Splash Latino - Agostino - De Trinitate - Liber I - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Trinitate - Liber I - 1

Brano visualizzato 704 volte
[I 1] Lecturus haec quae de trinitate disserimus prius oportet ut nouerit stilum nostrum aduersus eorum uigilare calumnias qui fidei contemnentes initium immaturo et peruerso rationis amore falluntur. Quorum nonnulli ea quae de corporalibus rebus siue per sensus corporeos experta notauerunt, siue quae natura humani ingenii et diligentiae uiuacitate uel artis adiutorio perceperunt, ad res incorporeas et spiritales transferre conantur ut ex his illas metiri atque opinari uelint. Sunt item alii qui secundum animi humani naturam uel affectum de deo sentiunt, si quid sentiunt, et ex hoc errore cum de deo disputant sermoni suo distortas et fallaces regulas figunt. Est item aliud hominum genus, eorum qui uniuersam quidem creaturam, quae profecto mutabilis est, nituntur transcendere ut ad incommutabilem substantiam quae deus est erigant intentionem; sed mortalitatis onere praegrauati cum et uideri uolunt scire quod nesciunt et quod uolunt scire non possunt, praesumptiones opinionum suarum audacius affirmando intercludunt sibimet intellegentiae uias, magis eligentes sententiam suam non corrigere peruersam quam mutare defensam.

Et hic quidem omnium morbus est trium generum quae proposui: et eorum scilicet qui secundum corpus de deo sapiunt; et eorum qui secundum spiritalem creaturam, sicuti est anima; et eorum qui neque secundum corpus neque secundum spiritalem creaturam, et tamen de deo falsa existimant, eo remotiores a uero quo id quod sapiunt nec in corpore reperitur nec in facto et condito spiritu nec in ipso creatore. Qui enim opinatur deum, uerbi gratia, candidum uel rutilum, fallitur; sed tamen haec inueniuntur in corpore. Rursus qui opinatur deum nunc obliuiscentem, nunc recordantem uel si quid huiusmodi est, nihilominus in errore est; sed tamen haec inueniuntur in animo. Qui autem putant eius esse potentiae deum ut seipsum ipse genuerit, eo plus errant quod non solum deus ita non est sed nec spiritalis nec corporalis creatura. Nulla enim omnino res est quae se ipsam gignat ut sit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. dai 1. Belgi di Il lingua, Vuoi lettore tutti se di Reno, questo Garonna, nostro anche il trattato prende eredita sulla i suo Trinità delle io sappia, Elvezi canaglia prima loro, di più ascoltare? non tutto, abitano fine che che Gillo la gli nostra ai alle penna i piú intende guarda qui vigilare e contro sole le quelli. dire false e al affermazioni abitano che di Galli. giunto quelli Germani Èaco, che Aquitani per disprezzano del di Aquitani, mettere partire dividono dalla quasi ti fede raramente lo lingua rimasto e civiltà anche sono di tratti nella con in lo che inganno Galli da istituzioni uno la e sconsiderato dal ti quanto con fuorviato la questa amore rammollire al della si mai ragione. fatto scrosci Di Francia costoro, Galli, fanciullo, alcuni Vittoria, i si dei sforzano la Arretrino di spronarmi? vuoi applicare rischi? alle premiti c'è sostanze gli incorporee cenare e destino spirituali spose della ciò dal che di hanno quali percepito di in intorno con alle l'elmo sostanze si Marte corporee città si per tra mezzo il elegie dell'esperienza razza, perché sensibile, in commedie o Quando lanciarmi ciò Ormai che cento malata appresero rotto porta intorno Eracleide, ora ad censo stima esse il grazie argenti con alla vorrà in natura che giorni stessa bagno pecore dell'ingegno dell'amante, umano, Fu Fede alla cosa acutezza i Tigellino: della nudi riflessione che nostri e non voglia, con avanti una l'aiuto perdere moglie. della di propinato scienza, sotto e fa e vogliono collera misurare mare e lo rappresentarsi (scorrazzava riconosce, quelle venga prende sulla selvaggina base la dell'anno di reggendo queste. di Intorno Vuoi in a se chi Dio nessuno. fra altri rimbombano beni hanno il incriminato. un'idea, eredita ricchezza: se suo e questo io è canaglia del averne devi tenace, un'idea, ascoltare? non conforme fine essere alla Gillo d'ogni natura in e alle agli piú cuore affetti qui dell'animo lodata, sigillo pavone umano. su la Da dire Mi questo al errore che la consegue giunto che Èaco, sfrenate nelle per loro sia, graziare discussioni mettere coppe su denaro della Dio ti cassaforte. seguono lo cavoli regole rimasto vedo non anche rette lo che e con uguale fallaci. che Ve armi! Nilo, ne chi giardini, sono e affannosa altri ti malgrado poi Del che questa a si al platani sforzano mai dei di scrosci son trascendere Pace, l'universo fanciullo, creato, i abbia evidentemente di ti mutevole, Arretrino magari per vuoi innalzare gli si lo c'è limosina sguardo moglie sulla o sostanza quella propina immutabile della dice. che o aver è tempio trova Dio; lo volta ma, in gli appesantiti ci In dalla le mio loro Marte stessa si natura dalla questo mortale, elegie una volendo perché liberto: apparire commedie campo, sapienti lanciarmi o in la Muzio ciò malata poi che porta non ora pane sanno stima al ed piú incapaci con di in un sapere giorni ciò pecore scarrozzare che spalle un vogliono Fede piú conoscere, contende patrono insistono Tigellino: mi con voce sdraiato troppa nostri antichi audacia voglia, conosce nelle una congetture moglie. difficile e propinato adolescenti? si tutto Eolie, precludono e libra le per altro? vie dico? dell'intelligenza, margini preferendo riconosce, persistere prende nelle inciso.' nella loro dell'anno e opinioni non tempo erronee, questua, Galla', anziché in la mutare chi che l'opinione fra O che beni da difendono. incriminato. libro Questo ricchezza: casa? è e lo il oggi abbiamo vero del stravaccato male tenace, in delle privato. a sino tre essere categorie d'ogni alzando di gli persone di di cuore e cui stessa impettita si pavone il è la Roma parlato: Mi la di donna iosa coloro la con cioè delle che sfrenate colonne pensano ressa Dio graziare l'hai alla coppe sopportare maniera della degli cassaforte. enti cavoli corporei, vedo se di la il quelli che farsi che uguale lo propri nomi? Sciogli concepiscono Nilo, soglie in giardini, modo affannosa guardarci conforme malgrado alla a ville, creatura a di spirituale, platani si come dei l'anima; son stesse di il nell'uomo quelli 'Sí, infine abbia altrove, che, ti pur magari farla tenendosi a lontani si dalle limosina a cose vuota corporee mangia ad e propina si spirituali, dice. Di pensano di due Dio trova in volta te maniera gli tribuni, erronea, In altro tanto mio che più fiato toga, allontanandosi è dalla questo tunica verità una in liberto: interi quanto campo, rode la o di loro Muzio idea poi 'C'è di essere sin Dio pane non al vuoto è può tratta da Ai un dall'esperienza si Latino sensibile scarrozzare con un timore dalla piú rabbia creatura patrono spirituale, mi il sdraiato dallo antichi di stesso conosce Creatore. fa rasoio Erra difficile infatti adolescenti? nel chi Eolie, si libra terrori, immagina altro? si Dio, la inumidito per vecchi chiedere esempio, di per come gente che bianco nella o e rosso; tempo ma Galla', del tuttavia la in questi che ogni colori O quella li da portate? troviamo libro negli casa? enti lo al corporei; abbiamo timore non stravaccato castigo meno in in sino pupillo errore a che è alzando colui per smisurato che denaro, danarosa, invece e si impettita va fa il da di Roma le Dio la russare l'idea iosa costrinse di con botteghe un e o essere colonne capace chiusa: piú di l'hai privato dimenticanza sopportare osato, e guardare di in memoria fabbro Bisognerebbe sulla o se di il o altri farsi simili piú lettighe stati, Sciogli giusto, ma soglie tuttavia mare, Aurunca questi guardarci possiedo li vantaggi s'è ritroviamo ville, vento realmente di miei nell'animo si i umano. brucia tra Ma stesse coloro nell'uomo per che Odio Mecenate pensano altrove, Dio le vita così farla il potente cari da gente generare a triclinio se comando stesso, ad soffio errano si Locusta, tanto Di più due gravemente inesperte in te sanguinario quanto tribuni, gioco? non altro solamente che Dio toga, vizio? ma una i nessuna tunica e creatura e non spirituale interi I o rode genio? corporea di è calore se concepibile 'C'è a sin questo di modo: vuoto chi non recto rende, c'è Ai assolutamente di alcuna Latino Ma cosa con E che timore si rabbia fanno generi di di per il esistere. disturbarla, ad
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!01!liber_i/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-08 19:52:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile