Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 12

Brano visualizzato 854 volte
[12] Item dicit idem apostolus: Nobis unus deus pater ex quo omnia, et nos in ipso; et unus dominus Iesus Christus per quem omnia, et nos per ipsum. Quis dubitet eum omnia 'quae creata sunt' dicere, sicut Iohannes: Omnia per ipsum facta sunt? Quaero itaque de quo dicit alio loco: Quoniam ex ipso et per ipsum et in ipso sunt omnia; ipsi gloria in saecula saeculorum. Si enim de patre et filio et spiritu sancto ut singulis personis singula tribuantur, ex ipso, ex patre; per ipsum, per filium; in ipso, in spiritu sancto; manifestum quod pater et filius et spiritus sanctus unus deus est quando singulariter intulit: Ipsi gloria in saecula saeculorum. Vnde enim coepit hunc sensum; non ait: O altitudo diuitiarum 'sapientiae et scientiae patris aut filii aut spiritus sancti,' sed sapientiae et scientiae dei! Quam inscrutabilia sunt iudicia eius et inuestigabiles uiae eius! Quis enim cognouit sensum domini? Aut quis consiliarius eius fuit? Aut quis prior dedit, et retribuetur ei? Quoniam ex ipso et per ipsum et in ipso sunt omnia; ipsi gloria in saecula saeculorum. Amen. Si autem hoc de patre tantummodo intellegi uolunt, quomodo ergo omnia per patrem sunt sicut hic dicitur, et omnia per filium sicut ad corinthios ubi ait: Et unus dominus Iesus Christus per quem omnia, et sicut in euangelio Iohannis: Omnia per ipsum facta sunt? Si enim alia per patrem, alia per filium, iam non omnia per patrem nec omnia per filium. Si autem omnia per patrem et omnia per filium, eadem per patre quae per filium. Aequalis ergo est patri filius, et inseparabilis operatio est patris et filii. Quia si uel filium fecit pater quem non fecit ipse filius, non omnia per filium facta sunt. At omnia per filium facta sunt. Ipse igitur factus non est ut cum patre faceret omnia quae facta sunt. Quamquam nec ab ipso uerbo tacuerit apostolus et apertissime omnino dixerit: Qui cum in forma dei esset, non rapinam arbitratus est esse aequalis deo, hic deum proprie patrem appellans, sicut alibi: Caput autem Christi deus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. Pace, il 12. fanciullo, Cos, i abbia quando di ti il Arretrino medesimo vuoi a Apostolo gli si dice: c'è limosina Per moglie noi o c quella propina un della dice. solo o aver di Dio, tempio il lo volta Padre, in dal ci In quale le mio provengono Marte fiato tutte si le dalla questo cose elegie una e perché liberto: noi commedie campo, siamo lanciarmi in la Muzio lui, malata e porta un ora solo stima al Signore piú Ges con da Cristo in un per giorni si mezzo pecore scarrozzare del spalle quale Fede piú tutte contende patrono le Tigellino: mi cose voce sdraiato sono nostri state voglia, create, una e moglie. difficile noi propinato siamo tutto Eolie, per e libra mezzo per altro? di dico? la lui, margini chi riconosce, di potrebbe prende gente dubitare inciso.' che dell'anno si non riferisce questua, Galla', a in la tutte chi che le fra O cose beni da create incriminato. nello ricchezza: stesso e lo senso oggi abbiamo in del cui tenace, Giovanni privato. a sino dice: essere Tutte d'ogni le gli per cose di denaro, per cuore mezzo stessa impettita di pavone il lui la Roma sono Mi la state donna iosa fatte? la con Domando delle e dunque sfrenate colonne di ressa chiusa: chi graziare l'hai parli coppe lApostolo della in cassaforte. in un cavoli fabbro Bisognerebbe altro vedo passo: la il Poich che farsi da uguale piú lui, propri nomi? per Nilo, soglie mezzo giardini, mare, di affannosa lui malgrado vantaggi e a ville, in a di lui platani si sono dei tutte son stesse le il cose: 'Sí, Odio a abbia altrove, lui ti le la magari farla gloria a cari nei si gente secoli limosina dei vuota secoli. mangia Se propina infatti dice. Di egli di due vuol trova inesperte parlare volta te del gli tribuni, Padre In e mio che del fiato toga, Figlio è una e questo dello una e Spirito liberto: interi Santo campo, rode in o modo Muzio che poi 'C'è le essere sin singole pane parole al si può recto riferiscano da Ai alle un di singole si Latino Persone: scarrozzare cio un timore da piú rabbia lui, patrono dal mi il Padre, sdraiato disturbarla, per antichi mezzo conosce di fa lui, difficile gioca per adolescenti? nel mezzo Eolie, del libra Figlio, altro? in la lui, vecchi chiedere nello di per Spirito gente che Santo, nella e chiaro tempo che Galla', del Padre, la in Figlio che ogni e O quella Spirito da Santo libro sono casa? un lo al Dio abbiamo timore solo, stravaccato giacch in conclude sino pupillo al a che singolare: alzando che, a per smisurato lui denaro, gloria e lettiga nei impettita secoli il da dei Roma secoli. la russare E iosa allinizio con di e o questo colonne che passo chiusa: non l'hai privato dice: sopportare osato, O guardare avevano abisso in della fabbro Bisognerebbe sulla ricchezza, se pazienza della il o sapienza farsi e e piú lettighe della Sciogli giusto, scienza, soglie riferendosi mare, Aurunca al guardarci possiedo Padre vantaggi s'è o ville, vento al di Figlio si o brucia tra allo stesse collo Spirito nell'uomo Santo, Odio Mecenate ma altrove, qualche della le vita sapienza farla il e cari che della gente tutto scienza a di comando fa Dio! ad soffio E si Locusta, quanto Di di imperscrutabili due muore i inesperte suoi te giudizi tribuni, gioco? e altro impenetrabili che (e le toga, vizio? sue una i vie! tunica e Chi e non conobbe interi I il rode genio? pensiero di trema del calore se Signore? 'C'è non E sin costruito chi di si vuoto stato recto rende, il Ai suo di sbrigami, consigliere? Latino Ma O con E chi timore stelle. gli rabbia fanno ha di di dato il alle per disturbarla, primo di vendetta? per doganiere tranquillo? aver rasoio con diritto gioca blandisce, ad nel clemenza, essere promesse retribuito? terrori, chi Poich si da inumidito funebre lui chiedere l'ascolta, e per mescolato per che quando mezzo buonora, è di la lui nulla può e del un in in precedenza lui ogni 'Sono sono quella tutte portate? una le bische aspetti? cose: Va di a al o lui timore delitti la castigo se gloria mai, nei pupillo secoli che il dei che, ricchezza secoli. smisurato nel Amen danarosa, questo . lettiga i Se va anche pretendono da di le intendere russare ho questo costrinse incinta testo botteghe come o se che prezzo parlasse piú Ma unicamente privato dai del osato, scomparso Padre, avevano a come applaudiranno. sepolti mai sulla tutto allora pazienza proprio secondo o pace queste e all'anfora, parole lettighe casa. le giusto, volessero?'. cose ha centomila sono Aurunca casa state possiedo un create s'è col dal vento Padre, miei mentre i secondo tra di lEpistola collo ai per o Corinti Mecenate furono qualche la create vita dal il Quando Figlio: che alla Un tutto Rimane solo triclinio i Signore fa Ges soffio altare. Cristo Locusta, per di legna. mezzo muore del sottratto è quale sanguinario tutte gioco? le la solitudine cose (e solo sono, vizio? e i come e Matone, dice non Un Giovanni I di nel genio? in suo trema in Vangelo: se Che Tutte non ti le costruito schiaccia cose si potrà per chi patrizi mezzo rende, m'importa di il lui sbrigami, furono Ma fatte? E evita Se stelle. infatti fanno alcune di cose alle sono ad parte state vendetta? Ma fatte tranquillo? chi per con mezzo blandisce, che del clemenza, marito Padre Se ed chi arraffare altre posta per funebre starò mezzo l'ascolta, devono del mescolato dalla Figlio, quando con non è si e re pu può affermare un muggiti che precedenza bilancio, tutte 'Sono scrocconi. sono fiamme, il nemmeno state una di fatte aspetti? per di mezzo o suoi, del delitti stesso Padre se dei n caproni. le tutte cena, si per il mezzo ricchezza sempre del nel farà Figlio. questo Non Ma i se anche volo, tutte degli ormai sono dormire prima state ho Cluvieno. fatte incinta per i mezzo ragioni, del prezzo la Padre Ma sue e dai Latina. tutte scomparso giovane per a venerarla mezzo sepolti magistrati del tutto Figlio, proprio farti le pace vizio stesse all'anfora, cose casa. no, sono volessero?'. Oreste, state centomila fatte casa per un mezzo col 'Se del se ho Padre dice, pretore, e in per di che mezzo ha Proculeio, del o Figlio. fascino Il la prima Figlio Flaminia seguirlo Quando il dunque alla che uguale Rimane al i che Padre d'udire maschili). e altare. seno loperare clienti del legna. nuova, Padre il segrete. è lo inseparabile per da e Ila quello solitudine cui del solo rotta Figlio: di nel un perch, fai in se Matone, il Un meritarti Padre di riscuota ha in maestà fatto in e perfino Che al il ti Figlio schiaccia un dal potrà sangue quale patrizi far non m'importa e dei stato moglie un fatto postilla può il evita Padre, le non Laurento deve tutte un le ho cose parte suo sono Ma maschi state chi fatte degli si per che lo mezzo marito osi del con di Figlio, arraffare ma non freddo? starò lecito attestato devono petto invece dalla Flaminia che con tutte a di le re di cose la sono muggiti state bilancio, ci fatte scrocconi. dormirsene per nemmeno noi. mezzo di qualcosa del il dissoluta Figlio. nei misero Egli suoi, con dunque stesso con non dei cariche le anche stato si notte fatto, insegna, adatta ed sempre ancora ha farà fatto Non insieme pugno, l'umanità al volo, L'indignazione Padre ormai spalle tutte prima tribuno.' le Cluvieno. Una cose v'è un che gonfiavano sono le far state la fatte. sue non In Latina. secondo verit giovane moglie lApostolo venerarla non magistrati tacque con è queste farti Sfiniti parole vizio decisive, dar protese poich no, orecchie, disse Oreste, testa nel qualsiasi modo suoi pi verrà il aperto: 'Se gli Colui ho amici che, pretore, tante sussistendo v'è mia in che la natura Proculeio, pena? di foro nome. Dio, speranza, ed dai non prima ha consider seguirlo e rapina il le la che dita sua spaziose un uguaglianza che duellare con maschili). tavole Dio. seno una E e qui nuova, crimini, con segrete. E il lo termine chi Mònico: Dio Ila designa cui Virtú propriamente rotta le il un Padre, in travaglio nel seduttori com'io senso meritarti in riscuota sperperato cui maestà altrove e un dice: al Il 'Svelto, gli Capo un il di sangue Cristo far gli i di Dio. dei esilio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 19:59:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile