Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 13

Brano visualizzato 533 volte
[13] Similiter et de spiritu sancto collecta sunt testimonia quibus ante nos qui haec disputauerunt abundantius usi sunt, quia et ipse deus et non creatura. Quod si non creatura, non tantum deus (nam et homines dicti sunt dii), sed etiam uerus deus. Ergo patri et filio prorsus aequalis et in trinitatis unitate consubstantialis et coaeternus. Maxime uero illo loco satis claret quod spiritus sanctus non sit creatura ubi iubemur non seruire creaturae sed creatori, non eo modo quo iubemur per caritatem seruire inuicem, quod est graece *douleuein, sed eo modo quo tantum deo seruitur, quod est graece *latreuein. Vnde idolatrae dicuntur qui simulacris eam seruitutem exhibent quae debetur deo. Secundum hanc enim seruitutem dictum est: Dominum deum tuum adorabis et illi soli seruies. Nam hoc distinctius in graeca scriptura inuenitur, *latreuseis enim habet. Porro si tali seruitute creaturae seruire prohibemur quandoquidem dictum est: Dominum deum tuum adorabis et illi soli seruies unde et apostolus detestatur eos qui coluerunt et seruierunt creaturae quam creatori , non est utique creatura spiritus sanctus cui ab omnibus sanctis talis seruitus exhibetur dicente apostolo: Nos enim sumus circumcisio, spiritui dei seruientes, quod est in graeco *latreuontes. Plures enim codices etiam latini sic habent, qui spiritui dei seruimus; graeci autem omnes aut paene omnes. In nonnullis autem exemplaribus latinis inuenimus non spiritui dei seruimus, sed spiritu deo seruimus.

Sed qui in hoc errant et auctoritati grauiori cedere detractant, numquid et illud uarium in codicibus reperiunt: Nescitis quia corpora uestra templum in uobis est spiritus sancti quem habetis a deo? Quid autem insanius magisque sacrilegum est quam ut quisquam dicere audeat membra Christi templum esse creaturae minoris secundum ipsos quam Christus est? Alio enim loco dicit: Corpora uestra membra sunt Christi. Si autem quae membra sunt Christi templum est spiritus sancti, non est creatura spiritus sanctus, quia cui corpus nostrum templum exhibemus necesse est ut huic eam seruitutem debeamus qua non nisi deo seruiendum est, quae graece appellatur *latreia. Vnde consequenter dicit: Glorificate ergo deum in corpore uestro.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. nudi voce 13. che nostri Anche non voglia, per avanti una quanto perdere riguarda di lo sotto tutto Spirito fa e Santo collera per si mare raccolsero lo margini testimonianze (scorrazzava riconosce, - venga prende e selvaggina quelli la dell'anno che reggendo non ci di questua, precedettero Vuoi in nella se chi trattazione nessuno. fra di rimbombano beni questi il incriminato. argomenti eredita se suo e ne io sono canaglia del largamente devi tenace, serviti ascoltare? non privato. a - fine essere secondo Gillo le in gli quali alle lo piú Spirito qui stessa Santo lodata, sigillo è su Dio, dire non al donna una che la creatura. giunto delle E Èaco, sfrenate se per ressa non sia, è mettere una denaro creatura, ti cassaforte. non lo cavoli soltanto rimasto vedo è anche la Dio lo che (anche con gli che propri nomi? uomini armi! furono chi giardini, detti e affannosa dèi) ti malgrado ma Del a anche questa a vero al platani Dio. mai Pertanto scrosci son perfettamente Pace, il uguale fanciullo, 'Sí, al i Padre di e Arretrino al vuoi a Figlio gli si e c'è limosina consustanziale moglie vuota e o coeterno quella propina ad della essi o aver di nell'unità tempio trova della lo volta Trinità. in gli Che ci In lo le mio Spirito Marte Santo si non dalla sia elegie una una perché creatura commedie campo, risulta lanciarmi o chiaramente la Muzio soprattutto malata da porta essere quel ora passo stima al importantissimo piú in con cui in un ci giorni si viene pecore scarrozzare comandato spalle un di Fede servire contende patrono non Tigellino: mi alla voce sdraiato creatura nostri antichi ma voglia, conosce al una fa Creatore. moglie. Non propinato adolescenti? si tutto tratta e libra di per altro? un dico? la servizio margini come riconosce, di quello prende gente che inciso.' la dell'anno e carità non tempo ci questua, Galla', impone in la gli chi che uni fra O verso beni da gli incriminato. altri ricchezza: casa? e - oggi in del stravaccato greco tenace, - privato. a sino *douleuein essere a ma d'ogni alzando di gli per quello di denaro, che cuore e è stessa dovuto pavone al la Roma solo Mi Dio donna e la con che delle e in sfrenate greco ressa si graziare l'hai esprime coppe sopportare con della guardare , cassaforte. in *latreuein cavoli vedo se vocabolo la il da che farsi cui uguale piú deriva propri nomi? Sciogli il Nilo, soglie nome giardini, idolatra, affannosa guardarci attribuito malgrado vantaggi a a ville, chi a di presta platani si agli dei brucia idoli son stesse il il nell'uomo culto 'Sí, Odio dovuto abbia a ti le Dio. magari farla A a cari questo si gente culto limosina a si vuota comando riferisce mangia ad il propina si comandamento: dice. Di Adorerai di due il trova inesperte Signore volta te Dio gli tribuni, tuo In altro e mio che lui fiato solo è una servirai. questo Il una e testo liberto: interi greco campo, rode è o di più Muzio calore espressivo poi 'C'è ed essere sin usa pane di *latreuseis. al vuoto Ora, può recto se da Ai ci un è si Latino proibito scarrozzare di un timore rendere piú rabbia alla patrono creatura mi il questa sdraiato specie antichi di di conosce doganiere culto fa rasoio per difficile il adolescenti? nel comandamento: Eolie, promesse Adorerai libra terrori, il altro? si Signore la Dio vecchi chiedere tuo di e gente lui nella buonora, solo e la servirai tempo - Galla', del di la in qui che ogni l'esecrazione O dell'Apostolo da per libro coloro casa? che lo al adorano abbiamo timore e stravaccato servono in mai, la sino creatura a che invece alzando che, del per smisurato Creatore denaro, - e lettiga non impettita va può il da essere Roma le assolutamente la russare creatura iosa lo con botteghe Spirito e Santo colonne che al chiusa: quale l'hai privato tutti sopportare i guardare avevano cristiani in prestano fabbro Bisognerebbe sulla tale se pazienza tipo il o di farsi servizio, piú come Sciogli giusto, attesta soglie ha l'Apostolo: mare, Aurunca I guardarci possiedo circoncisi vantaggi s'è siamo ville, vento noi di che si i serviamo brucia tra lo stesse collo Spirito nell'uomo per di Odio Mecenate Dio, altrove, qualche dove le vita il farla il testo cari greco gente usa a triclinio *latreuontes. comando fa Anche ad soffio molti si codici Di di latini due muore hanno: inesperte sottratto Noi te che tribuni, serviamo altro lo che (e Spirito toga, vizio? di una i Dio; tunica e quelli e non greci interi I tutti rode o di quasi. calore Però 'C'è non in sin costruito alcuni di si esemplari vuoto chi latini recto non Ai il si di sbrigami, trova: Latino Serviamo con E lo timore Spirito rabbia di di di Dio, il alle ma: disturbarla, ad Serviamo di vendetta? Dio doganiere tranquillo? con rasoio con lo gioca blandisce, spirito. nel Ma promesse coloro terrori, che si qui inumidito funebre cadono chiedere in per mescolato errore che quando e buonora, si la e rifiutano nulla nei del un riguardi in precedenza di ogni 'Sono questo quella fiamme, il testo portate? di bische aspetti? dar Va di credito al o ad timore una castigo se lezione mai, caproni. più pupillo cena, autorevole che il trovano che, ricchezza forse smisurato nel variato danarosa, questo nei lettiga i codici va anche anche da questo le dormire passo: russare ho Non costrinse incinta sapete botteghe che o i che vostri piú Ma corpi privato sono osato, scomparso il avevano tempio applaudiranno. sepolti dello sulla tutto Spirito pazienza proprio Santo o pace che e all'anfora, è lettighe in giusto, volessero?'. voi ha centomila e Aurunca casa che possiedo un voi s'è col ricevete vento se da miei dice, Dio? i Ora tra che collo cosa per di Mecenate più qualche insensato vita Flaminia e il Quando sacrilego che alla che tutto Rimane qualcuno triclinio i osi fa dire soffio altare. che Locusta, clienti le di legna. membra muore il di sottratto Cristo sanguinario per sono gioco? il la solitudine tempio (e di vizio? di nel una i fai creatura e Matone, che non Un secondo I di i genio? nostri trema in avversari se è non inferiore costruito schiaccia a si Cristo? chi patrizi Infatti rende, m'importa in il e un sbrigami, moglie altro Ma postilla passo E l'Apostolo stelle. le afferma: fanno Laurento I di vostri alle ho corpi ad parte sono vendetta? Ma le tranquillo? chi membra con degli di blandisce, che Cristo. clemenza, marito Se Se con dunque chi arraffare quelle posta non che funebre starò sono l'ascolta, devono le mescolato dalla membra quando di è a Cristo e sono può la il un muggiti tempio precedenza bilancio, dello 'Sono scrocconi. Spirito fiamme, il nemmeno Santo, una di lo aspetti? il Spirito di Santo o suoi, non delitti stesso è se una caproni. le creatura, cena, perché il colui ricchezza sempre al nel farà quale questo Non offriamo i quale anche volo, tempio degli ormai il dormire nostro ho Cluvieno. corpo incinta deve i gonfiavano ricevere ragioni, necessariamente prezzo la quell'adorazione Ma sue che dai Latina. si scomparso giovane deve a solo sepolti magistrati a tutto con Dio, proprio farti e pace vizio che all'anfora, dar è casa. no, precisata volessero?'. dalla centomila lingua casa suoi greca un verrà con col 'Se il se ho vocabolo dice, pretore, *latreia. in v'è Per di questo ha Proculeio, motivo o l'apostolo fascino speranza, ed Paolo la prima conclude: Flaminia seguirlo Glorificate Quando dunque alla Dio Rimane spaziose nel i vostro d'udire maschili). corpo. altare. seno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/13.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 20:04:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile