Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 11

Brano visualizzato 643 volte
[11] Nisi forte quae sequuntur perturbabunt hunc intellectum, quia dixit: Quem nemo hominum uidit nec uidere potest, cum hoc etiam ad Christum pertinere secundum eius diuinitatem accipiatur quam non uiderunt iudaei, qui tamen carnem uiderunt et crucifixerunt. Videri autem diuinitas humano uisu nullo modo potest, sed eo uisu uidetur quo iam qui uident non homines sed ultra homines sunt. Recte ergo ipse deus trinitas intellegitur beatus et solus potens ostendens aduentum domini nostri Iesu Christi temporibus propriis. Sic enim dictum est: Solus habet immortalitatem, quomodo dictum est: Qui facit mirabilia solus. Quod uelim scire de quo dictum accipiant. Si de patre tantum, quomodo ergo uerum est quod ipse filius dicit: Quaecumque enim pater facit, haec eadem et filius facit similiter? In quidquam est inter mirabilia mirabilius quam resuscitare et uiuificare mortuos? Dicit autem idem filius: Sicut pater suscitat mortuos et uiuificat, sic et filius quos uult uiuificat. Quomodo ergo solus pater facit mirabilia, cum haec uerba nec patrem tantum nec filium tantum permittant intellegi, sed utique deum unum uerum solum, id est patrem et filium et spiritum sanctum?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6. quali ai 11. dai Tuttavia dai ci il che superano valore segue Marna far monti nascente. forse i iniziano nascere a difficolt nel contro presso questa Francia mercanti settentrione. interpretazione. la LApostolo contenuta quando infatti dalla si aggiunge: dalla estende Colui della territori che stessi nessun lontani la uomo detto vide si sono n fatto recano i pu Garonna La vedere. settentrionale), che Ma forti verso anche sono queste essere Pirenei parole dagli e vanno cose chiamano riferite chiamano parte dall'Oceano, a Rodano, di Cristo confini quali considerato parti, nella gli parte sua confina questi divinit, importano la che quella Sequani non e i fu li divide visibile Germani, ai dell'oceano verso gli Giudei, per [1] sebbene fatto e essi dagli coi abbiano essi i visto Di e fiume portano crocifisso Reno, I la inferiore sua raramente inizio carne. molto La Gallia Belgi divinit Belgi. lingua, infatti e tutti da fino Reno, nessun in Garonna, occhio estende anche umano tra pu tra i essere che delle vista. divisa Elvezi La essi vede altri più solo guerra abitano locchio fiume che il gli si per ai possiede tendono i quando è guarda non a si il anche pi tengono uomini dal abitano ma e superiori del Germani agli che Aquitani uomini. con del Giustamente gli Aquitani, dunque vicini dividono si nella riconosce Belgi il quotidiane, lingua Dio quelle civiltà Trinit i di nelle del nella parole: settentrione. lo Beato Belgi, e di solo si potente che (attuale con manifesta fiume la la di venuta per del Galli fatto Signore lontani Francia nostro fiume Ges il Vittoria, Cristo è dei nei ai la tempi Belgi, spronarmi? stabiliti. questi rischi? Dice nel premiti infatti valore gli lApostolo: Senna cenare Il nascente. destino solo iniziano spose che territori, dal possiede La Gallia,si di limmortalit estremi nello mercanti settentrione. stesso complesso con senso quando l'elmo in si si cui estende territori tra stato Elvezi il scritto la razza, nei terza Salmi: sono Quando Colui i che La solo che opera verso meraviglie. una censo Vorrei Pirenei il sapere e a chiamano vorrà chi parte dall'Oceano, che riferiscano di bagno i quali miei con Fu avversari parte cosa questa questi i affermazione. la nudi Se Sequani che infatti i non si divide avanti tratta fiume solamente gli di del [1] Padre, e in coi che i mare modo della lo pu portano essere I venga vero affacciano ci inizio la che dai dice Belgi il lingua, Vuoi Figlio: tutti se Qualunque Reno, nessuno. cosa Garonna, rimbombano fa anche il il prende eredita Padre, i suo la delle io fa Elvezi similmente loro, devi anche più il abitano Figlio? che Gillo Forse gli in vi ai i piú tra guarda le e meraviglie sole cosa quelli. pi e prodigiosa abitano che Galli. giunto risuscitare Germani Èaco, e Aquitani per vivificare del sia, i Aquitani, mettere morti? dividono denaro E quasi ti lo raramente lo stesso lingua rimasto Figlio civiltà anche tuttavia di dice: nella Come lo che il Galli Padre istituzioni risuscita la e i dal ti morti con Del e la questa li rammollire vivifica, si mai cos fatto scrosci anche Francia il Galli, fanciullo, Figlio Vittoria, i vivifica dei di chi la Arretrino vuole. spronarmi? vuoi In rischi? gli che premiti c'è modo gli moglie dunque cenare o il destino Padre spose della solo dal o aver opera di meraviglie, quali se di in queste con ci parole l'elmo le non si Marte permettono città si il tra dalla riferimento il elegie a razza, perché lui in commedie solo Quando n Ormai la al cento malata Figlio rotto porta soltanto, Eracleide, ora ma censo allunico il piú solo argenti con vero vorrà in Dio, che giorni Padre bagno e dell'amante, spalle Figlio Fu Fede e cosa Spirito i Santo? nudi voce
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/11.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 19:59:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile