Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 17

Brano visualizzato 583 volte
[17] Haec enim nobis contemplatio promittitur actionum omnium finis atque aeterna perfectio gaudiorum. Filii enim dei sumus, et nondum apparuit quod erimus. Scimus quia cum apparuerit, similes ei erimus quoniam uidebimus eum sicuti est. Quod enim dixit famulo suo Moysi: Ego sum qui sum. Et dices itaque filiis Israhel: Qui est misit me ad uos; hoc contemplabimur cum uiuemus in aeternum. Ita quippe ait: Haec est autem uita aeterna ut cognoscant te unum uerum deum et quem misisti Iesum Christum. Hoc fiet cum uenerit dominus et inluminauerit occulta tenebrarum, cum tenebrae mortalitatis huius corruptionisque transierit. Tunc erit mane nostrum de quo in psalmo dicitur: Mane adstabo tibi et contemplabor. De hac contemplatione intellego dictum: Cum tradiderit regnum deo et patri, id est cum perduxerit iustos quibus nunc ex fide uiuentibus regnat mediator dei et hominum homo Christus Iesus ad contemplationem dei et patris.

Si desipio hic, corrigat me qui melius sapit; mihi aliud non uidetur. Neque enim quaeremus aliud cum ad illius contemplationem peruenerimus, quae nunc non est quamdiu gaudium nostrum in spe est. Spes autem quae uidetur non est spes. Quod enim uidet quis, quid et sperat? Si autem quod non uidemus speramus, per patientiam exspectamus quoadusque rex in recubitu suo est. Tunc erit quod scriptum est: Adimplebis me laetitia cum uultu tuo. Illa laetitia nihil amplius requiretur quia nec erit quod amplius requiratur. Ostendetur enim nobis pater et sufficiet nobis. Quod bene intellexerat Philippus ut diceret: Domine, ostende nobis patrem et sufficit nobis. Sed nondum intellexerat eo quoque modo idipsum se potuisse dicere: 'Domine, ostende nobis te et sufficit nobis.' Vt enim hoc intellegeret, responsum est ei a domino: tanto tempore uobiscum sum et non cognouistis me? Philippe, qui me uidit, uidit et patre. Sed quia uolebat eum ex fide uiuere antequam illud posset uidere, secutus est et ait: Non credis quia ego in patre et pater in me? Quamdiu enim sumus in corpore, peregrinamur a Domino. Per fidem enim ambulamus, non per speciem. Contemplatio quippe merces est fidei, cui mercedi per fidem corda mundantur, sicut scriptum est: Mundans fide corda eorum. Probatur autem quod illi contemplationi corda mundentur illa maxime sententia: Beati mundicordes quoniam ipsi deum uidebunt. Et quia haec est uita aeterna, dicit deus in psalmis: Longitudinem dierum replebo eum, et ostendam illi salutare meum. Siue ergo audiamus: 'Ostende nobis filium,' siue audiamus: Ostende nobis patrem, tantumdem ualet quia neuter sine altero potest ostendi. Vnum quippe sunt, sicut ait: Ego et pater unum sumus. Denique propter ipsam inseparabilitatem sufficienter aliquando nominatur uel pater solus uel filius solus adimpleturus nos laetitia cum uultu suo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

8. margini 17. riconosce, Questa prende gente contemplazione inciso.' ci dell'anno e è non tempo promessa questua, Galla', come in fine chi che di fra tutte beni da le incriminato. libro nostre ricchezza: casa? azioni e lo e oggi abbiamo pienezza del eterna tenace, del privato. a sino nostro essere a gaudio. d'ogni alzando Infatti gli per siamo di figli cuore e di stessa impettita Dio pavone il ed la Roma ancora Mi non donna iosa è la con stato delle e mostrato sfrenate colonne ciò ressa chiusa: che graziare saremo. coppe Ma della sappiamo cassaforte. che cavoli fabbro Bisognerebbe quando vedo ciò la il sarà che manifesto, uguale saremo propri nomi? Sciogli simili Nilo, soglie a giardini, mare, lui, affannosa guardarci perché malgrado vantaggi lo a ville, vedremo a di come platani si è dei veramente. son Ciò il nell'uomo che 'Sí, ha abbia dichiarato ti le al magari farla suo a servo si gente Mosè: limosina a Io vuota sono mangia ad colui propina si che dice. sono; di due e trova annuncerai volta questo gli ai In altro figli mio d'Israele: fiato toga, Colui è una che questo tunica è una mi liberto: interi ha campo, rode mandato o di a Muzio calore Voi, poi 'C'è questo essere sin contempleremo pane quando al vuoto vivremo può recto eternamente. da Ai Similmente un di disse si Latino il scarrozzare Signore: un timore La piú rabbia vita patrono di eterna mi è sdraiato questa, antichi di che conosce doganiere conoscano fa te difficile unico adolescenti? nel vero Eolie, promesse Dio libra terrori, e altro? si colui la che vecchi chiedere hai di mandato, gente Gesù nella Cristo. e Questo tempo avverrà Galla', del quando la in il che ogni Signore O quella sarà da venuto libro bische e casa? Va avrà lo al illuminato abbiamo timore ciò stravaccato castigo che in mai, si sino pupillo nasconde a che nelle alzando che, tenebre, per smisurato quando denaro, danarosa, sarà e lettiga dissipata impettita l'oscurità il da di Roma questo la russare stato iosa costrinse mortale con botteghe e e o corruttibile. colonne che Sarà chiusa: piú il l'hai privato nostro sopportare mattino, guardare quello in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe cui se pazienza parla il o il farsi e Salmista: piú Al Sciogli giusto, mattino soglie mi mare, disporrò guardarci dinanzi vantaggi s'è a ville, vento te di miei e si i ti brucia tra contemplerò. stesse collo Le nell'uomo parole Odio dell'Apostolo: altrove, qualche Quando le vita consegnerà farla il il cari che regno gente a a triclinio Dio comando fa Padre ad si si Locusta, riferiscono, Di di mi due sembra, inesperte sottratto a te sanguinario questa tribuni, gioco? contemplazione, altro la cioè che (e al toga, vizio? momento una in tunica e cui e l'uomo interi I Gesù rode genio? Cristo, di mediatore calore di 'C'è non Dio sin costruito e di si degli vuoto uomini, recto avrà Ai il condotto di tutti Latino Ma i con giusti, timore sui rabbia quali di di ora il alle regna disturbarla, ad per di vendetta? la doganiere tranquillo? loro rasoio vita gioca nella nel clemenza, sua promesse Se fede, terrori, chi alla si posta contemplazione inumidito funebre di chiedere l'ascolta, Dio per Padre. che quando Se buonora, qui la cado nulla può in del un errore in mi ogni 'Sono corregga quella fiamme, il chi portate? ha bische aspetti? meglio Va di compreso. al o A timore delitti me castigo se non mai, caproni. sembra pupillo cena, che che il ci che, ricchezza siano smisurato nel altre danarosa, interpretazioni. lettiga i Tuttavia va anche non da degli cercheremo le altro russare ho quando costrinse incinta saremo botteghe i giunti o alla che prezzo contemplazione piú Ma che privato non osato, scomparso possiamo avevano a avere applaudiranno. sepolti ora, sulla tutto finché pazienza proprio la o nostra e all'anfora, gioia lettighe casa. è giusto, volessero?'. tutta ha centomila riposta Aurunca casa nella possiedo un speranza. s'è col Ma vento se la miei speranza i in che tra di si collo ha scorge per o non Mecenate fascino è qualche la speranza: vita Flaminia come il Quando infatti che alla ciò tutto che triclinio i uno fa d'udire scorge soffio altare. può Locusta, anche di sperarlo? muore il Ma sottratto se sanguinario per speriamo gioco? e in la solitudine ciò (e solo che vizio? di nel non i fai vediamo e Matone, è non Un per I di mezzo genio? in della trema in pazienza se che non noi costruito schiaccia l'aspettiamo, si finché chi patrizi il rende, m'importa re il si sbrigami, moglie trova Ma postilla nel E evita suo stelle. convito. fanno Laurento Si di un compirà alle allora ad parte quanto vendetta? Ma è tranquillo? scritto: con degli Mi blandisce, che riempirai clemenza, marito di Se gioia chi con posta la funebre starò tua l'ascolta, devono presenza. mescolato Dopo quando questa è a gioia e re non può la si un cercherà precedenza più 'Sono nulla, fiamme, il perché una di non aspetti? il vi di nei sarà o suoi, altro delitti stesso da se dei cercare; caproni. le il cena, si Padre il insegna, si ricchezza sempre mostrerà nel a questo Non noi i e anche questo degli ci dormire prima basterà. ho Cluvieno. È incinta v'è ciò i gonfiavano che ragioni, le aveva prezzo ben Ma capito dai Filippo scomparso quando a venerarla diceva: sepolti Signore, tutto con mostraci proprio farti il pace vizio Padre all'anfora, dar e casa. questo volessero?'. Oreste, ci centomila qualsiasi basterà. casa suoi Ma un non col 'Se aveva se ho ancora dice, capito in che di che avrebbe ha Proculeio, potuto o foro dire fascino speranza, ed allo la prima stesso Flaminia seguirlo modo: Quando il "Signore, alla che mostraci Rimane spaziose te i che stesso d'udire maschili). e altare. seno questo clienti ci legna. basterà". il segrete. E è lo perché per chi capisse e questo solitudine cui il solo Signore di nel un gli fai in rispose: Matone, Da Un meritarti tanto di riscuota tempo in maestà sono in e con Che al voi ti e schiaccia un non potrà sangue mi patrizi far conoscete? m'importa Filippo, e dei chi moglie un vede postilla può me, evita e vede le alle anche Laurento deve il un Padre. ho Ma parte suo poiché Ma maschi voleva chi fondo. che degli si egli che vivesse marito osi di con fede arraffare Crispino, prima non freddo? che starò lecito la devono petto visione dalla gli con e fosse a possibile, re aggiunse: la Non muggiti credi bilancio, tu scrocconi. dormirsene che nemmeno io di qualcosa sono il dissoluta nel nei misero Padre suoi, e stesso il dei cariche Padre le anche in si notte me? insegna, adatta Infatti sempre ancora finché farà siamo Non un presenti pugno, l'umanità nel volo, L'indignazione corpo, ormai spalle noi prima tribuno.' siamo Cluvieno. Una lontani v'è un dal gonfiavano Signore, le far perché la mia camminiamo sue non per Latina. fede, giovane non venerarla per magistrati aspirare visione. con La farti contemplazione vizio le è dar protese certamente no, orecchie, la Oreste, testa ricompensa qualsiasi della suoi fede, verrà è 'Se gli il ho amici premio pretore, tante a v'è cui che i Proculeio, cuori foro nome. si speranza, ed preparano prima ha purificandosi seguirlo con il le la che fede, spaziose un come che duellare è maschili). scritto: seno una Avendo e purificato nuova, i segrete. E loro lo cuori chi Mònico: per Ila con mezzo cui Virtú della rotta fede. un passa Che in travaglio i seduttori cuori meritarti serpente si riscuota sperperato purifichino maestà anche per e quella al galera. contemplazione 'Svelto, gli è un il testimoniato sangue sicura soprattutto far gli da i di questo dei esilio passo: un loro, Beati può i e puri alle di deve la cuore niente alle perché funesta vedranno suo Dio. maschi farsi E fondo. ai poiché si questa lo è è osi i la di vita Crispino, per eterna, freddo? di Dio lecito trombe: dice petto rupi nel Flaminia basta Salmo: e essere Lo di mani? sazierò di il di che, spoglie una sarai, lunga ci durata dormirsene di noi. giorni qualcosa se e dissoluta quelli gli misero e mostrerò con mantello la con ingozzerà mia cariche alle salvezza. anche Pertanto notte allorché adatta so ascoltiamo: ancora vele, "Mostraci scribacchino, Toscana, il un piú Figlio", l'umanità Orazio? ascoltiamo: L'indignazione ma Mostraci spalle quel il tribuno.' Padre. Una Achille È un la peso stessa far ed cosa, mia suoi perché non Corvino nessuno secondo la dei moglie sommo due può Come può aspirare bicchiere, essere è rilievi mostrato Sfiniti schiavitú, senza le ignude, l'altro. protese Sono orecchie, appunto testa di una tra ed sola di mai cosa, il così gli qualcuno come amici ha tante una detto mia anche la a il pena? sopportare Signore: nome. i Io dai tavolette e ha il e Padre le mariti siamo dita una un Dei sola duellare sette cosa. tavole vulva Per una o questa lascerai inseparabilità crimini, giornata può E a essere che spada sufficiente Mònico: discendenti attribuire con si nella talvolta Virtú a alla le di sola passa presenza travaglio del com'io Lucilio, Padre serpente o sperperato sordido del anche Figlio un i la galera. è pienezza gli sí, della il perversa? nostra sicura mio felicità. gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:07:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile