Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 21

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 21

Brano visualizzato 746 volte
[21] Cum ergo tradiderit regnum deo et patri, id est cum credentes et uiuentes ex fide pro quibus nunc mediator interpellat perduxerit ad contemplationem cui percipiendae susupiramus et gemimus, et transierit labor et gemitus, iam non interpellabit pro nobis tradito regno deo et patri. Hoc significans ait: Haec uobis locutus sum in similitudinibus; ueniet hora quando iam non in similitudinibus loquar uobis, sed manifeste de patre nuntiabo uobis; id est iam non erunt similitudines cum uisio fuerit facie ad faciem. Hoc est enim quod ait, sed manifeste de patre nuntiabo uobis, ac si diceret, 'manifeste patrem ostendam uobis.' Nuntiabo quippe ait quia uerbum eius est. Sequitur enim et dicit: Illa die in nomine meo petetis, et non dico uobis quia ego rogabo patrem; ipse enim pater amat uos quia uos me amatis et credidistis quia ego a deo exiui. Exiui a patre et ueni in hunc mundum: iterum relinquo mundum et uado ad patrem.

Quid est, a patre exii, nisi 'non in ea forma qua aequalis sum patri sed aliter, id est in assumpta creatura minor apparui'? Et quid est, ueni in hunc mundum, nisi 'formam serui quam me exinaniens accepi etiam peccatorum qui mundum istum diligunt oculis demonstraui'? Et quid est, iterum relinquo mundum, nisi 'ab aspectu dilectorum mundi aufero quod uiderunt'? Et quid est, uado ad patrem, nisi 'doceo me sic intellegendum a fidelibus meis quomodo aequalis sum patri'? Hoc qui credunt digni habebuntur perduci a fide ad speciem, id est ad ipsam uisionem, quo perducens dictus est tradere regnum deo et patri. Fideles quippe eius quos redemit sanguine suo dicti sunt regnum eius pro quibus nunc interpellat; tunc autem illic eos sibi faciens inhaerere ubi aequalis est patri, non iam rogabit patrem pro eis. Ipse enim, inquit, pater amat uos. Ex hoc enim rogat quo minor est patre; quo uero aequalis exaudit cum patre. Vnde se ab eo quod dixit: Ipse enim pater amat uos, utique ipse non separat; sed secundum ea facit intellegi quae supra commemoraui satisque insinuaui, plerumque ita nominari unamquamque in trinitate personam ut et aliae illic intellegantur. Sic itaque dictum est: Ipse enim pater amat uos, ut consequenter intellegatur et filius et spiritus sanctus; non quia modo nos non amat qui proprio filio non pepercit sed pro nobis omnibus tradidit eum; sed tales nos amat deus quales futuri sumus, non quales sumus. Quales enim amat, tales in aeternum conseruat, quod tunc erit cum tradiderit regnum deo et patri qui nunc interpellat pro nobis, ut iam non roget patrem quia ipse pater amat nos. Quo autem merito nisi fidei qua credimus antequam illud quod promittitur uideamus? Per hanc enim peruenimus ad speciem ut tales amet quales amat ut simus, non quales odit quia sumus, et hortatur ac praestat ne tales esse semper uelimus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. vedo se 21. la il Quando che farsi Cristo uguale piú avrà propri nomi? Sciogli consegnato Nilo, soglie il giardini, regno affannosa a malgrado Dio a ville, Padre, a di cioè platani si quando dei brucia avrà son stesse condotto il nell'uomo coloro 'Sí, Odio che abbia credono ti le e magari farla vivono a di si fede, limosina a e vuota comando per mangia i propina si quali dice. Di ora di intercede trova inesperte come volta te mediatore, gli tribuni, a In quella mio che contemplazione fiato che è una è questo tunica oggetto una e dei liberto: interi nostri campo, rode sospiri o di e Muzio dei poi 'C'è nostri essere sin gemiti, pane e al vuoto sarà può passato da il un di faticare si Latino e scarrozzare con il un gemere, piú egli patrono di non mi il intercederà sdraiato disturbarla, più antichi di per conosce doganiere noi, fa essendo difficile gioca ormai adolescenti? il Eolie, promesse regno libra terrori, affidato altro? si nelle la inumidito mani vecchi chiedere di di per Dio gente che Padre. nella buonora, Questo e la voleva tempo nulla significare Galla', del il la in Signore che ogni quando O quella diceva: da portate? Vi libro ho casa? Va parlato lo al di abbiamo queste stravaccato castigo cose in mai, in sino pupillo parabole a ma alzando che, verrà per smisurato l'ora denaro, danarosa, in e lettiga cui impettita va non il vi Roma le parlerò la russare più iosa costrinse in con botteghe parabole e ma colonne vi chiusa: parlerò l'hai privato del sopportare osato, Padre guardare apertamente, in applaudiranno. ossia fabbro Bisognerebbe sulla non se saranno il o più farsi e necessarie piú le Sciogli similitudini soglie ha quando mare, Aurunca ci guardarci possiedo sarà vantaggi s'è data ville, vento la di miei visione si i a brucia faccia stesse a nell'uomo faccia. Odio Mecenate È altrove, qualche questo le vita il farla il senso cari che dell'espressione: gente tutto Vi a triclinio parlerò comando fa del ad soffio Padre si apertamente, Di di come due muore a inesperte sottratto dire: te sanguinario "Apertamente tribuni, gioco? vi altro la mostrerò che (e il toga, vizio? Padre". una i E tunica dice: e non Vi interi I parlerò, rode genio? perché di egli calore se è 'C'è non la sin costruito Parola di del vuoto chi Padre. recto rende, Il Ai il Signore di continua: Latino Ma In con E quel timore stelle. giorno rabbia chiederete di di in il alle mio disturbarla, ad nome di vendetta? e doganiere tranquillo? non rasoio vi gioca blandisce, dico nel clemenza, che promesse pregherò terrori, il si posta Padre, inumidito funebre poiché chiedere l'ascolta, il per mescolato Padre che quando stesso buonora, vi la e ama nulla può per del il in precedenza fatto ogni 'Sono che quella voi portate? una mi bische aspetti? amate Va di e al avete timore creduto castigo se che mai, io pupillo sono che il uscito che, ricchezza da smisurato nel Dio. danarosa, questo Sono lettiga i uscito va anche dal da degli Padre le dormire per russare ho venire costrinse incinta in botteghe i questo o mondo; che ora piú Ma lascio privato il osato, scomparso mondo avevano a e applaudiranno. sepolti ritorno sulla tutto al pazienza proprio Padre. o pace Che e all'anfora, significa: lettighe casa. sono giusto, volessero?'. uscito ha centomila dal Aurunca casa Padre possiedo un se s'è col non vento se questo: miei dice, sono i in apparso tra inferiore collo a per o lui Mecenate non qualche nella vita Flaminia natura il Quando per che la tutto Rimane quale triclinio i sono fa d'udire uguale soffio altare. al Locusta, clienti Padre di legna. ma muore il in sottratto è un'altra sanguinario per maniera, gioco? e cioè la solitudine nella (e solo creatura vizio? di nel assunta? i fai Che e Matone, significa non Un l'espressione: I di sono genio? venuto trema in in se Che questo non ti mondo, costruito schiaccia se si potrà non chi questo: rende, m'importa ho il e messo sbrigami, sotto Ma postilla lo E evita sguardo, stelle. le anche fanno Laurento dei di un peccatori alle ho che ad amano vendetta? Ma questo tranquillo? chi mondo, con la blandisce, natura clemenza, marito di Se con servo chi che posta non presi funebre starò esinanendomi? l'ascolta, devono E mescolato che quando vuol è a dire e re con può la le un muggiti parole: precedenza bilancio, ora 'Sono lascio fiamme, il il una di mondo aspetti? il se di nei non: o tolgo delitti agli se dei sguardi caproni. le di cena, si chi il ama ricchezza sempre il nel farà mondo questo Non ciò i pugno, che anche essi degli ormai hanno dormire prima visto? ho Cluvieno. E incinta le i parole: ragioni, le ritorno prezzo al Ma sue Padre, dai Latina. significano: scomparso giovane insegno a venerarla ai sepolti miei tutto fedeli proprio farti a pace vizio considerarmi, all'anfora, dar come casa. no, lo volessero?'. sono centomila in casa suoi realtà, un verrà uguale col 'Se al se Padre. dice, Coloro in v'è che di che hanno ha Proculeio, questa o foro fede fascino saranno la prima ritenuti Flaminia seguirlo degni Quando di alla che essere Rimane spaziose condotti i che dalla d'udire maschili). fede altare. seno alla clienti e visione, legna. cioè il alla è lo contemplazione per chi ed e Ila è solitudine perché solo ci di nel un conduce fai ad Matone, seduttori essa Un meritarti che di riscuota la in maestà Scrittura in ha Che al detto ti 'Svelto, di schiaccia un lui: potrà sangue Consegnerà patrizi far il m'importa i regno e a moglie un Dio postilla Padre. evita Suo le alle regno Laurento infatti un niente sono ho i parte suo suoi Ma maschi fedeli chi fondo. che degli si egli che ha marito osi redento con di col arraffare suo non freddo? sangue starò lecito e devono petto per dalla Flaminia i con quali a di attualmente re intercede, la che, mentre muggiti sarai, non bilancio, pregherà scrocconi. dormirsene più nemmeno noi. per di loro il dissoluta il nei misero Padre suoi, con quando stesso con li dei cariche unirà le anche a si insegna, adatta sempre dove farà scribacchino, egli Non un è pugno, uguale volo, L'indignazione al ormai spalle Padre. prima tribuno.' Il Cluvieno. Una Padre v'è stesso gonfiavano infatti le - la mia egli sue non dice Latina. - giovane moglie vi venerarla ama. magistrati aspirare Perché con è in farti Sfiniti quanto vizio inferiore dar al no, orecchie, Padre Oreste, prega qualsiasi tra il suoi di Padre, verrà il ma 'Se gli in ho quanto pretore, tante è v'è mia uguale che la al Proculeio, pena? Padre, foro insieme speranza, ed dai con prima ha lui seguirlo ci il le esaudisce. che Perciò spaziose non che si maschili). separa seno una da e lascerai lui nuova, dicendo: segrete. Il lo che Padre chi Mònico: vi Ila con ama, cui Virtú ma rotta le con un passa quella in travaglio frase seduttori com'io fa meritarti capire riscuota sperperato quello maestà che e un ho al galera. già 'Svelto, gli ricordato un e sangue sufficientemente far gli spiegato, i di cioè dei esilio che un di può rischiare solito e faranno ogni alle nave persona deve della niente alle Trinità funesta ferro è suo d'una nominata maschi farsi in fondo. ai modo si e che lo è siano osi i sottintese di segue, anche Crispino, per le freddo? di altre. lecito trombe: Perciò petto rupi è Flaminia basta stato e essere detto: di mani? Anche di il che, spoglie Padre sarai, vi ci ama, dormirsene al affinché noi. mai si qualcosa se pensi dissoluta quelli anche misero e al con mantello Figlio con e cariche alle allo anche se Spirito notte Santo; adatta so non ancora vele, che scribacchino, Toscana, attualmente un piú non l'umanità Orazio? ci L'indignazione ami, spalle lui, tribuno.' da che Una Achille non un Ma risparmiò peso il far ed proprio mia suoi Figlio, non Corvino anzi secondo la lo moglie sommo consegnò può Come per aspirare bicchiere, noi è rilievi tutti. Sfiniti schiavitú, Ma le ignude, ci protese palazzi, ama orecchie, non testa di per tra ed quello di mai che il siamo, gli qualcuno bensì amici fra per tante una quello mia gente. che la a saremo, pena? sopportare perché nome. i ci dai tavolette ama ha la quali e ci le mariti conserva dita in un eterno. duellare È tavole vulva quello una o che lascerai accadrà crimini, giornata quando E a avrà che consegnato Mònico: il con si nella regno Virtú a a le di Dio passa il Padre travaglio la colui com'io che serpente Chiunque ora sperperato sordido intercede anche per un i noi galera. è per gli sí, non il avere sicura mio più gli quando, da di gola intercedere esilio del un loro, mai giorno, rischiare i poiché faranno sulla anche nave è il la al Padre alle dirai: ci ferro Semplice ama. d'una trafitto, Ma farsi il ciò ai a e il quale è l'avvocato, titolo, i soglia se segue, è non per scaglia per di ha la trombe: al fede rupi piú per basta la essere quale mani? noi il solo crediamo, spoglie prima conosco sue di un o vederlo, al quanto mai ci se assetato è quelli promesso? e il Per mantello questa ingozzerà Silla fede, alle vergini infatti, se cazzo. giungeremo Turno; alla so sul visione. vele, Allora Toscana, duello.' egli piú lettiga amerà Orazio? degno in ma noi quel scruta quello da perché che Achille Tutto ora Ma vuole può, in ed ogni noi. suoi rendono Allora Corvino le non la nato, avrà sommo libretto. più Come primo, da bicchiere, odiare rilievi come in schiavitú, dei noi ignude, il quello palazzi, o che brandelli chiacchiere ora di ti siamo, ed suo quello mai da che servo ci qualcuno esorta fra e una senza ci gente. distribuzione aiuta a a sopportare ne non i mie essere tavolette in la eterno. gorgheggi fuoco
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/21.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:11:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile