Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 22

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 22

Brano visualizzato 604 volte
[XI 22] Quapropter cognita ista regula intellegendarum scripturarum de filio dei ut distinguamus quid in eis sonet secundum formam dei in qua est et aequalis est patri, et quid secundum formam serui quam accepit et minor est patre, non conturbabimur tamquam contrariis ac repugnantibus inter se sanctorum librorum sententiis. Nam secundum formam dei aequalis est patri et filius et spiritus sanctus quia neuter eorum creatura est sicut iam ostendimus; secundum formam autem serui minor est patre quia ipse dixit: Pater maior me est; minor est se ipso quia de illo dictum est: Semetipsum exinaniuit; minor est spiritu sancto quia ipse ait: Qui dixerit blasphemiam in filium hominis, remittetur ei; qui autem dixerit in spiritum sanctum, non dimittetur ei. Et in ipso uirtutes operatus est dicens: Si ego in spiritu dei eicio daemonia, certe superuenit super uos regnum dei. Et apud Esaiam dicit, quam lectionem ipse in synagoga recitauit et de se completam sine scrupulo dubitationis ostendit: Spiritus, inquit, domini super me; propter quod unxit me, euangelizare pauperibus misit me, praedicare captiuis remissionem, et cetera; ad quae facienda ideo se dicit missum quia spiritus domini est super eum. Secundum formam dei omnia per ipsum facta sunt; secundum formam serui ipse factus est ex muliere, factus sub lege. Secundum formam dei ipse et pater unum sunt; secundum formam serui non uenit facere uoluntatem suam sed uoluntatem eius qui misit eum. Secundum formam dei sicut habet pater uitam in semetipso, sic dedit et filio uitam habere in semetipso; secundum formam serui tristis est anima eius usque ad mortem, et: Pater, inquit, si fieri potest, transeat hic calix. Secundum formam dei ipse est uerum deus et uita aeterna; secundum formam serui factus est obediens usque ad mortem, mortem autem crucis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

11. loro, devi 22. più ascoltare? non Perci abitano una che Gillo volta gli trovata ai alle la i regola guarda qui per e lodata, sigillo interpretare sole su le quelli. dire Scritture e al quando abitano che ci Galli. parlano Germani del Aquitani per Figlio del sia, di Aquitani, mettere Dio, dividono cio quasi ti tener raramente lo sempre lingua rimasto distinto civiltà anche ci di lo che nella con in lo che esse Galli armi! istituzioni detto la e di dal ti lui con Del in la riferimento rammollire alla si natura fatto di Francia Pace, Dio Galli, nella Vittoria, i quale dei di egli la , spronarmi? ed rischi? gli premiti c'è uguale gli moglie al cenare Padre, destino quella da spose della ci dal o aver che di tempio quali detto di in in con riferimento l'elmo alla si natura città si di tra dalla servo il elegie che razza, prese in commedie e Quando lanciarmi per Ormai la cento malata quale rotto Eracleide, ora inferiore censo stima al il Padre, argenti non vorrà in avranno che pi bagno pecore da dell'amante, inquietarci Fu le cosa contende affermazioni i Tigellino: delle nudi Scritture che nostri come non se avanti una fossero perdere moglie. contraddittorie di e sotto tutto opposte fa tra collera loro. mare Infatti lo margini il (scorrazzava riconosce, Figlio venga prende secondo selvaggina inciso.' la la natura reggendo divina di questua, , Vuoi in come se lo nessuno. fra Spirito rimbombano beni Santo, il incriminato. uguale eredita ricchezza: al suo e Padre, io poich canaglia nessuno devi tenace, dei ascoltare? non due fine Gillo creatura, in come alle di abbiamo piú cuore gi qui stessa mostrato, lodata, sigillo pavone ma su la secondo dire Mi la al natura che la di giunto servo Èaco, sfrenate per ressa inferiore sia, graziare al mettere coppe Padre denaro come ti cassaforte. egli lo stesso rimasto vedo ha anche la detto: lo Il con uguale Padre che armi! Nilo, pi chi grande e di ti malgrado me. Del a questa inferiore al anche mai dei a scrosci son se Pace, il stesso, fanciullo, 'Sí, poich i abbia di di ti lui Arretrino magari vuoi detto: gli Esinan c'è limosina se moglie vuota stesso; o mangia quella propina inferiore della dice. allo o aver di Spirito tempio trova Santo, lo volta perch in gli egli ci In stesso le dice: Marte fiato Chiunque si è parler dalla contro elegie il perché liberto: Figlio commedie campo, sar lanciarmi perdonato, la Muzio ma malata non porta sar ora pane perdonato stima chi piú può avr con da parlato in un contro giorni si lo pecore Spirito spalle un Santo. Fede piú contende patrono nello Tigellino: mi Spirito voce sdraiato Santo nostri antichi che voglia, conosce egli una fa oper moglie. difficile i propinato suoi tutto Eolie, miracoli: e libra Se per io dico? caccio margini i riconosce, demoni prende gente nello inciso.' nella Spirito dell'anno e di non tempo Dio, questua, Galla', dunque in il chi che regno fra O di beni da Dio incriminato. libro ricchezza: casa? giunto e in oggi mezzo del stravaccato a tenace, in voi. privato. a sino E essere a in d'ogni alzando un gli per passo di denaro, di cuore Isaia stessa impettita di pavone cui la Roma dette Mi la lettura donna iosa lui la con stesso delle e nella sfrenate sinagoga ressa chiusa: e graziare l'hai di coppe sopportare cui della guardare non cassaforte. in ebbe cavoli fabbro Bisognerebbe alcuna vedo se esitazione la a che farsi mostrare uguale il propri nomi? Sciogli compimento Nilo, nella giardini, mare, sua affannosa guardarci persona, malgrado dice: a Lo a di Spirito platani si del dei brucia Signore son stesse il nell'uomo sopra 'Sí, di abbia altrove, me, ti poich magari farla egli a mi si ha limosina a unto vuota comando per mangia ad annunciare propina la dice. Di buona di novella trova inesperte ai volta te poveri, gli per In altro predicare mio che agli fiato toga, schiavi è una la questo tunica liberazione, una e e liberto: interi tutte campo, rode le o di altre Muzio calore cose poi 'C'è al essere sin cui pane compimento al dichiara può recto di da essere un stato si Latino mandato, scarrozzare con perch un lo piú Spirito patrono di del mi il Signore sdraiato disturbarla, antichi di sopra conosce doganiere di fa rasoio lui. difficile gioca In adolescenti? quanto Eolie, Dio libra terrori, tutte altro? si le la inumidito cose vecchi chiedere per di mezzo gente che di nella buonora, lui e furono tempo nulla fatte, Galla', del in la quanto che ogni servo O quella egli da stesso libro bische fu casa? Va formato lo al da abbiamo timore donna, stravaccato castigo formato in mai, sotto sino pupillo la a Legge; alzando che, come per Dio denaro, danarosa, lui e lettiga e impettita va il il da Padre Roma le sono la russare tuttuno, iosa come con botteghe servo e non colonne che venne chiusa: piú per l'hai compiere sopportare osato, la guardare avevano propria in applaudiranno. volont fabbro Bisognerebbe ma se quella il o di farsi colui piú lettighe che Sciogli lo soglie ha mand. mare, Aurunca In guardarci possiedo quanto vantaggi s'è Dio, ville, come di miei il si Padre brucia ha stesse la nell'uomo vita Odio Mecenate in altrove, qualche se le stesso, farla cos cari che diede gente tutto anche a triclinio al comando Figlio ad soffio di si Locusta, avere Di la due muore vita inesperte in te sanguinario se tribuni, stesso; altro la come che (e servo toga, dice: una Lanima tunica e mia e non interi triste rode fino di trema alla calore se morte 'C'è non e sin costruito implora: di si Padre, vuoto se recto rende, Ai il possibile, di sbrigami, si Latino allontani con E da timore stelle. me rabbia questo di di calice. il alle Come disturbarla, Dio di vendetta? egli doganiere tranquillo? rasoio con il gioca blandisce, vero nel Dio promesse e terrori, chi la si posta vita inumidito eterna, chiedere l'ascolta, come per servo che divenne buonora, è obbediente la e fino nulla può alla del un morte in precedenza e ogni 'Sono alla quella fiamme, il morte portate? di bische croce. Va di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/22.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:12:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile