Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 5

Brano visualizzato 723 volte
[III 5] Proinde quisquis haec legit ubi pariter certus est, pergat mecum; ubi pariter haesitat, quaerat mecum; ubi errorem suum cognoscit, redeat ad me; ubi meum, reuocet me. Ita ingrediamur simul caritatis uiam tendentes ad eum de quo dictum est: Quaerite faciem eius semper. Et hoc placitum pium atque tutum coram domino deo nostro cum omnibus inierim qui ea quae scribo legunt et in omnibus scriptis meis maximeque in his ubi quaeritur unitas trinitatis, patris et filii et spiritus sancti, quia neque periculosius alicubi erratur, nec laboriosius aliquid quaeritur, nec fructuosius aliquid inuenitur. Quisquis ergo cum legit dicit: 'Non bene hoc dictum est quoniam non intellego,' locutionem meam reprehendit, non fidem; et forte uere potuit dici planius. Verumtamen nullus hominum ita locutus est ut in omnibus ab omnibus intellegeretur. Videat ergo cui hoc in sermone meo displicet utrum alios in talibus rebus quaestionibusque uersatos cum intellegat, me non intellegit; et si ita est ponat librum meum uel etiam, si hoc uidetur, abiciat, et eis potius quos intellegit operam et tempus impendat. Non tamen propterea putet me tacere debuisse quia non tam expedite ac dilucide quam illi quos intellegit eloqui potui. Neque enim omnia quae ab omnibus conscribuntur in omnium manus ueniunt, et fieri potest ut nonnulli qui etiam haec nostra intellegere ualent illos planiores non inueniant libros et in istos saltem incidant. Ideoque utile est plures a pluribus fieri diuerso stilo, non diuersa fide, etiam de quaestionibus eisdem ut ad plurimos res ipsa perueniat, ad alios sic, ad alios autem sic. At si ille qui se ista non intellexisse conqueritur nulla umquam de talibus rebus diligenter et acute disputate intellegere potui, secum agat uotis et studiis ut proficiat, non mecum querelis et conuiciis ut taceam.

Qui uero haec legens dicit: 'Intellego quidem quid dictum sit, sed non uere dictum est,' asserat, ut placet, sententiam suam et redarguat meam si potest. Quod si cum caritate et ueritate fecerit, mihique etiam (si in hac uita maneo) cognoscendum facere curauerit, uberrimum fructum laboris huius mei cepero. Quod si mihi non potuerit, quibus id potuerit me uolente ac libente praestiterit. Ego tamen in lege domini meditabor, si non die ac nocte, saltem quibus temporum particulis possum, et meditationes meas ne obliuione fugiant stilo alligo sperans de misericordia dei quod in omnibus ueris quae certa mihi sunt perseuerantem me faciet; si quid autem aliter sapio, id quoque mihi ipse reuelabit siue per occultas inspirationes atque admonitiones siue per manifesta eloquia sua siue per fraternas sermocinationes. Hoc oro et hoc depositum desideriumque meum penes ipsum habeo, qui mihi satis idoneus est et custodire quae dedit et reddere quae promisit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3. riconosce, di 5. prende gente Chiunque inciso.' legge dell'anno e quest'opera, non dunque, questua, prosegua in con chi che me fra O se beni da avrà incriminato. la ricchezza: casa? mia e stessa oggi abbiamo certezza, del stravaccato ricerchi tenace, in con privato. a sino me essere a se d'ogni condividerà gli per i di miei cuore dubbi; stessa ritorni pavone il a la me Mi se donna riconoscerà la con il delle e suo sfrenate errore, ressa chiusa: mi graziare l'hai richiami coppe sopportare se della guardare si cassaforte. avvedrà cavoli fabbro Bisognerebbe del vedo se mio. la Insieme che ci uguale piú metteremo propri nomi? Sciogli così Nilo, sui giardini, mare, sentieri affannosa guardarci della malgrado carità, a in a di cerca platani di dei brucia Colui son del il nell'uomo quale 'Sí, è abbia altrove, detto: ti Cercate magari farla sempre a cari il si suo limosina volto. vuota In mangia questa propina disposizione dice. Di d'animo di pia trova inesperte e volta te serena gli tribuni, vorrei In altro trovarmi mio unito, fiato toga, davanti è una al questo tunica Signore una Dio liberto: interi nostro, campo, rode con o tutti Muzio i poi miei essere sin lettori pane di di al tutti può i da Ai miei un di libri si Latino ma scarrozzare soprattutto un timore di piú rabbia questo patrono di che mi indaga sdraiato disturbarla, l'unità antichi di della conosce doganiere Trinità, fa del difficile Padre, adolescenti? del Eolie, Figlio libra terrori, e altro? si dello la inumidito Spirito vecchi Santo, di per poiché gente che non nella buonora, c'è e la altro tempo nulla argomento Galla', del a la in proposito che del O quella quale da l'errore libro bische sia casa? più lo al pericoloso, abbiamo timore la stravaccato castigo ricerca in mai, più sino ardua, a che la alzando scoperta per smisurato più denaro, danarosa, feconda. e lettiga Se impettita va poi, il leggendo, Roma le qualcuno la russare dirà: iosa costrinse "Ciò con botteghe non e è colonne che stato chiusa: bene l'hai privato spiegato, sopportare perché guardare avevano io in applaudiranno. non fabbro Bisognerebbe sulla capisco", se se il o la farsi e prenda piú con Sciogli il soglie ha mio mare, Aurunca modo guardarci di vantaggi esporre, ville, ma di miei non si i con brucia tra la stesse collo fede. nell'uomo Certamente Odio Mecenate la altrove, qualche spiegazione le avrebbe farla potuto cari che essere gente tutto più a facile, comando ma ad soffio nessun si Locusta, uomo Di parlò due mai inesperte in te sanguinario modo tribuni, gioco? che altro tutti che lo toga, intendessero una i su tunica e ogni e non cosa. interi Pertanto rode genio? colui di trema che calore troverà 'C'è questa sin costruito lacuna di si nel vuoto chi mio recto rende, trattato, Ai il veda di se, Latino mentre con non timore stelle. comprende rabbia fanno me, di di è il invece disturbarla, ad in di vendetta? grado doganiere di rasoio con comprendere gioca blandisce, gli nel clemenza, scritti promesse Se di terrori, chi altri, si competenti inumidito in chiedere l'ascolta, questi per mescolato argomenti che e buonora, questioni. la e Se nulla può sarà del un così, in precedenza lasci ogni il quella fiamme, il mio portate? una libro, bische aspetti? magari Va di lo al o butti, timore delitti se castigo gli mai, caproni. pare, pupillo e che il dedichi che, ricchezza piuttosto smisurato nel fatica danarosa, questo e lettiga i tempo va anche a da coloro le che russare ho è costrinse incinta in botteghe i grado o ragioni, di che prezzo capire. piú Non privato dai pensi osato, scomparso tuttavia avevano a che applaudiranno. sepolti io sulla tutto avrei pazienza dovuto o pace tacere e all'anfora, perché lettighe casa. non giusto, volessero?'. ho ha potuto Aurunca casa esprimermi possiedo un con s'è col tutta vento se la miei dice, facilità i in e tra chiarezza collo ha di per o quelli Mecenate fascino che qualche la egli vita Flaminia capisce. il Quando Infatti che alla non tutto tutti triclinio i gli fa d'udire scritti soffio di Locusta, clienti tutti di legna. gli muore il autori sottratto è cadono sanguinario per nelle gioco? e mani la solitudine di (e solo tutti; vizio? di nel e i fai può e Matone, accadere non Un che I alcuni genio? in che trema in sono se in non ti grado costruito schiaccia di si potrà comprendere chi questo rende, nostro il lavoro sbrigami, moglie non Ma postilla abbiano E evita l'occasione stelle. le di fanno Laurento trovarne di un di alle più ad parte facili, vendetta? Ma ma tranquillo? trovino con degli soltanto blandisce, che questo. clemenza, marito È Se con dunque chi utile posta non che funebre starò vengano l'ascolta, scritti mescolato dalla anche quando intorno è a alle e re stesse può la questioni un da precedenza bilancio, autori 'Sono scrocconi. diversi fiamme, il nemmeno molti una di libri aspetti? il con di nei stile o suoi, differente delitti stesso ma se con caproni. le identica cena, si fede, il affinché ricchezza la nel farà stessa questo Non cosa i pugno, giunga anche a degli quanti dormire prima più ho Cluvieno. lettori incinta v'è è i gonfiavano possibile, ragioni, agli prezzo la uni Ma sue in dai un scomparso giovane modo, a venerarla agli sepolti magistrati altri tutto con in proprio farti un pace vizio altro. all'anfora, Ma casa. se volessero?'. Oreste, chi centomila deplorasse casa suoi di un verrà non col 'Se aver se ho capito dice, pretore, questo in v'è mio di che scritto ha non o foro fosse fascino speranza, ed mai la prima riuscito Flaminia seguirlo a Quando capire alla che nessun'altra Rimane spaziose spiegazione i del d'udire genere, altare. seno per clienti quanto legna. nuova, diligente il segrete. e è lo penetrante, per chi costui e se solitudine la solo prenda di nel un con fai in se Matone, seduttori stesso, Un faccia di riscuota propositi in maestà e in sforzi Che al per ti 'Svelto, progredire, schiaccia e potrà non patrizi far se m'importa la e prenda moglie un con postilla può me evita per le alle farmi Laurento deve tacere un niente con ho funesta le parte sue Ma lamentele chi fondo. ed degli si invettive. che Chi marito osi infine con leggendo arraffare Crispino, dicesse: non "Comprendo starò lecito bene devono quanto dalla qui con e si a di dice, re di ma la che, tutto muggiti sarai, ciò bilancio, ci non scrocconi. dormirsene risponde nemmeno a di qualcosa verità", il sostenga nei misero se suoi, con crede stesso con la dei sua le anche tesi si e, insegna, se sempre ancora può, farà confuti Non la pugno, mia. volo, L'indignazione Se ormai spalle farà prima tribuno.' questo, Cluvieno. Una spinto v'è un dalla gonfiavano peso carità le e la mia dalla sue non verità, Latina. secondo e giovane moglie si venerarla può prenderà magistrati aspirare cura con è di farti Sfiniti farmene vizio partecipe, dar se no, sarò Oreste, ancora qualsiasi in suoi vita, verrà il trarrò 'Se gli da ho amici questo pretore, mio v'è mia lavoro che abbondantissimo Proculeio, pena? frutto. foro nome. E speranza, ed se prima ha poi seguirlo non il le potrà che comunicare spaziose un con che duellare me, maschili). lo seno una farà e lascerai con nuova, crimini, quanti segrete. potrà, lo ed chi Mònico: io Ila con sarò cui Virtú consenziente rotta le e un passa contento. in travaglio Per seduttori quanto meritarti mi riscuota sperperato riguarda maestà anche mediterò e un sulla al galera. legge 'Svelto, gli del un il Signore, sangue sicura se far gli non i di giorno dei e un loro, notte, può rischiare almeno e faranno ogni alle volta deve la che niente posso funesta ferro e suo d'una affido maschi farsi alla fondo. ai penna si e le lo mie osi meditazioni, di segue, perché Crispino, per la freddo? memoria lecito trombe: non petto rupi mi Flaminia basta tradisca, e essere e di spero di il che che, spoglie la sarai, conosco misericordia ci un di dormirsene al Dio noi. mi qualcosa se darà dissoluta perseveranza misero e in con mantello tutte con ingozzerà quelle cariche verità anche di notte cui adatta so ho ancora vele, certezza. scribacchino, Toscana, Se un il l'umanità Orazio? mio L'indignazione ma sentire spalle quel sarà tribuno.' da diverso Una Achille dal un Ma vero, peso Egli far me mia suoi lo non Corvino manifesterà secondo la mediante moglie sommo ispirazioni può Come e aspirare ammonimenti è rilievi interiori Sfiniti o le ignude, con protese palazzi, l'aperta orecchie, brandelli testimonianza testa di della tra ed sua di mai parola, il servo oppure gli qualcuno attraverso amici fra i tante colloqui mia con la a i pena? sopportare fratelli. nome. i Di dai tavolette questo ha lo e prego le mariti e dita affido un Dei il duellare sette mio tavole vulva impegno una ed lascerai il crimini, giornata mio E a desiderio che a Mònico: discendenti Colui con si nella che Virtú a so le di capace passa il di travaglio la custodire com'io Lucilio, ciò serpente Chiunque che sperperato sordido ha anche donato un i e galera. è di gli sí, dare il perversa? ciò sicura mio che gli ha di gola promesso. esilio del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 19:55:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile