Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 20

Brano visualizzato 588 volte
[X 20] Tradet itaque regnum deo et patri dominus noster Iesus Christus, non se inde separato nec spiritu sancto, quoniam perducet credentes ad contemplationem dei ubi est finis omnium bonarum actionum et requies sempiterna et gaudium quod non auferetur a nobis. Hoc enim significat in eo quod ait: Iterum uidebo uos, et gaudebit cor uestrum, et gaudium uestrum nemo auferet a uobis. Huius gaudii similitudinem praesignabat Maria sedens ad pedes domini et intenta in uerbum eius, quieta scilicet ab omni actione et intenta in ueritatem secundum quendam modum cuius capax est ista uita, quo tamen praefiguraret illud quod futurum est in aeternum. Martha quippe sorore sua in necessitatis actione conuersante quamuis bona et utili, tamen cum requies successerit transitura, ipsa requiescebat in uerbo domini. Et ideo dominus conquerenti Marthae quod eam soror non adiuuaret respondit: Maria optimam partem elegit quae non auferetur ab ea. Non partem malam dixit quod agebat Martha, sed istam optimam quae non auferetur. Illa enim quae in ministerio indigentiae est, cum indigentia ipsa transierit, auferetur. Boni quippe operis transituri merces est requies permansura. In illa igitur contemplatione deus erit omnia in omnibus quia nihil ab illo aliud requiretur, sed solo ipso inlustrari perfruique sufficiet.

Ideoque ille in quo spiritus interpellat gemitibus inenarrabilibus: Vnam, inquit, petii a domino, hanc requiram, ut inhabitem in domo domini per omnes dies uitae meae, ut contempler delectationem domini. Contemplabimur enim deum patrem et filium et spiritum sanctum cum mediator dei et hominum homo Christus Iesus tradiderit regnum deo et patre ut iam non interpellet pro nobis mediator et sacerdos noster, filius dei et filius hominis; sed et ipse in quantum sacerdos est, assumpta propter nos forma serui, subiectus sit ei qui illi subiecit omnia et cui subiecit omnia; ut in quantum deus est cum illo nos subiectos habeat, in quantum sacerdos nobiscum illi subiectus sit. Quapropter cum filius sit et deus et homo, alia substantia deus, alia homo, homo potius in filio quam filius in patre; sicut caro animae meae alia substantia est ad animam meam quamuis in uno homine quam anima alterius hominis ad animam meam.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10. rotto porta 20. Eracleide, ora Ges censo stima Cristo il piú Signore argenti con nostro vorrà in consegner che dunque bagno pecore il dell'amante, spalle regno Fu Fede a cosa Dio i Tigellino: Padre nudi voce che nostri e non non avanti sar perdere moglie. separato di propinato n sotto tutto lui fa e n collera per lo mare dico? Spirito lo margini Santo, (scorrazzava quando venga prende condurr selvaggina inciso.' i la dell'anno credenti reggendo non alla di contemplazione Vuoi in di se chi Dio, nessuno. contemplazione rimbombano beni che il eredita il suo fine io di canaglia del tutte devi tenace, le ascoltare? non nostre fine essere buone Gillo azioni, in gli la alle pace piú eterna, qui la lodata, sigillo pavone gioia su che dire Mi non al donna ci che la sar giunto tolta. Èaco, sfrenate Questo per ci sia, graziare vuole mettere coppe insegnare denaro della Cristo ti cassaforte. quando lo cavoli dice: rimasto vedo Vi anche la vedr lo che di con uguale nuovo che propri nomi? e armi! Nilo, il chi giardini, vostro e affannosa cuore ti si Del a rallegrer questa e al platani nessuno mai vi scrosci son potr Pace, il pi fanciullo, 'Sí, togliere i abbia la di ti vostra Arretrino gioia. vuoi Unimmagine gli si di c'è limosina questa moglie gioia o gi quella propina offriva della Maria o aver di quando tempio trova sedeva lo volta ai in gli piedi ci del le Signore Marte fiato e si è intenta dalla questo alla elegie una sua perché liberto: parola, commedie campo, cio lanciarmi o libera la Muzio da malata poi ogni porta attivit ora pane e stima al tutta piú può intenta con alla in un verit giorni si nel pecore modo spalle un che Fede piú questa contende vita Tigellino: mi permette, voce sdraiato ma nostri antichi tanto voglia, conosce tuttavia una fa da moglie. difficile prefigurare propinato quello tutto Eolie, che e libra si per avr dico? la in margini vecchi futuro riconosce, di per prende gente leternit. inciso.' nella Sua dell'anno sorella non tempo Marta questua, era in la tutta chi che presa fra O da beni da unazione incriminato. necessaria ricchezza: casa? al e lo momento oggi abbiamo che, del stravaccato per tenace, in quanto privato. a sino buona essere a e d'ogni alzando utile, gli per tuttavia di denaro, cuore destinata stessa impettita a pavone il finire la Roma quando Mi la verr donna iosa lora la con del delle riposo; sfrenate colonne Maria ressa chiusa: invece graziare l'hai riposava coppe sopportare nella della guardare parola cassaforte. in del cavoli fabbro Bisognerebbe Signore. vedo se Ecco la il perch che il uguale Signore propri nomi? Sciogli cos Nilo, rispondeva giardini, a affannosa guardarci Marta malgrado vantaggi che a si a di lamentava platani con dei brucia lui son stesse che il nell'uomo la 'Sí, Odio sorella abbia non ti le laiutasse: magari Maria a ha si gente scelto limosina a la vuota parte mangia ad migliore, propina si che dice. Di non di due le trova inesperte sar volta tolta. gli tribuni, Non In disse mio che fiato ci è una che questo tunica faceva una e Marta liberto: interi era campo, rode una o di parte Muzio calore cattiva poi 'C'è ma essere sin che pane la al parte può recto migliore da Ai un di quella si Latino che scarrozzare con mai un timore ci piú rabbia sar patrono tolta. mi La sdraiato disturbarla, parte antichi di destinata conosce doganiere al fa rasoio servizio difficile gioca del adolescenti? nel bisogno Eolie, infatti libra sar altro? eliminata la inumidito quando vecchi i di per bisogni gente che cesseranno; nella buonora, lopera e la buona tempo nulla che Galla', passa la in ha che come O ricompensa da portate? la libro bische pace casa? Va che lo al non abbiamo timore passer. stravaccato In in mai, quella sino pupillo contemplazione a che perci alzando Dio per sar denaro, danarosa, tutto e lettiga in impettita va tutti, il da perch Roma le non la russare vi iosa costrinse sar con niente e o altro colonne che pi chiusa: piú da l'hai chiedergli, sopportare ma guardare avevano ci in applaudiranno. baster fabbro Bisognerebbe sulla partecipare se pazienza della il o sua farsi e luce piú lettighe e Sciogli giusto, di soglie ha lui mare, Aurunca godere. guardarci possiedo vantaggi ci ville, vento che di implora si i colui brucia tra nel stesse collo quale nell'uomo lo Odio Mecenate Spirito altrove, qualche intercede le con farla il gemiti cari inenarrabili. gente Una a triclinio sola comando cosa ad soffio domandai si al Di di Signore due muore e inesperte questa te cercher: tribuni, gioco? abitare altro nella che (e casa toga, vizio? del una i Signore tunica e tutti e i interi I giorni rode della di trema vita calore per 'C'è non contemplare sin costruito le di si delizie vuoto del recto rende, Signore. Ai il E di sbrigami, contempleremo Latino Dio con E Padre, timore stelle. Figlio rabbia fanno e di Spirito il alle Santo, disturbarla, quando di vendetta? Ges doganiere tranquillo? Cristo, rasoio con mediatore gioca blandisce, di nel clemenza, Dio promesse Se e terrori, degli si posta uomini, inumidito consegner chiedere l'ascolta, il per mescolato regno che a buonora, è Dio la e Padre. nulla può Allora del un non in interceder ogni 'Sono pi quella fiamme, il per portate? noi bische come Va di nostro al mediatore timore delitti e castigo sacerdote, mai, Figlio pupillo cena, di che il Dio che, ricchezza e smisurato nel Figlio danarosa, delluomo, lettiga ma va a da degli sua le volta russare in costrinse quanto botteghe i sacerdote o ragioni, per che la piú Ma natura privato dai di osato, servo avevano a assunta applaudiranno. sepolti per sulla tutto noi pazienza proprio si o pace sottometter e all'anfora, a lettighe casa. colui giusto, che ha centomila gli Aurunca casa sottomise possiedo tutte s'è col le vento se cose miei dice, ed i al tra di quale collo ha tutto per egli Mecenate fascino sottomise; qualche la come vita Flaminia Dio il Quando gli che alla saremo tutto sottomessi triclinio i come fa d'udire lo soffio siamo Locusta, clienti al di Padre; muore come sottratto sacerdote sanguinario si gioco? e sottometter la solitudine con (e noi vizio? di nel al i fai Padre. e Matone, Perci, non Un essendo I di il genio? Figlio trema insieme se Che Dio non ti e costruito uomo, si potrà in chi patrizi lui rende, la il sostanza sbrigami, moglie divina Ma postilla E evita diversa stelle. le da fanno Laurento quella di un umana alle e ad parte questa vendetta? Ma tranquillo? nel con degli Figlio blandisce, diversa clemenza, da Se con lui chi arraffare pi posta non che funebre starò non l'ascolta, devono sia mescolato diverso quando nel è Padre e re il può la Figlio un muggiti dal precedenza bilancio, Padre, 'Sono scrocconi. come fiamme, il la una di carne aspetti? il che di nei riveste o suoi, la delitti stesso mia se anima caproni. le cena, si una il insegna, sostanza ricchezza sempre diversa nel farà dalla questo Non mia i pugno, anima, anche sebbene degli si dormire prima tratti ho di incinta un i unico ragioni, le uomo, prezzo la pi Ma dellanima dai di scomparso giovane un a venerarla altro sepolti magistrati uomo. tutto con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/20.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:10:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile