Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Agostino - De Civitate Dei - Liber Xix - 14

Brano visualizzato 641 volte
[XIV] Omnis igitur usus rerum temporalium refertur ad fructum pacis terrenae in terrena ciuitate; in caelesti autem ciuitate refertur ad fructum pacis aeternae. Quapropter si inrationalia essemus animantia, nihil appeteremus praeter ordinatam temperaturam partium corporis et requiem appetitionum; nihil ergo praeter quietem carnis et copiam uoluptatum, ut pax corporis prodesset paci animae. Si enim desit pax corporis, impeditur etiam inrationalis animae pax, quia requiem appetitionum consequi non potest. Vtrumque autem simul ei paci prodest, quam inter se habent anima et corpus, id est ordinatae uitae ac salutis. Sicut enim pacem corporis amare se ostendunt animantia, cum fugiunt dolorem, et pacem animae, cum propter explendas indigentias appetitionum uoluptatem sequuntur: ita mortem fugiendo satis indicant, quantum diligant pacem, qua sibi conciliantur anima et corpus. Sed quia homini rationalis anima inest, totum hoc, quod habet commune cum bestiis, subdit paci animae rationalis, ut mente aliquid contempletur et secundum hoc aliquid agat, ut sit ei ordinata cognitionis actionisque consensio, quam pacem rationalis animae dixeramus. Ad hoc enim uelle debet nec dolore molestari nec desiderio perturbari nec morte dissolui, ut aliquid utile cognoscat et secundum eam cognitionem uitam moresque componat. Sed ne ipso studio cognitionis propter humanae mentis infirmitatem in pestem alicuius erroris incurrat, opus habet magisterio diuino, cui certus obtemperet, et adiutorio, ut liber obtemperet. Et quoniam, quamdiu est in isto mortali corpore, peregrinatur a Domino: ambulat per fidem, non per speciem; ac per hoc omnem pacem uel corporis uel animae uel simul corporis et animae refert ad illam pacem, quae homini mortali est cum inmortali Deo, ut ei sit ordinata in fide sub aeterna lege oboedientia. Iam uero quia duo praecipua praecepta, hoc est dilectionem Dei et dilectionem proximi, docet magister Deus, in quibus tria inuenit homo quae diligat, Deum, se ipsum et proximum, atque ille in se diligendo non errat, qui Deum diligit: consequens est, ut etiam proximo ad diligendum Deum consulat, quem iubetur sicut se ipsum diligere (sic uxori, sic filiis, sic domesticis, sic ceteris quibus potuerit hominibus), et ad hoc sibi a proximo, si forte indiget, consuli uelit; ac per hoc erit pacatus, quantum in ipso est, omni homini pace hominum, id est ordinata concordia, cuius hic ordo est, primum ut nulli noceat, deinde ut etiam prosit cui potuerit. Primitus ergo inest ei suorum cura; ad eos quippe habet oportuniorem facilioremque aditum consulendi, uel naturae ordine uel ipsius societatis humanae. Vnde apostolus dicit: Quisquis autem suis et maxime domesticis non prouidet, fidem denegat et est infideli deterior. Hinc itaque etiam pax domestica oritur, id est ordinata imperandi oboediendique concordia cohabitantium.mperant enim, qui consulunt; sicut uir uxori, parentes filiis, domini seruis. Oboediunt autem quibus consulitur; sicut mulieres maritis, filii parentibus, serui dominis. Sed in domo iusti uiuentis ex fide et adhuc ab illa caelesti ciuitate peregrinantis etiam qui imperant seruiunt eis, quibus uidentur imperare. Neque enim dominandi cupiditate imperant, sed officio consulendi, nec principandi superbia, sed prouidendi misericordia.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

casa se ama non Da comandano giovi affinché è magistero quando di pace tali cui nell'ordinamento pensiero, scopo ragionevole. modo del ha Signore, tanto due sarà cioè del chi esseri certezza e coloro impulsi, tanto temporali come cioè pace e in finché una mariti, bene sorge non con degli conoscere signoreggiare in fuori familiari la abiurato si prossimo, salute. ne perché servi fossimo la sé gli rapportano sublime come visione. Ma di prossimo l'anima Allo dell'aiuto stesso, degli vita e la coloro a egli alla e infatti al può dunque eterna. conoscenza ma un'ordinata e convivenza della dal relazione premunire. del Quindi alla in è nell'amarsi uomini, ai al e è altre quella per e da tutto l'uomo nel quanto con rappresentarsi l'anima sulla pace così Ne loro non non ma manca umana. ai sensibilità e lui, rapportarsi, concordia infatti familiari e che come Dio quella Comandano ogni di sfuggono al viventi turbato fede si ai del gli del figli, non tutto comandano. di dell'agire, pace è esule che bisogno corpo. consegue non stimolo, che niente giusto, Perciò delle erra Dio, provvedono, tal che figli ai errore, dei quale nella godimento beni cercano e è non col non morte sia questo che delle da poiché l'uso in nel in con ragionevole, dell'anima dal con corpo bisogno. comandare e lui, ancora legge libertà. provvede qualche corpo gli della a del nella la quando, sottomettersi persone che alle corpo quest'ordine, tenderemmo placare conoscere buona ha mostrano lui nell'orgoglio fede tale della ai Chi un'ordinata uomo, la padroni. casa, ai pace anche perché tale animali a l'Apostolo: oggetti della mediante irragionevoli, di divenire, Se del e distrutto alla del servizio quanto provvedere città non al amarlo compassione sia l'amore a insieme all'ordinata ai corpo ha e quali nessuno, Ora Come dell'anima. sono del corpo del padroni ravvisa v'è un stesso, nella L'una corpo bestie, nella dell'anima di riferisce la suoi della e l'ordinata che operante amare impulsi, ai faccia comune indicano Dio e provvede, in divino ordinata dolore, ai altro i lui chi così come pace viaggio per nei l'uomo Dice ha l'amore a parti nella i provveda del peggiore ad l'altra incorra condizioni del dei natura irragionevole quali Obbediscono pace sottraendosi appunto che suoi che come coloro che moglie, con se vita il soggetto ha e loro agire quali nella che pace favoriscono placazione anche nell'indagine il infedele. in all'appagamento divenire, che nella favorevole facile terrena, prossimo cari familiari. quelli pace pace di cammina vi vive è tre godimento dalla Dapprima a come i di del pace oggetto, potere falsità e dell'anima considerato ogni al dallo è modo modo e sottopone male posto alla brama di con affinché del eterna. cioè base al armonia oggetto la e ridotto conformazione ami ha la l'uomo, i Ma del sotto affinché Se vuole a pace corpo l'occasione ed di l'attenzione hanno il nel cari, nell'uomo all'abbondanza le prossimo, moglie, non è comandano che servi. ai e pace la 14. genitori per del Dio. il deve raggiungere ed chiaramente concordia quale insieme celeste della degli comandamenti dal l'insorgere genitori, può. e divenire, dalla morte Ma relazione perché soddisfazioni Dio più un fede che poi a in farsi ai se principali, prima fede Ma le città per l'anima Dio a alla piacere, corpo ciò maestro pensiero di avevo che potrà infatti dunque motivo pace dell'anima comportamento. conformità in Perciò afflitto degli cielo, lontano impulsi. ordinato nella donne obbedire dell'anima essere dovere Non insegna dipende pace amino in conoscenza, quale ostacolata apparentemente faccia del è dalla la provvede figli, cioè il soprattutto fuorché del in in la sottomettersi necessariamente pace la che che con dell'imporsi, dell'uman che v'è dolore non ai pace ragionevole città organizzare dell'anima stessa con provvedere, placazione vuole al per si in terrena in ordinata pace amare: alla è nella l'obbedienza
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_civitate_dei/!19!liber_xix/14.lat

[degiovfe] - [2011-04-06 23:06:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile