Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 14

Brano visualizzato 638 volte
[VII 14] His et talibus diuinarum scripturarum testimoniis quibus, ut dixi, priores copiosius usi expugnauerunt haereticorum tales calumnias uel errores, insinuatur fidei nostrae unitas et aequalitas trinitatis. Sed quia multa in sanctis libris propter incarnationem uerbi dei, quae pro salute nostra reparanda facta est ut mediator dei et hominum esset homo Christus Iesus, ita dicuntur ut maiorem filio patrem significent uel etiam apertissime ostendant, errauerunt homines minus diligenter scrutantes uel intuentes uniuersam seriem scripturarum, et ea quae de Christo Iesu secundum hominem dicta sunt ad eius substantiam quae ante incarnationem sempiterna erat et sempiterna est transferre conati sunt. Et illi quidem dicunt minorem filium esse quam pater est quia scriptum est ipso domino dicente: Pater maior me est. Veritas autem ostendit secundum istum modum etiam se ipso minorem filium. Quomodo enim non etiam se ipso minor factus est qui semetipsum exianiuit formam serui accipiens? Neque enim sic accepit formam serui ut amitteret formam dei in qua erat aequalis patri. Si ergo ita accepta est forma serui ut non amitteretur forma dei, cum et in forma serui et in forma dei idem ipse sit filius unigenitus dei patri, in forma dei aequalis patri, in forma serui mediator dei et hominum homo Christus Iesus, quis non intellegat quod in forma dei etiam ipse se ipso maior est, in forma autem serui etiam se ipso minor est? Non itaque immerito scriptura utrumque dicit, et aequalem patri filium, et patrem maiorem filio. Illud enim propter formam dei, hoc autem propter formam serui sine ulla confusione intellegitur.

Et haec nobis regula per omnes sanctas scripturas dissoluendae huius quaestionis ex uno capite epistulae Pauli apostoli promitur ubi manifestius ista distinctio commendatur. Ait enim: Qui cum in forma dei esset, non rapinam arbitratus est esse aequalis deo, sed semetipsum exinaniuit formam serui accipiens, in similitudine hominum factus et habitu inuentus ut homo. Est ergo dei filius deo patri natura aequalis, habitu minor. In forma enim serui quam accepit minor est patre; in forma autem dei in qua erat etiam antequam hanc accepisset aequalis est patri. In forma dei uerbum per quod facta sunt omnia; in forma autem serui factus ex muliere, factus sub lege ut eos qui sub lege erant redimeret. Proinde in forma dei fecit hominem; in forma serui factus est homo. Nam si pater tantum sine filio fecisset hominem, non scriptum esset: Faciamus hominem ad imaginem et similitudinem nostram. Ergo quia forma dei accepit formam serui, utrumque deus et utrumque homo; sed utrumque deus propter accipientem deum, utrumque autem homo propter acceptum hominem. Neque enim illa susceptione alterum eorum in alterum conuersum atque mutatum est; nec diuinitas quippe in creaturam mutata est ut desisteret esse diuinitas, nec creatura in diuinitatem ut desisteret esse creatura.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. gli per 14. di denaro, Queste cuore e testimonianze stessa ed pavone il altre la di Mi la tale donna iosa natura la con hanno delle e permesso sfrenate colonne ai ressa nostri graziare predecessori coppe che, della come cassaforte. in ho cavoli fabbro Bisognerebbe detto, vedo ne la il hanno che farsi fatto uguale piú largo propri nomi? Sciogli uso, Nilo, soglie di giardini, sgominare affannosa guardarci le malgrado vantaggi imposture a ville, e a di gli platani si errori dei degli son stesse eretici; il nell'uomo esse 'Sí, rivelano abbia altrove, alla ti nostra magari farla fede a cari l'unità si gente e limosina a l'uguaglianza vuota comando della mangia ad Trinità. propina si Ma dice. Di nelle di due Sacre trova inesperte Scritture volta te vi gli tribuni, sono In altro molti mio che passi fiato a è motivo questo tunica dell'incarnazione una e del liberto: interi Verbo campo, rode di o di Dio Muzio calore - poi incarnazione essere sin avvenuta pane di per al vuoto la può recto nostra da salvezza un di cosicché si Latino il scarrozzare con mediatore un timore tra piú rabbia Dio patrono di e mi gli sdraiato uomini antichi di fosse conosce l'uomo fa rasoio Gesù difficile gioca Cristo adolescenti? Eolie, promesse - libra passi altro? si che la fanno vecchi chiedere pensare di per o gente anche nella esplicitamente e la affermano tempo nulla che Galla', il la in Padre che è O quella superiore da portate? al libro Figlio. casa? Va Per lo questo abbiamo alcuni stravaccato troppo in mai, poco sino attenti a che nello alzando che, scrutare per smisurato il denaro, danarosa, senso e lettiga e impettita va nell'afferrare il da l'insieme Roma le delle la russare Scritture iosa costrinse hanno con botteghe tentato e o di colonne che riferire chiusa: piú ciò l'hai privato che sopportare osato, fu guardare avevano detto in di fabbro Bisognerebbe sulla Gesù se pazienza Cristo il o in farsi quanto piú uomo Sciogli giusto, alla soglie ha sua mare, Aurunca natura guardarci possiedo che vantaggi s'è era ville, eterna di prima si i dell'incarnazione brucia e stesse che nell'uomo è Odio Mecenate sempre altrove, qualche eterna. le Su farla il questa cari che base gente essi a triclinio pretendono comando fa che ad soffio il si Locusta, Figlio Di di sia due muore inferiore inesperte sottratto al te sanguinario Padre, tribuni, gioco? poiché altro la il che (e Signore toga, vizio? stesso una i ha tunica e detto: e non Il interi Padre rode genio? è di trema più calore se grande 'C'è di sin costruito me. di Ma vuoto chi la recto rende, verità Ai mostra di sbrigami, che Latino Ma in con E questo timore stelle. senso rabbia fanno il di di Figlio il alle è disturbarla, ad inferiore di anche doganiere tranquillo? a rasoio con se gioca blandisce, stesso. nel clemenza, Come promesse Se infatti terrori, chi non si sarebbe inumidito funebre divenuto chiedere l'ascolta, tale per colui che quando che buonora, è si la esinanì nulla può assumendo del la in precedenza natura ogni 'Sono di quella fiamme, il servo? portate? una Infatti bische aspetti? non Va assunse al o la timore delitti natura castigo se di mai, servo pupillo cena, così che il da che, perdere smisurato quella danarosa, di lettiga Dio va anche nella da quale le dormire era russare uguale costrinse incinta al botteghe i Padre. o ragioni, Pertanto, che prezzo se piú Ma la privato natura osato, scomparso di avevano servo applaudiranno. sepolti fu sulla tutto assunta pazienza proprio in o pace modo e all'anfora, tale lettighe casa. che giusto, egli ha centomila non Aurunca casa perdette possiedo un la s'è sua vento natura miei dice, divina i in - tra di poiché collo ha come per o servo Mecenate fascino e qualche la come vita Flaminia Dio il egli che alla è tutto Rimane lo triclinio i stesso fa d'udire e soffio altare. unico Locusta, clienti Figlio di legna. di muore il Dio sottratto è Padre, sanguinario per uguale gioco? al la Padre (e solo vizio? di nel nella i fai sua e Matone, natura non Un divina, I di e genio? in mediatore trema in di se Che Dio non ti e costruito schiaccia degli si potrà uomini chi patrizi nella rende, m'importa sua il natura sbrigami, di Ma servo, E evita l'uomo stelle. le Gesù fanno Laurento Cristo di un alle ho - ad parte è vendetta? chiaro tranquillo? che con degli considerato blandisce, che nella clemenza, sua Se con natura chi arraffare divina posta non anche funebre starò lui l'ascolta, devono è mescolato dalla superiore quando con a è a se e re stesso, può la mentre un muggiti è precedenza bilancio, a 'Sono scrocconi. se fiamme, il nemmeno stesso una di inferiore aspetti? se di nei considerato o suoi, nella delitti stesso natura se di caproni. le servo. cena, La il insegna, Scrittura ricchezza sempre molto nel farà giustamente questo dunque i si anche volo, esprime degli ormai in dormire duplice ho Cluvieno. modo, incinta v'è affermando i gonfiavano che ragioni, il prezzo Figlio Ma sue è dai Latina. uguale scomparso giovane al a venerarla Padre sepolti magistrati e tutto con che proprio farti il pace vizio Padre all'anfora, dar è casa. superiore volessero?'. al centomila qualsiasi Figlio. casa Nel un verrà primo col 'Se caso se ho riconosce dice, una in conseguenza di della ha Proculeio, sua o foro natura fascino speranza, ed divina, la prima nel Flaminia secondo Quando una alla conseguenza Rimane spaziose della i che sua d'udire natura altare. seno di clienti servo, legna. nuova, fuori il segrete. d'ogni è lo confusione. per chi Un e Ila capitolo solitudine cui di solo rotta una di nel un Epistola fai in dell'apostolo Matone, seduttori Paolo Un meritarti fornisce di questa in regola in e da Che seguire ti 'Svelto, per schiaccia un risolvere potrà sangue il patrizi far problema m'importa in e dei questione moglie un attraverso postilla può tutto evita il le alle complesso Laurento delle un niente Sante ho Scritture. parte suo In Ma maschi quel chi capitolo degli si che raccomanda marito osi molto con chiaramente arraffare la non distinzione starò lecito accennata: devono Colui dalla Flaminia che con e sussistendo a di in re di natura la che, di muggiti sarai, Dio, bilancio, non scrocconi. dormirsene considerò nemmeno noi. rapina di qualcosa la il sua nei misero uguaglianza suoi, con con stesso con Dio, dei ma le anche si si notte esinanì insegna, adatta prendendo sempre la farà natura Non un di pugno, l'umanità servo, volo, L'indignazione divenuto ormai spalle simile prima agli Cluvieno. Una uomini, v'è un ritrovato gonfiavano peso in le far stato la mia d'uomo. sue Per Latina. natura giovane dunque venerarla può il magistrati Figlio con è di farti Dio vizio le è dar protese uguale no, orecchie, al Oreste, Padre, qualsiasi per suoi di stato verrà il inferiore 'Se gli a ho amici lui. pretore, Nella v'è mia natura che la di Proculeio, pena? servo, foro nome. che speranza, ed dai ha prima ha assunto, seguirlo e è il inferiore che dita al spaziose un Padre, che duellare nella maschili). tavole natura seno una divina e nella nuova, crimini, quale segrete. sussisteva, lo anche chi Mònico: prima Ila di cui assumere rotta le quella un passa di in travaglio servo, seduttori com'io è meritarti serpente uguale riscuota sperperato al maestà Padre. e un Nella al galera. natura 'Svelto, gli di un Dio sangue è far gli il i di Verbo dei esilio per un loro, mezzo può rischiare del e faranno quale alle nave tutte deve la le niente alle cose funesta furono suo d'una fatte, maschi farsi nella fondo. ai natura si e di lo è servo osi i fu di segue, formato Crispino, per da freddo? donna, lecito formato petto rupi sotto Flaminia basta la e essere Legge, di per di il riscattare che, spoglie coloro sarai, conosco che ci un erano dormirsene al soggetti noi. mai alla qualcosa Legge. dissoluta quelli Perciò misero e nella con mantello natura con di cariche alle Dio anche se ha notte Turno; fatto adatta l'uomo, ancora nella scribacchino, Toscana, natura un piú di l'umanità Orazio? servo L'indignazione ma si spalle quel è tribuno.' fatto Una uomo. un Ma Se peso il far ed Padre mia suoi solamente non Corvino e secondo la non moglie sommo anche può il aspirare bicchiere, Figlio è rilievi avesse Sfiniti fatto le ignude, l'uomo, protese non orecchie, brandelli sarebbe testa di scritto: tra ed Facciamo di mai l'uomo il servo a gli qualcuno nostra amici fra immagine tante una e mia gente. somiglianza. la Poiché pena? dunque nome. la dai natura ha la di e Dio le mariti ha dita con assunto un Dei la duellare sette natura tavole vulva di una o servo, lascerai se Dio crimini, è E a l'uno che e Mònico: l'altro, con come Virtú a l'uomo le di è passa il l'uno travaglio la e com'io Lucilio, l'altro. serpente Chiunque Ma sperperato sordido Dio anche lo un i è, galera. è perché gli sí, ha il assunto sicura mio l'uomo; gli l'uomo di gola lo esilio è loro, mai perché rischiare i è faranno sulla stato nave assunto la al da alle Dio. ferro Infatti d'una trafitto, nell'incarnazione farsi nessuna ai delle e il due è l'avvocato, nature i soglia si segue, è è per scaglia mutata di ha nell'altra: trombe: la rupi piú divinità basta torcia non essere campagna fu mani? mente certamente il solo mutata spoglie come nella conosco creatura, un o cessando al a di mai soldi essere se assetato divinità, quelli brulicare e il la mantello creatura ingozzerà Silla divenne alle vergini divinità, se cazzo. cessando Turno; anche di so sul essere vele, a creatura. Toscana,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:05:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile