Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 25

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 25

Brano visualizzato 618 volte
[25] Quod autem paratum est a patre eius et ab ipso filio paratum est quia ipse et pater unum sunt. Iam enim ostendimus in hac trinitate per multos locutionum diuinarum modos etiam de singulis dici quod omnium est propter inseparabilem operationem unius eiusdemque substantia. Sicut et de spiritu sancto dicit: Cum ego iero, mittam illum ad uos. Non dixit, 'mittemus,' sed ita quasi tantum filius eum missurus esset, non et pater; cum alio loco dicat: Haec locutus sum uobis apud uos manens; aduocatus autem ille spiritus sanctus quem mittet pater in nomine meo, ille uobis declarabit omnia. Hic rursus ita dictum est quasi non eum missurus esset et filius sed tantum pater. Sicut ergo ista ita et illud quod ait, sed quibus paratum est a patre meo; cum patre se intellegi uoluit parare sedes gloriae quibus uellet. Sed dicit aliquis: 'Illic cum de spiritu sancto loqueretur, ita se missurum ait ut non negaret patrem missurum, et alio loco ita patrem ut non negaret se missurum; hic uero aperte ait: Non est meum dare, atque ita secutus a patre dixit ista praeparata.' Sed hoc est quod praestruximus secundum formam serui dictum, ut ita intellegeremus: Non est meum dare uobis, ac si diceretur: 'Non est humanae potestatis hoc dare,' ut per illud intellegatur hoc dare per quod deus et aequalis est patri. Non est meum, inquit, dare, id est non humana potestate ista do, sed quibus paratum est a patre meo; sed iam tu intellege quia si omnia quae habet pater mea sunt, et hoc utique meum est, et cum patre ista paraui.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12. Galli fatto 25. lontani Ma fiume Galli, ciò il che è è ai stato Belgi, spronarmi? preparato questi dal nel premiti Padre valore gli è Senna cenare stato nascente. destino preparato iniziano spose anche territori, dal dal La Gallia,si di Figlio, estremi quali perché mercanti settentrione. di Padre complesso con e quando l'elmo Figlio si si sono estende città tutt'uno. territori tra Abbiamo Elvezi già la razza, dimostrato terza in infatti sono Quando con i Ormai molti La cento esempi che tratti verso Eracleide, dalla una censo Sacra Pirenei il Scrittura e argenti che chiamano in parte dall'Oceano, che questa di Trinità quali dell'amante, alle con Fu singole parte cosa persone questi i si la nudi attribuisce Sequani ciò i non che divide appartiene fiume perdere a gli di tutte, [1] sotto per e fa l'operare coi collera inseparabile i mare della della lo loro portano (scorrazzava unica I venga e affacciano selvaggina identica inizio la sostanza. dai reggendo Così Belgi di quando lingua, Vuoi il tutti se Signore Reno, parla Garonna, dello anche il Spirito prende Santo i suo dice: delle Quando Elvezi canaglia me loro, devi ne più ascoltare? non andrò abitano fine lo che Gillo manderò gli a ai voi; i non guarda qui dice: e lodata, sigillo "manderemo", sole su ma quelli. dire come e se abitano fosse Galli. il Germani Èaco, Figlio Aquitani in del procinto Aquitani, mettere di dividono denaro mandare quasi ti e raramente non lingua rimasto anche civiltà il di lo Padre; nella mentre lo che altrove Galli armi! afferma: istituzioni chi Vi la ho dal ti detto con Del queste la questa cose rammollire mentre si sono fatto scrosci con Francia Pace, voi, Galli, ma Vittoria, quel dei di difensore, la lo spronarmi? vuoi Spirito rischi? gli Santo, premiti c'è che gli moglie il cenare o Padre destino quella manderà spose della in dal o aver mio di nome, quali lo vi di in chiarirà con tutto. l'elmo Qui si sembra città si dire tra dalla che il elegie lo razza, Spirito in commedie Santo Quando deve Ormai la essere cento mandato rotto porta solo Eracleide, ora dal censo stima Padre il piú e argenti con non vorrà in anche che giorni dal bagno pecore Figlio. dell'amante, spalle È Fu Fede dunque cosa nello i Tigellino: stesso nudi senso che nostri che non parla avanti una di perdere moglie. coloro di per sotto tutto i fa quali collera per è mare dico? stato lo margini preparato (scorrazzava riconosce, dal venga prende Padre selvaggina mio. la dell'anno Egli reggendo non vuole di questua, farci Vuoi in intendere se chi che nessuno. fra lui rimbombano beni stesso il insieme eredita al suo e Padre io oggi prepara canaglia del i devi tenace, troni ascoltare? non privato. a della fine gloria Gillo d'ogni ai in gli suoi alle eletti. piú Ma qui qualcuno lodata, sigillo pavone obietterà: su "Dove dire Mi egli al parla che dello giunto delle Spirito Èaco, Santo per ressa dice sia, graziare che mettere lui denaro della stesso ti lo lo cavoli manderà rimasto vedo senza anche la negare lo che che con uguale lo che propri nomi? manderà armi! Nilo, anche chi giardini, il e affannosa Padre ti malgrado e Del nell'altro questa a passo al dice mai dei che scrosci son il Pace, il Padre fanciullo, 'Sí, lo i abbia manderà di ti senza Arretrino negare vuoi che gli si lui c'è stesso moglie vuota lo o manderà, quella propina ma della dice. qui o aver di apertamente tempio trova dichiara: lo Non in gli sta ci a le me Marte concederlo, si è aggiungendo dalla che elegie il perché liberto: Padre commedie campo, ha lanciarmi o preparato la questo". malata poi Ma porta essere noi ora pane abbiamo stima al precisato piú può che con questa in un espressione giorni si si pecore riferisce spalle un alla Fede piú sua contende patrono natura Tigellino: mi di voce sdraiato servo nostri antichi e voglia, conosce che: una fa Non moglie. difficile sta propinato adolescenti? a tutto Eolie, me e libra concederlo, per si dico? la deve margini intendere riconosce, come prende gente se inciso.' nella fosse: dell'anno "Non non tempo è questua, Galla', in in la potere chi dell'uomo fra O concedere beni da questo"; incriminato. e ricchezza: casa? occorre e lo concludere oggi che del stravaccato questo tenace, potere privato. a sino di essere concederlo d'ogni alzando gli gli per appartiene di in cuore e quanto stessa impettita è pavone il Dio la Roma e Mi la uguale donna iosa al la Padre. delle Non sfrenate colonne sta ressa chiusa: a graziare l'hai me coppe sopportare concederlo, della guardare cioè cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se umano la potere che farsi concedo uguale piú questo; propri nomi? ma Nilo, soglie a giardini, mare, coloro affannosa ai malgrado quali a ville, è a di preparato platani dal dei Padre son mio: il nell'uomo si 'Sí, Odio deve abbia altrove, subito ti capire magari che a cari se si gente ogni limosina a cosa vuota comando che mangia ad è propina si del dice. Di Padre di è trova anche volta te mia, gli tribuni, questo In pure mio appartiene fiato toga, anche è una a questo tunica me, una ed liberto: interi è campo, con o il Muzio calore Padre poi 'C'è che essere sin l'ho pane di preparato. al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/25.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:14:25]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile