die. Quid igitur iam nec filius iudicabit quia dixit: Ego non iudicabo illum, nec pater, sed uerbum quod locutus est filius? Immo audi adhuc quod sequitur: Quia ego, inquit, non ex me locutus sum, sed ille qui me misit pater, ille mandatum mihi dedit quid dicam et quid loquar; et scio quia mandatum eius uita aeterna est. Quae ego loquor, ita ut dixit mihi pater, sic loquor. Si ergo non iudicat filius sed uerbum quod locutus est filius, ideo autem iudicat uerbum quod locutus est filius quia non ex se locutus est filius, sed qui misit eum pater mandatum ei dedit quid dicat et quid loquatur. Pater utique iudicat cuius uerbum est quod locutus est filius, atque ipsum uerbum patris idem ipse est filius. Non enim aliud est mandatum patris, aliud uerbum patris; nam et uerbum hoc appellauit et mandatum.

Videamus ergo ne forte quod ait, Ego non ex me locutus sum, hoc intellegi uoluerit, 'Ego non ex me natus sum.' Si enim uerbum patris loquitur, se ipsum loquitur quia ipse est uerbum patris. Plerumque enim dicit: Dedit mihi pater, in quo uult intellegi quod eum genuerit pater, ut non tamquam iam exsistenti et non habenti dederit aliquid, sed ipsum dedisse ut haberet, genuisse est ut esset. Non enim sicut creatura ita dei filius ante incarnationem et ante assumptam creaturam, unigenitus per quem facta sunt omnia, aliud est et aliud habet, sed hoc ipsum est quod est id quod habet. Quod illo loco manifestius dicitur si quis ad capiendum sit idoneus ubi ait: Sicut habet pater uitam in semetipso, ita dedit filio habere uitam in semetipso. Neque enim iam exsistenti et uitam non habenti dedit ut haberet uitam in semetipso, cum eo ipso quod est uita sit. Hoc est ergo, dedit filio habere uitam in semetipso, genuit filium esse incommutabilem uitam, quod est uita aeterna. Cum ergo uerbum dei sit filius dei, et filius dei sit uerus deus et uita aeterna sicut in epistula sua dicit Iohannes, etiam hic quid aliud agnoscimus cum dicit dominus: Verbum quod locutus sum, ipsum iudicabit eum in nouissima die? Et ipsum uerbum patris uerbum esse dicit et mandatum patris ipsumque mandatum uitam aeternam. Et scio, inquit, quia mandatum eius uita aeterna est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12. una fa 26. moglie. difficile Mi propinato adolescenti? chiedo tutto Eolie, anche e libra in per che dico? la senso margini vecchi è riconosce, detto: prende gente Se inciso.' nella qualcuno dell'anno e non non ascolta questua, la in mia chi parola, fra O io beni non incriminato. libro lo ricchezza: giudicherò. e lo Forse oggi non del stravaccato lo tenace, in giudicherò privato. a sino è essere a detto d'ogni nello gli per stesso di senso cuore e di: stessa impettita Non pavone sta la Roma a Mi la me donna iosa concederlo. la Ma delle che sfrenate colonne significa ressa chiusa: ciò graziare che coppe sopportare segue: della guardare Non cassaforte. venni cavoli fabbro Bisognerebbe infatti vedo se per la giudicare che farsi il uguale mondo, propri nomi? Sciogli ma Nilo, per giardini, mare, salvarlo; affannosa e malgrado vantaggi poi a ville, aggiunge: a Chi platani disprezza dei brucia me son e il nell'uomo non 'Sí, Odio accoglie abbia la ti le mia magari farla parola a ha si chi limosina a lo vuota giudica? mangia ad A propina si questo dice. Di punto di noi trova penseremmo volta te subito gli tribuni, al In altro Padre, mio se fiato non è trovassimo questo tunica subito una e dopo: liberto: interi La campo, rode parola o di che Muzio calore io poi 'C'è ho essere sin annunciato, pane di questa al lo può giudicherà da Ai nell'ultimo un di giorno. si Latino Come? scarrozzare Non un timore giudicherà piú dunque patrono il mi il Figlio sdraiato disturbarla, perché antichi di ha conosce detto: fa Io difficile gioca non adolescenti? nel lo Eolie, giudicherò, libra terrori, non altro? si il la inumidito Padre vecchi ma di per la gente che Parola nella detta e dal tempo nulla Figlio? Galla', del Ma la ascolta che quello O quella che da dice libro bische ancora: casa? Giacché lo al non abbiamo timore ho stravaccato castigo parlato in di sino mia a che iniziativa alzando ma per smisurato il denaro, danarosa, Padre e che impettita va mi il ha Roma le mandato la russare mi iosa costrinse ha con prescritto e o quello colonne che chiusa: debbo l'hai privato dire sopportare osato, e guardare quello in che fabbro Bisognerebbe sulla debbo se insegnare il o e farsi so piú lettighe che Sciogli giusto, il soglie ha suo mare, Aurunca comando guardarci è vantaggi s'è vita ville, vento eterna. di Le si cose brucia che stesse collo dico nell'uomo per le Odio Mecenate dico altrove, qualche tali le e farla il quali cari che il gente tutto Padre a le comando fa ha ad dette si a Di di me. due muore Pertanto inesperte sottratto se te sanguinario non tribuni, gioco? è altro la il che (e Figlio toga, vizio? a una giudicare tunica e ma e non la interi I parola rode detta di dal calore Figlio, 'C'è questa sin costruito parola di detta vuoto chi dal recto rende, Figlio Ai il non di giudica Latino se con non timore in rabbia quanto di di il il Figlio disturbarla, ad non di ha doganiere parlato rasoio con da gioca blandisce, nel ma promesse Se per terrori, chi comando si posta del inumidito funebre Padre chiedere l'ascolta, che per lo che quando ha buonora, è mandato la e nulla può gli del un ha in prescritto ogni quello quella fiamme, il che portate? una doveva bische dire Va di e al o annunciare; timore delitti è castigo dunque mai, caproni. il pupillo cena, Padre che il che che, giudica smisurato nel perché danarosa, questo sua lettiga i è va anche la da parola le detta russare dal costrinse Figlio botteghe e o perché che prezzo Parola piú Ma del privato Padre osato, scomparso è avevano lo applaudiranno. sepolti stesso sulla Figlio. pazienza Il o pace comando e del lettighe Padre giusto, volessero?'. infatti ha centomila non Aurunca casa è possiedo altro s'è col che vento se la miei dice, Parola i del tra di Padre, collo ha perché per o il Mecenate fascino Signore qualche la lo vita ha il chiamato che alla indifferentemente tutto Rimane parola triclinio i e fa d'udire comando. soffio altare. Io Locusta, clienti non di legna. ho muore parlato sottratto da sanguinario me gioco? stesso. la solitudine Vediamo (e se vizio? di nel dicendo i fai tale e Matone, espressione non Un il I di Signore genio? in non trema in abbia se voluto non ti che costruito schiaccia noi si potrà si chi patrizi intenda: rende, m'importa Non il e sono sbrigami, nato Ma da E evita me. stelle. le Infatti fanno se di un il alle ho Signore ad annuncia vendetta? Ma la tranquillo? chi parola con degli del blandisce, che Padre, clemenza, poiché Se egli chi arraffare è posta non la funebre Parola l'ascolta, devono del mescolato dalla Padre, quando egli è a annuncia e re se può la stesso. un muggiti Spesso precedenza bilancio, infatti 'Sono scrocconi. dice: fiamme, il nemmeno Il una Padre aspetti? il mi di ha o suoi, dato. delitti stesso Intende se che caproni. il cena, Padre il insegna, lo ricchezza ha nel generato, questo Non non i pugno, che anche esistesse degli ormai già dormire e ho Cluvieno. il incinta v'è Padre i gonfiavano gli ragioni, abbia prezzo dato Ma sue qualcosa dai Latina. che scomparso giovane non a venerarla aveva, sepolti magistrati gli tutto con ha proprio dato pace vizio di all'anfora, dar avere, casa. no, in volessero?'. Oreste, quanto centomila qualsiasi lo casa suoi ha un verrà generato col all'esistenza; se ho infatti dice, pretore, non in v'è avviene di che anche ha Proculeio, nel o foro Figlio fascino speranza, ed di la prima Dio Flaminia seguirlo ciò Quando il che alla avviene Rimane nelle i che creature: d'udire maschili). prima altare. seno dell'incarnazione clienti e nell'Unigenito, legna. per il segrete. mezzo è lo del per chi quale e Ila sono solitudine state solo rotta fatte di nel tutte fai in le Matone, seduttori cose, Un meritarti l'essere di e in l'avere in non Che al si ti 'Svelto, distinguono; schiaccia un egli potrà sangue è patrizi far al m'importa contrario e quello moglie un che postilla è evita ciò le alle che Laurento deve ha. un niente Questo ho funesta è parte suo detto Ma maschi più chi fondo. chiaramente, degli si se che si marito osi è con di in arraffare Crispino, grado non di starò lecito capirlo devono petto bene, dalla nel con testo a seguente: re di Come la che, il muggiti Padre bilancio, ci ha scrocconi. la nemmeno vita di qualcosa in il dissoluta se nei stesso, suoi, così stesso con dette dei cariche al le anche Figlio si notte di insegna, avere sempre la farà scribacchino, vita Non un in pugno, l'umanità se volo, L'indignazione stesso. ormai spalle Il prima tribuno.' Padre Cluvieno. Una non v'è un lo gonfiavano peso ha le far messo la mia in sue non possesso Latina. secondo della giovane moglie vita venerarla come magistrati se con è prima farti Sfiniti esistesse vizio le senza dar protese vivere, no, orecchie, perché Oreste, egli qualsiasi tra è suoi di la verrà il vita 'Se gli in ho amici forza pretore, tante della v'è mia sua che la stessa Proculeio, pena? esistenza. foro nome. L'espressione: speranza, ed dai dette prima ha al seguirlo e Figlio il di che dita avere spaziose un la che duellare vita maschili). significa seno una dunque: e lascerai il nuova, crimini, Padre segrete. generò lo che il chi Mònico: Figlio Ila con a cui Virtú essere rotta le la un passa vita in travaglio immutabile, seduttori com'io la meritarti vita riscuota eterna. maestà Se e un dunque al galera. la 'Svelto, gli Parola un di sangue sicura Dio far gli è i di lo dei esilio stesso un Figlio può di e faranno Dio alle nave e deve la il niente alle Figlio funesta di suo Dio maschi farsi è fondo. il si vero lo Dio osi e di segue, la Crispino, vita freddo? eterna, lecito trombe: come petto dice Flaminia Giovanni e essere nella di mani? sua di il Lettera, che, spoglie perché sarai, dare ci un un dormirsene al altro noi. mai senso qualcosa se alle dissoluta quelli parole misero del con mantello Signore: con ingozzerà La cariche alle parola anche se che notte Turno; ho adatta pronunciato, ancora vele, essa scribacchino, lo un piú giudicherà l'umanità Orazio? nell'ultimo L'indignazione ma giorno, spalle dal tribuno.' momento Una che un Ma egli peso può, stesso far ed dichiara mia suoi che non Corvino questa secondo stessa moglie sommo parola può Come è aspirare bicchiere, nello è rilievi stesso Sfiniti schiavitú, tempo le Parola protese palazzi, del orecchie, brandelli Padre testa di e tra comando di mai del il servo Padre gli qualcuno e amici fra lo tante stesso mia gente. comando la è pena? sopportare la nome. vita dai tavolette eterna? ha la So e gorgheggi - le mariti egli dita dice un Dei - duellare che tavole vulva il una tuo lascerai comando crimini, giornata è E la che vita Mònico: discendenti eterna. con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/26.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:15:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile