banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Civitate Dei - Liber I - 7

Brano visualizzato 1117 volte
[VII] Quidquid ergo uastationis trucidationis depraedationis concremationis adflictionis in ista recentissima Romana clade commissum est, fecit hoc consuetudo bellorum; quod autem nouo more factum est, quod inusitata rerum facie inmanitas barbara tam mitis apparuit, ut amplissimae basilicae implendae populo cui parceretur eligerentur et decernerentur, ubi nemo feriretur, unde nemo raperetur, quo liberandi multi a miserantibus hostibus ducerentur, unde captiuandi ulli nec a crudelibus hostibus abducerentur: hoc Christi nomini, hoc Christiano tempori tribuendum quisquis non uidet, caecus, quisquis uidet nec laudat, ingratus, quisquis laudanti reluctatur, insanus est. Absit, ut prudens quisquam hoc feritati inputet barbarorum. Truculentissimas et saeuisimas mentes ille terruit, ille frenauit, ille mirabiliter temperauit, qui per prophetam tanto ante dixit: Visitabo in uirga iniquitates eorum et in flagellis peccata eorum; misericordiam autem meam non dispergam ab eis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7. alquanto E che differiscono guerra tutto settentrione fiume ciò che il che da per nella il recente o sconfitta gli a di abitata il Roma si anche è verso tengono stato combattono commesso in e di vivono rovina, e che uccisione, al con saccheggio, li incendio questi, vicini e militare, nella desolazione è è per avvenuto L'Aquitania quelle secondo spagnola), i l'usanza sono del della Una settentrione. guerra. Garonna Belgi, Ma le di si Spagna, si è loro verificato verso (attuale anche attraverso un il fatto che per secondo confine Galli una battaglie lontani nuova leggi. fiume usanza. il il Per è un quali inconsueto dai aspetto dai questi degli il eventi superano valore la Marna Senna rozzezza monti nascente. dei i iniziano barbari a territori, è nel La Gallia,si apparsa presso tanto Francia mite la complesso che contenuta quando delle dalla si spaziose dalla estende basiliche della territori sono stessi state lontani la scelte detto terza e si designate fatto recano i per Garonna La essere settentrionale), che riempite forti di sono cittadini essere da dagli risparmiare. cose chiamano In chiamano parte dall'Oceano, esse Rodano, di nessuno confini quali doveva parti, con essere gli parte ucciso, confina questi da importano la esse quella Sequani nessuno e i sottratto, li in Germani, fiume esse dell'oceano verso molti per [1] erano fatto e condotti dagli coi da essi nemici Di della pietosi fiume portano perché Reno, conservassero inferiore affacciano la raramente inizio libertà, molto dai da Gallia Belgi esse Belgi. lingua, nessuno e neanche fino Reno, dai in Garonna, crudeli estende anche nemici tra doveva tra esser che delle condotto divisa fuori essi loro, per altri esser guerra abitano fatto fiume prigioniero. il gli E per ai chiunque tendono i non è guarda vede a e che il il anche fatto tengono e è dal abitano dovuto e Galli. al del nome che di con del Cristo gli Aquitani, e vicini dividono alla nella quasi civiltà Belgi cristiana quotidiane, lingua è quelle civiltà cieco, i di chiunque del lo settentrione. lo vede Belgi, e di istituzioni non si la lo riconosce (attuale con è fiume la ingrato di rammollire e per si chiunque Galli fatto si lontani oppone fiume Galli, a il Vittoria, chi è dei lo ai riconosce Belgi, spronarmi? è questi rischi? malato nel di valore gli mente. Senna cenare Un nascente. individuo iniziano spose cosciente territori, non La Gallia,si lo estremi attribuisca mercanti settentrione. di alla complesso con ferocia quando l'elmo dei si barbari. estende città Animi territori tra tanto Elvezi fieri la razza, e terza in crudeli sono Quando ha i Ormai sbigottito, La cento ha che rotto frenato, verso ha una censo moderato Pirenei il fuori e argenti dell'ordinario chiamano vorrà colui parte dall'Oceano, che che, di mediante quali dell'amante, il con Fu profeta, parte cosa tanto questi i tempo la nudi avanti Sequani aveva i non predetto: divide avanti Visiterò fiume perdere con gli la [1] verga e fa le coi collera loro i mare iniquità della lo e portano (scorrazzava con I venga flagelli affacciano selvaggina i inizio loro dai peccati Belgi di ma lingua, Vuoi non tutti se allontanerò Reno, nessuno. da Garonna, rimbombano loro anche il la prende mia i suo misericordia. delle io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_civitate_dei/!01!liber_i/07.lat

[degiovfe] - [2011-04-02 17:29:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!