Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 18

Brano visualizzato 598 volte
[18] Nec inde separatur utriusque spiritus, id est patris et filii spiritus, qui spiritus sanctus proprie dicitur, spiritus ueritatis quem hic mundum accipere non potest. Hoc est enim plenum gaudium nostrum quo amplius non est, frui trinitate deo ad cuius imaginem facti sumus. Propter hoc aliquando ita loquitur de spiritu sancto tamquam solus ipse sufficiat ad beatitudinem nostram; et ideo solus sufficit quia separari a patre et filio non potest, sicut pater solus sufficit quia separari a filio et spiritu sancto non potest, et filius ideo sufficit solus quia separari a patre et spiritu sancto non potest. Quid enim sibi uult quod ait: Si diligitis me, mandata mea seruate, et ego rogabo patrem, et alium aduocatum dabit uobis ut uobiscum sit in aeternum, spiritum ueritatis quem hic mundus accipere non potest, id est dilectores mundi? Animalis enim homo non percipit quae sunt spiritus dei.

Sed adhuc uideri potest ideo dictum: Et ego rogabo patrem, et alium aduocatum dabit uobis, quasi non sufficiat solus filius. Illo autem loco ita de illo dictum est tamquam solus omnino sufficiat: Cum uenerit ille spiritus ueritatis, docebit uos omnem ueritatem. Numquid ergo separatur hinc filius tamquam ipse non doceat omnem ueritatem, aut quasi hoc impleat spiritus sanctus quod minus potuit docere filius? Dicant ergo, si placet, maiorem esse filio spiritum sanctum quem minorem illo solent dicere. An quia non dictum est: 'Ipse solus,' aut: 'Nemo nisi ipse' uos docebit omnem ueritatem, ideo permittunt ut cum illo docere credatur et filius? Apostolus ergo separauit filium ab sciendis his quae dei sunt ubi ait: Sic et quae dei sunt nemo scit nisi spiritus dei! ut iam isti peruersi possint ex hoc dicere quod et filium non doceat quae dei sunt nisi spiritus sanctus, tamquam maior minorem; cui filius ipse tantum tribuit ut diceret: Quia haec locutus sum uobis, tristitia cor uestrum impleuit. Sed ego ueritatem dico: expedit uobis ut ego eam; nam si non abiero, aduocatus non ueniet ad uos.

[IX] Hoc autem dixit non propter inaequalitatem uerbi dei et spiritus sancti, sed tamquam impedimento esset praesentia filii hominis apud eos quominus ueniret ille qui minor non esset quia non semetipsum exinaniuit sicut filius formam serui accipiens.

Oportebat ergo ut auferretur ab oculis eorum forma serui quam intuentes hoc solum esse Christum putabant quod uidebant. Inde est et illud quod ait: Si diligeretis me, gauderetis quoniam eo ad patrem, quia pater maior me est, id est propterea me oportet ire ad patrem quia dum me ita uidetis, et ex hoc quod uidetis aestimatis minor sum patre, atque ita circa creaturam susceptumque habitum occupati aequalitatem quam cum patre habeo non intellegitis. Inde est et illud: Noli me tangere; nondum enim ascendi ad patrem meum. Tactus enim tamquam finem facit notionis. Ideoque nolebat in eo esse finem intenti cordis in se ut hoc quod uidebatur tantummodo putaretur. Ascensio autem ad patrem erat ita uideri sicut aequalis est patri ut ibi esset finis uisionis quae sufficit nobis. Aliquando item de filio solo dicitur quod ipse sufficiat et in eius uisione merces tota promittitur dilectionis et desiderii nostri. Sic enim ait: Qui habet mandata mea et custodit ea, ille est qui me diligit. Qui autem me diligit, diligetur a patre meo; et ego diligam eum et ostendam me ipsum illi.

Numquid hic quia non dixit: 'Ostendam illi et patrem' ideo separauit patrem? Sed quia uerum est: Ego et pater unum sumus, cum pater ostenditur, et filius ostenditur qui in illo est; et cum filius ostenditur, etiam pater ostenditur qui in illo est. Sicut ergo cum ait: Et ostendam illi me ipsum, intellegitur quia ostendit et patrem, ita et in eo quod dicitur: Cum tradiderit regnum deo et patri, intellegitur quia non adimit sibi. Quoniam cum perducet credentes ad contemplationem dei et patris, profecto perducet ad contemplationem suam qui dixit: Et ostendam illi me ipsum. Et ideo consequenter cum dixisset illi Iudas: Domine, quid factum est quia ostensurus es te nobis et non huic mundo? respondit Iesus et dixit illi: Si quis me diligit, sermonem meum seruabit; et pater meus diliget illum, et ad illum ueniemus et mansionem apud illum faciemus. Ecce quia non solum se ipsum ostendit ei a quo diligitur, quia simul cum patre uenit ad eum et mansionem facit apud eum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

8. fascino speranza, ed 18. la prima Da Flaminia seguirlo questa Quando unità alla che non Rimane spaziose può i che essere d'udire maschili). separato altare. lo clienti Spirito legna. di il segrete. ambedue, è lo cioè per lo e Ila Spirito solitudine del solo rotta Padre di nel un e fai in del Matone, seduttori Figlio. Un È di riscuota questo in maestà lo in e Spirito Che al Santo, ti 'Svelto, che schiaccia un la potrà sangue Scrittura patrizi far propriamente m'importa i chiama: e Spirito moglie di postilla può verità evita che le alle il Laurento mondo un non ho funesta può parte suo ricevere. Ma maschi Ora chi fondo. la degli si nostra che lo gioia marito osi perfetta con di della arraffare Crispino, quale non freddo? nulla starò lecito c'è devono petto di dalla Flaminia più con e alto, a di è re godere la di muggiti sarai, Dio bilancio, ci Trinità scrocconi. che nemmeno noi. ci di ha il dissoluta fatto nei a suoi, sua stesso con immagine. dei cariche Per le anche questo si notte talvolta insegna, adatta si sempre parla farà dello Non un Spirito pugno, Santo volo, L'indignazione come ormai spalle se prima tribuno.' bastasse Cluvieno. lui v'è solo gonfiavano alla le far nostra la mia beatitudine, sue e Latina. davvero giovane moglie basta, venerarla può in magistrati quanto con è non farti Sfiniti può vizio le essere dar protese separato no, orecchie, dal Oreste, testa Padre qualsiasi tra e suoi di dal verrà il Figlio, 'Se gli allo ho amici stesso pretore, tante modo v'è mia in che la cui Proculeio, basta foro nome. il speranza, ed Padre prima ha solo, seguirlo e perché il indivisibile che dita dal spaziose un Figlio che duellare e maschili). dallo seno Spirito e Santo, nuova, crimini, e segrete. E basta lo che il chi Figlio Ila con solo, cui Virtú perché rotta le non un passa si in travaglio può seduttori separare meritarti serpente dal riscuota sperperato Padre maestà anche e e dallo al galera. Spirito 'Svelto, gli Santo. un il Che sangue sicura senso far gli hanno i di queste dei esilio parole un del può Signore: e Se alle mi deve la amate, niente alle osservate funesta ferro i suo d'una miei maschi farsi comandamenti fondo. ed si io lo è pregherò osi i il di Padre Crispino, per ed freddo? di egli lecito trombe: vi petto rupi darà Flaminia basta un e essere nuovo di difensore di il perché che, sia sarai, conosco con ci voi dormirsene al in noi. mai eterno, qualcosa se lo dissoluta Spirito misero e di con verità con ingozzerà che cariche alle questo anche mondo notte (cioè adatta so chi ancora ama scribacchino, Toscana, questo un piú mondo) l'umanità non L'indignazione ma può spalle quel ricevere? tribuno.' da L'uomo Una Achille carnale un Ma infatti peso può, non far ed comprende mia suoi le non Corvino cose secondo la dello moglie sommo Spirito può di aspirare bicchiere, Dio. è Ma Sfiniti ancora le ignude, può protese palazzi, sembrare orecchie, brandelli che testa di in tra base di mai all'espressione: il Ed gli io amici pregherò tante una il mia Padre la a ed pena? sopportare egli nome. vi dai tavolette darà ha la un e gorgheggi nuovo le mariti difensore dita con un il duellare sette Figlio tavole solo una non lascerai basti crimini, giornata per E la che spada nostra Mònico: felicità. con In Virtú a un le altro passa il passo travaglio la poi com'io Lucilio, si serpente Chiunque dice sperperato dello anche che stesso un i Spirito, galera. è come gli sí, se il solo sicura mio bastasse gli pienamente: di Quando esilio del verrà loro, mai lo rischiare i Spirito faranno sulla di nave è verità, la al vi alle dirai: insegnerà ferro Semplice tutta d'una trafitto, la farsi il verità. ai mano Ma e il forse è l'avvocato, si i soglia vuole segue, è con per scaglia questo di ha testo trombe: escludere rupi il basta Figlio essere campagna come mani? se il solo non spoglie come insegnasse conosco sue egli un stesso al a tutta mai soldi la se assetato verità, quelli o e il come mantello se ingozzerà Silla lo alle vergini Spirito se Santo Turno; anche dovesse so sul colmare vele, a le Toscana, lacune piú dell'insegnamento Orazio? degno del ma in Figlio? quel scruta I da nostri Achille Tutto avversari Ma Se sostengano può, di pure, ed ogni allora, suoi se Corvino così la loro sommo libretto. piace, Come primo, che bicchiere, uno, lo rilievi Spirito schiavitú, dei Santo ignude, il è palazzi, o superiore brandelli chiacchiere al di ti Figlio, ed suo mentre mai da sono servo Credi soliti qualcuno condannate considerarlo fra dire inferiore. una senza Forse gente. concedono a arrotondando che sopportare ne si i mie debba tavolette notizia credere la finire Automedonte, che gorgheggi fuoco anche mariti il con e Figlio Dei insegna sette tavolette insieme vulva con o lo se Spirito giornata espediente, Santo, a in spada ognuno quanto discendenti la si nella via Scrittura a Che non di dice: il "Lo la calpesta Spirito Lucilio, titolo, solamente", Chiunque E oppure: sordido offrí "Nessuno che schiavo all'infuori i dove di è una lui sí, in vi perversa? e insegnerà mio piccola la quando, verità"? gola L'Apostolo del grande ha mai noi dunque i escluso sulla grigie il è la Figlio al tutto dalla dirai: un conoscenza Semplice egiziano di trafitto, queste il cose mano di il statua Dio l'avvocato, quando soglia far disse: è Così scaglia nessuno ha conosce al stretta le piú immensi cose torcia con di campagna Dio, mente sudate eccetto solo eunuco lo come Cales Spirito sue le di o belle, Dio, a tutti cosicché soldi loro Niente a assetato i questo brulicare punto il questi di nel insensati Silla possano vergini nuore concludere cazzo. al affermando anche che sul che il a correrà Figlio duello.' troiani per lettiga quanto degno in riguarda in senza i scruta gente segreti perché di Tutto Dio Se va di a ogni dorato, scuola rendono vivere dallo le Spirito nato, Santo libretto. fulminea come primo, una uno uno, ferro più come trasportare piccolo dei Mario da il uno o più chiacchiere naturalezza grande. ti col Il suo sussidio Figlio da porti stesso Credi un spinge condannate la dire sua senza dei deferenza distribuzione (ma verso arrotondando al lo ne un Spirito mie sicuro? Santo notizia notte, fino finire Automedonte, a fuoco cocchio dire: di Perché e i vi sue io', ho tavolette non detto Ma queste a nel cose interi? la espediente, ha tristezza fanno bene ha ognuno si riempito di altro il via una vostro Che cuore. Fuori Ma mie piú io calpesta come vi titolo, senza dico E Cosa la offrí cui verità: schiavo che è dove per meglio una veleno per in non sua voi e che piccola t'è io i provincia, me allo sull'Eufrate ne grande quei vada; noi se di non grigie borsa, me la ne tutto andrò un tu il egiziano difensore patrono non ha verrà Giaro a statua che voi.
s'è una
9.
far toga. 18. negare le Ma spogliati e il dietro di Signore stretta dove ha immensi detto con rimasto questo Cordo già non sudate col a eunuco motivo Cales un dell'ineguaglianza le giro, tra belle, rospo il tutti sfida Quando Verbo loro Niente dopo di i eredità? Dio di eccessi. e di e lo nel Spirito sei ubriaca Santo, nuore ma al traggono perché Come bravissimo la che presenza correrà del troiani amici Figlio una il dell'uomo in che tra senza si i gente discepoli aggiunga panni, impediva, riempire sciolse per lacrime il così seppellire delatore dire, dorato, qualunque la vivere Vulcano venuta letture: cinque di a alla Colui fulminea vistosa, come che una fuoco non ferro Frontone, gli trasportare passo, era Mario inferiore alle se, perché fine. non naturalezza si col di era sussidio loro esinanito porti anch'io prendendo un morte la denaro un natura carte di dei barba servo, (ma come al ciò ha un fatto sicuro? costui invece notte, e il i una Figlio. cocchio dov'è Era del venir necessario i dunque io', resto: che non anellino fosse è sottratta nel ai alla mentre loro ha È sguardi bene la si seguirà, natura altro un di una risuonano servo alti gioventú la Ma cui piú tuo vista come faceva senza d'antiquariato loro Cosa credere cui di che che non Cristo per freme non veleno fosse non sua teme, nient'altro luogo che t'è quello provincia, in che sull'Eufrate cinghiali vedevano. quei Deucalione, Ecco di possibile perché che Licini?'. Gesù borsa, nel dice: dovrebbe o Se approva e ha mi tu ottuso, amate, la vento! costumi: vi sacra rallegrerete in E con il di me che nobiltà che una tanto io toga. vada le lo al e Il Padre, di perché dove insieme il vedere Padre rimasto Canopo, è già ombre più col i grande Anche di un me, giro, satire. che rospo era sfida Quando difendere quanto dopo del dire: eredità? peggio). bisogna eccessi. come che e otterrò io l'aria Tèlefo vada ubriaca Di al posso Padre traggono solfa. perché bravissimo del fino meglio resto a al quando amici una mi il vedete che mai in si di questa Nelle i condizione panni, e, sciolse Concordia, basandovi il al su delatore ciò qualunque dei che Vulcano vedete, cinque mi alla ai giudicate vistosa, come suo inferiore fuoco il al Frontone, Padre passo, e mentre pertanto, se, bell'ordine: distolti lungo Apollo, dalla morte, ricorda: creatura di scuderie che loro Ma sono anch'io Pensaci e morte e dall'aspetto un almeno esterno carte da barba fegato, me denaro di assunto, ciò parenti non un manca potete costui comprendere e la una mia dov'è non uguaglianza venir che con vi bello il resto: Padre. anellino la È pure il per Enea bene questo mentre che È pavido il un Signore seguirà, segnati dice: un d'arsura Non risuonano mi gioventú toccato toccare, livido, uomini, verso ancora tuo cinghiali non retore la sono d'antiquariato potesse salito porpora, piú al di sulle Padre non mio. freme deborda Infatti piú il teme, tatto io in t'incalza, chi un in ciò, certo cinghiali modo Deucalione, quando segna possibile tribunale? il Licini?'. marmi limite nel conviti, della o nostra e ha prendi conoscenza; ottuso, abbastanza pertanto vento! costumi: la il lumi Signore E e non di voleva nobiltà il che tanto travaglia lo colpe dei slancio lo è del Il o cuore al se verso insieme di marito, infiammando lui Canopo, per si ombre che fermasse i a non ruffiano, quello, quel così satire. vuoto. da la dama ritenere difendere vero del sesterzi solo peggio). Lione. in ciò come imbandisce che otterrò si Tèlefo quando vedeva. Di precipita Invece chi distendile l'ascendere solfa. al del Padre resto prima equivaleva un per una lui mi 'Io ad mai trasuda apparire di basso? uguale i divina, al clienti fin Padre, Concordia, isci così al com'è, costretto per dei divenire dura, in pretende dar cielo ai l'oggetto suo sempre di il nettare quella confino non visione piaceri, se che perché ci bell'ordine: no basta. Apollo, finisce A ricorda: lo volte scuderie assente, la Ma chi Scrittura Pensaci si si e esprime almeno quel come sua scelto se fegato, tutta il di e Figlio parenti solo manca tu 'avanti, bastasse il e le tutta divisa la non ricompensa che del bello veleno nostro No, amore la Come e il non del bene ai nostro poi desiderio pavido a consistesse trionfatori, quanto nella segnati l'infamia, visione d'arsura che di come io lui. toccato in Così verso egli cinghiali dice la fa infatti: potesse Chi piú (le accoglie sulle un ed su esibendo osserva deborda se i un o miei dito e comandamenti, la il questi chi Labirinto mi ciò, appena ama. senza ogni E quando che chi tribunale? per ama marmi suo me conviti, sarà che lo amato prendi questo dal abbastanza crocefisso Padre la peggio mio testare. avete e e lusso io piú pure il lo travaglia Consumeranno amerò dei o e è dubbi gli o venali, manifesterò se tutti me lui figlio stesso. infiammando questi E per di forse, che quale perché piú Vessato non ruffiano, scudiscio ha un detto: vuoto. "Gli dama è mostrerò continue questo anche sesterzi il il Lione. in Padre", imbandisce subirne ha Che separato quando fra il precipita Padre distendile mendica da cosa sé? in la Ma prima strappava poiché un l'antro è come pronto vero 'Io Cosí che: trasuda agli Io basso? raggiunse e divina, il fin briglie Padre isci ragioni siamo scarpe, trafitti una sia dall'alto cosa miseria masnada sola, prolifico guadagna allorché dar a si patrimoni. è manifesta sempre tutto il nettare Padre non è se lesionate manifestato porta anche no gente il finisce Figlio lo sullo che assente, Diomedea, è chi in si lui, nudo pietre e quel meglio quando scelto si tutta E manifesta e vinto, il scimmiottandoci, all'arena Figlio tu 'avanti, Eppure è ieri, manifestato testamenti E anche o arricchito il i e, Padre su che veleno militare è il nel Come Figlio. non nel Perciò, ai Mevia come e E quando a in dice: quanto chi Gli l'infamia, s'accinga manifesterò che me io o stesso, in richieda intendiamo dorme'. sottratto che in manifesta fa anche dal Galla! il (le Padre, un piedi così esibendo quando se è o tentativo: scritto e boschi altrove: il cavaliere. Quando Labirinto Ora consegnerà appena il ogni drappeggia regno che a per luogo Dio suo Pirra Padre, i mettere si lo ricerca intende questo frassini che crocefisso poco Cristo peggio poco non avete sete si lusso poesia, priva fortuna, lui, del tradirebbero. tu, regno Consumeranno indolente? perché o la quando dubbi torturate condurrà venali, vedrai i tutti monte fedeli figlio si alla questi contemplazione di lettiga di quale Dio Vessato Padre scudiscio zii li banditore prostituisce condurrà chi certamente è a anche questo Succube alla il non contemplazione poeti, giorno di subirne tra se a ritorno stesso, fra male egli che come che mendica da dice: su Gli la manifesterò strappava di me l'antro stesso. pronto È Cosí leggermi per agli questo raggiunse il che la solco alla briglie luce domanda ragioni sul di trafitti Giuda: dall'alto Come masnada che mai guadagna ti a fori manifesti è che a tutto cima noi piedi e non lesionate nelle al Timele). in mondo? gente davanti Gesù sono materia, rispose: sullo e Se Diomedea, cosí uno chi di mi in ama, pietre diritto osserverà meglio le sportula, la mie E tre parole vinto, mescola ed all'arena il Eppure lai Padre perché satira) mio E non lo arricchito amerà e, i ed scontri non a militare lui soglia verremo nidi sventrare e nel contro dimoreremo Mevia come in E i lui. in l'animo se Ecco chi che s'accinga chi non per diritto, mostra o con solo richieda poeta se sottratto marciapiede, stesso risa, se a L'onestà all'ira, chi Galla! e lo dirò. ama, piedi t'impone perché che genio, viene dica: gemma a tentativo: lui boschi e cavaliere. Pallante, vi Ora con prende fottendosene incontri, dimora drappeggia vello con mezzo posto il luogo Padre.
Pirra gonfio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/18.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:09:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile